11 ore fa:A Corigliano-Rossano “è tempo di volley”: presentato il progetto all’Istituto Costabile Guidi
11 ore fa:Cassano, sottoscritto protocollo d’intesa tra amministrazione e sindacati
12 ore fa:Calabria Sona protagonista del primo Festival del Turismo Musicale a Milano. Ecco quando
8 ore fa:Agricoltura, accolte le richieste della Calabria a seguito degli eventi calamitosi
9 ore fa:Contrasto al caporalato, Cisl: «Attivare le Sezioni territoriali della Rete del lavoro agricolo di qualità»
9 ore fa:Cariati, nasce la nuova Giunta Greco con Antonio Arcuri vicesindaco
11 ore fa:Il riconoscimento della regione ai genitori del campione d’Europa di Volley, Daniele Lavia
10 ore fa:Inchiesta Sibari-Co-Ro: i due progetti messi allo specchio
10 ore fa:Presentata la quinta edizione di “Cose Belle Festival 2021” tra creatività, illustrazione e design
12 ore fa:“U tatarannu” dei pescatori. Il nuovo murale nel borgo marinaro di Schiavonea

«Ragazzi miei, scappate lontano dalla mediocrità»

3 minuti di lettura

Quando mi è stato chiesto di mettere nero su bianco alcune mie riflessioni, non avevo ben chiaro quale messaggio avrei voluto trasmettere, forse perché dopo il periodo che abbiamo vissuto e che stiamo ancora vivendo, vorrei dire tante cose.

Avrei potuto scrivere di un mondo in cui si possa pensare di lavorare secondo merito e secondo giustizia, in cui essere etero o omosessuale non è condizione discriminante, in cui essere bianco o nero non faccia differenza, cosi come essere meridionale o settentrionale...che il Covid ci ha cambiati, alcuni in peggio, altri in meglio, che vorrei un’Italia dove il diritto alla sanità, alla salute esista anche per quelli del sud, quelli che non prendono i treni superveloci con gli annessi comfort, ma i 2 vagoni delle “lettorine” di un tempo. 

Avrei potuto mettere nero su bianco il fatto che alcune delle ultime normative sono un’azione punitiva contro la cultura, l’arte e lo spettacolo, perché senza cultura, senza conoscenza, si sa, siamo tutti molto più gestibili, e diventiamo tuttologi social. Avrei ancora potuto parlare dell'Italia in cui se commetti un reato vieni processato, un'Italia in cui studiare non è una colpa, ma un onore, la colpa forse è quella di certificati, attestati e titoli che ti porti a casa con qualche ora del tuo weekend che sottrai al tempo libero.

Avrei potuto scrivere di un Paese in cui quando la donna dice no è no.

Oppure avrei potuto scrivere della bellezza che è quella dello spirito,  non quella delle forme di una donnina, o di quanto mi arrabbio quando qualcuno a domanda risponde “faccio il musicista” e l’altro gli fa <>???!!! 

Ma poi ho pensato a loro, ai giovani, ai ragazzi, a questa nuova “generazione di fenomeni”, come recitava una canzone degli Stadio.

" Li avete visti i ragazzi di oggi? I giovani delle medie o delle superiori... tutti sciatti, svogliati, sempre distratti, sempre con gli occhi sul telefonino o le cuffiette alle orecchie… sembrano insensibili a tutto no... li avete visti?

Beh se li avete visti così non li avete visti bene, per niente!

Se li avete visti così è perché abbiamo perso la capacità di guardarli e di vederli per come sono davvero. Perché forse le cuffiette se le mettono per non sentirci, perché magari non ci vogliono parlare con noi, perché forse conoscono il mondo che gli stiamo lasciando"!

Con queste parole si aprivano gli stati generali dei giovani, quei ragazzi che sono stanchi di ascoltare le nostre prediche, con i quali dovremmo tentare di costruire un dialogo più empatico.

Che mondo gli stiamo lasciando?

Un mondo mediocre direi, e se con gli anni mi sono abituata a molte cose, alla mediocrità non riesco proprio a farlo. E riflettendo sulla spiaggia, in riva al mare, la mattina presto, quando sei tu e il mare, il mare che ti parla e con il quale entri in contatto, la risposta a tutti miei pensieri, alle mie domande, ai miei crucci mi appare scontata: la mediocrità, alla quale con il tempo ci siamo prima abituati e forse ora anche assuefatti.

E se qualcuno può salvarci dalla mediocrità di questo tempo, che soffoca i sognatori, che schernisce i visionari e insabbia il pensiero creativo, sono proprio loro, i giovani, che non sono solo scapestrati, strafottenti e arroganti e irresponsabili - del resto gli adolescenti lo sono per definizione, è una fase della vita, lo siamo stati tutti - ma sono intelligenti, velocissimi a imparare, appassionati e sognatori. E sono tanti i ragazzi così, una maggioranza silenziosa, che non fa rumore, non fa audience, perché non finisce sulle pagine della cronaca, non ruba, non spara, non fa niente di eroico… O forse sì: resiste e una mattina magari decide di alzarsi e scende in piazza a pretendere un futuro diverso da quello che gli stiamo lasciando.

Perciò ragazzi miei, siamo nelle vostre mani! Scappate lontano dalla mediocrità che vi vuole tutti uguali, stereotipati!  Prendete il largo, alzate la voce e fatevi sentire! Urlate e se volete, “trattateci anche male, ma con educazione”


Il Corsivo è curato dalla reggenza dell'Eco dello Jonio con la preziosa collaborazione della prof.ssa Alessandra Mazzei che ogni settimana offre agli utenti la lettura in forma esclusiva di contributi autentici, attuali e originali firmati da personalità del mondo della cultura, della politica e della società civile di fama nazionale e internazionale

Maria Rosaria Bianco
Autore: Maria Rosaria Bianco

Laureata in Economia e Commercio, la sua professione prende una strada decisamente diversa e si diploma come attrice al Conservatorio delle Spettacolo di Roma. Insegnate di teatro e direttore artistico della MAROS Eventi, porta al successo eventi regionali come IL GIRO DI MEZZANOTTE, IL VIVENTE IN MUSICA, IL MISTERO DELLA MADRE e SPECCHI RIFLESSI. Ama l’Arte, la Cultura e lo Spettacolo, nelle sue diverse forme e fa di questa passione artistica multidisciplinare il suo mestiere, con uno studio sempre curioso e costante. Impegnata nel sociale è mamma di Giuseppe e Alessandro Pallone. Crede nei giovani come unica forza appassionata e trainante di questa società. Collabora da anni con diversi enti e associazioni e realtà culturali, nazionali, regionali e del territorio e mantiene un rapporto professionale continuo con Roma, la città che l’ha vista nascere e crescere come artista e performer sotto la guida di Alberto Mosca e Gabriel Ferzetti e l’esempio di Fioretta Mari e Gigi Proietti.