12 minuti fa:Arriva il docu-film “I due viaggi di Francesco” sulla vita del Santo protettore della Calabria
13 ore fa:Elezioni comunali a Co-Ro, il passo avanti di Azione che punta tutto su Mattia Salimbeni
14 ore fa:Ad Alessandria del Carretto nasce il Museo alessandrino delle Maschere
1 ora fa:Il Pd di Co-Ro sull’alta velocità ferroviaria in Calabria: «Bisogna perseguire il progetto originario»
12 ore fa:Il miraggio di un ospedale
1 ora fa:La Commissione Europea promuove col massimo dei voti la "Notte della Ricerca" Unical
3 ore fa:Anche oggi le piste di Lorica rimarranno chiuse a causa delle elevate temperature
13 ore fa:VOLLEY FEMMINILE - La Caffè San Vincenzo è vincente anche in Coppa Calabria
42 minuti fa:Il senatore Rapani (FdI) presenta un disegno di legge sul dissesto idrogeologico
14 ore fa:Salimbeni sui ritardi relativi ai progetti PinQua: «Non abbiamo più tempo, serve una task force»

Cariati, l'Amministrazione «alla politica delle calunnie risponde con la politica del fare»

1 minuti di lettura

CARIATI - L’amministrazione comunale, guidata dal Sindaco Cataldo Minò, esprime solidarietà al Presidente del consiglio con delega alla cultura Alda Montesanto «per le gravi e farneticanti accuse ricevute dal gruppo di opposizione "L’alternativa c’è". Non cediamo alle provocazioni di chi, denigrando e screditando l’operato altrui, vorrebbe portarci al proprio infimo livello». 

«Continuiamo a lavorare, come abbiamo fatto da quando ci siamo insediati, nel pieno rispetto della legalità e della trasparenza, nell’interesse esclusivo della comunità. Alla politica delle calunnie e delle insinuazioni, prive di ogni fondamento, preferiamo infatti rispondere con la politica del fare. Ed è sotto gli occhi di tutti!» .

«Basta fare una semplice passeggiata per le vie del centro storico e della marina. In soli 5 mesi quest’amministrazione è stata capace di rialzare la nostra cittadina dal baratro in cui negli ultimi sette anni era precipitata. Ad iniziare dai servizi essenziali, acqua, rete fognaria, spazzatura che, dopo anni di noncuranza, hanno restituito dignità al nostro comune. Quella stessa dignità che ha finalmente ritrovato anche l’area cimiteriale. Abbiamo ridato vita al nostro lungomare, con la messa a dimora delle palme e la sostituzione dei vecchi lampioni. Abbiamo soprattutto riportato la parola “dignità” all’interno del consiglio comunale e puntato sul valore e l’importanza della cultura a 360 gradi come volano di ripresa e di sviluppo».

«Testimonianza assoluta di questo fermento culturale che si respira è l’istituzionalizzazione del Museo civico e l’adesione alla Rete dei musei della sibaritide, grazie al quale il MuMam è divenuto un punto di riferimento territoriale per la serie di eventi che ospita costantemente. E sempre in tema di cultura, giova ricordare che abbiamo restituito alla comunità il Teatro comunale, rimasto chiuso per oltre due anni per mera negligenza. Siamo in stretta collaborazione con le istituzioni scolastiche e pronti ad ascoltare e dare risposta ad ogni loro esigenza e ricordiamo che sta per partire la programmazione natalizia che, fino al 6 gennaio, vedrà il nostro centro storico protagonista indiscusso di una serie di iniziative ed eventi che non hanno nulla da invidiare a centri più blasonati». 

«Sono solo alcuni esempi di una lunga lista di opere e di iniziative visibili anche ai più miopi e che se da un lato stanno ridando lustro alla nostra cittadina, dall’altro stanno evidentemente alimentando frustrazioni e mortificazioni in quanti faticano ad accettare l’occasione ormai persa e soprattutto a rassegnarsi alla perdita di quel consenso popolare che, in toto, gli ha voltato le spalle. Lo ribadiamo: legalità, trasparenza e correttezza sono le nostre parole d’ordine. La politica dell’odio e del rancore non ci metterà all’ angolo. Proseguiamo a schiena dritta, senza dover ricorrere alla Guardia di Finanza a cui altri, non certamente noi, sono già arcinoti per le più disparate visite ricevute» concludono.

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.