6 ore fa:Gettate le basi per la collaborazione tra il Palma e la Biblioteca “Carmine De Luca”
8 ore fa:Stasi: «Graziano parla di una sanità che esiste solo nella sua testa»
3 ore fa:Il comune di Civita si unisce al cordoglio per la perdita di Lorenzo Francomano
7 ore fa:Autonomia Differenziata, in Calabria nasce il coordinamento per il referendum
4 ore fa:Il convegno su Autonomia Differenziata tra il ravvedimento di Occhiuto e l'assenza dei sindaci calabresi
4 ore fa:Si è insediato il nuovo Prefetto di Cosenza Rosa Maria Padovano
5 ore fa:Tutta la Calabria del nord-est in preda alle fiamme: incendi da Oriolo a Paludi
8 ore fa:Il Comprensivo di Crosia primo in Italia alla richiesta di finanziamento per mobilità discenti e personale dell'Istruzione
5 ore fa:Nefrologia, Sapia rilancia: «L'Asp bandisca un concorso per potenziare l'organico»
3 ore fa:Un Biologo alla guida del Polo Liceale di Rossano

Dalla protesta alla proposta, ecco le idee di FdI su aree pubbliche e credito d’imposta

1 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO - «Dalla protesta alla proposta. Fratelli d’Italia, nel solco di un’azione politica mirata al buongoverno del territorio, intende contribuire fattivamente, oltre alla disamina delle criticità vigenti, con proposte tangibili aventi come obiettivo il miglioramento della qualità della vita dei cittadini. Riteniamo, infatti, che un inedito modus operandi, incentrato sul perseguimento di efficaci iniziative, sia utile ad accorciare il divario esistente tra pubblico e privato, innescando una virtuosa e innovativa cultura di relazioni tra gli stessi cittadini e le istituzioni».

È quanto afferma Gioacchino Campolo, coordinatore cittadino di Fratelli d’Italia

Corigliano-Rossano

«Occorre, - spiega - anzitutto, avviare una proficua relazione di collaborazione tra Amministrazione Comunale e settore privato, fondata sulla convergenza di interessi, pur con finalità diverse, per determinare reciproci vantaggi. Un simbiotico rapporto, in cui ciascuno partecipa allo sviluppo di processi congiunti per la creazione di valore, la realizzazione di obiettivi comuni, la corresponsabilità sul raggiungimento di lungimiranti risultati. Quali i vantaggi per l’ente pubblico? La promozione di una visione ‘aziendale’ dei servizi erogati alla cittadinanza, con l’acquisizione di nuove, manageriali competenze e la valorizzazione delle realtà locali in base al criterio della meritocrazia. Quali i vantaggi per i soggetti privati? Lo sviluppo economico, mediante la partecipazione a processi decisionali, e il miglioramento della rispettiva immagine aziendale, partendo, ad esempio, dall’attuazione di una politica di defiscalizzazione in cambio di azioni».

«Tanto si potrebbe fare, per menzionare un altro significativo esempio, in materia di credito d’imposta sulla Tosap. Il Comune, previa verifica della vigente normativa ed eventuali margini d’azione nella medesima ricompresa, potrebbe verificare l’attuazione di un credito d’imposta sull’acquisto di arredi, attrezzature ed ornamenti destinati alla collettività. Si tratterebbe, in pratica, di ‘scontare’ il pagamento della tassa sul suolo pubblico “in cambio” del decoro ottenuto con investimenti in quelle aree ed in base a parametri inizialmente stabiliti. Quali gli obiettivi per l’ente pubblico? La garanzia della manutenzione e del decoro delle aree in modo omogeneo, costante e corredato. Quali gli obiettivi per i soggetti privati? L’ottenimento di aree da curare con la possibilità di sgravi, alla luce degli investimenti realizzati ed alle stesse destinati».

«Piccoli esempi, ma che ben rendono l’idea di come si possa fare molto, ed in piena sinergia tra Amministrazione Comunale e cittadini, con l’auspicio che queste proposte vengano recepite e fatte proprie. Noi siamo, fin da subito, pronti all’incontro e al confronto, pur dal nostro ruolo di forza politica d’opposizione ma responsabile» conclude.

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.