15 ore fa:Laghi di Sibari, Guerrieri (Ndc) chiede la riattivazione del distributore carburante e nuove power station
14 ore fa:Autonomia Differenziata: L'Onestà Intellettuale di Occhiuto e l'Appello dei Sindaci, Oltre la Politica
22 ore fa:Cosa si dice nella Calabria del nord-est: una settimana di notizie
22 ore fa:È Giuseppe Pallone l'artefice della vittoria italiana nella Performer Cup
18 ore fa:CALCIO - Promozione A, l'Altomonte si regala tre perle: Bonafine, Diabite e Iannibelli
23 ore fa:Suoni Festival 2024: al via l'avventura musicale nel cuore di Castrovillari
15 ore fa:"Poesie sotto le stelle" al Circolo Culturale Rossanese
14 ore fa:Treno-shuttle Sibari-Aeroporto Crotone? Si sta già perdendo troppo tempo
18 minuti fa:Stop afa nella Sibaritide ma arrivano temporali e (forse) grandine
Ieri:Allo stadio "Valli Sant'Antonio" un concerto in musica e solidarietà

Castrovillari, chiede un aumento al datore di lavoro e viene palpeggiata

2 minuti di lettura

CASTROVILLARI - I Carabinieri della Compagnia di Castrovillari all’esito di un’articolata attività svolta, hanno eseguito la misura cautelare del divieto di dimora nel Comune di Castrovillari, nel Cosentino, nei confronti di F.G.F., classe ’64, indagato per il delitto di violenza sessuale, sulla base dei preliminari accertamenti compiuti, nell’ attuale fase delle indagini preliminari, del procedimento penale in corso.

Le investigazioni coordinate e dirette in prima persona dal, Procuratore della Repubblica di Castrovillari Alessandro D’Alessio, sono state attivate, in conformità a quanto previsto dalla Legge e alle direttive vigenti presso la Procura della Repubblica in materia di delitti di cosiddetto “codice rosso”, a seguito della denuncia presentata da una dipendente di una parafarmacia di Castrovillari. Nonostante il comprensibile disagio nel raccontare la vicenda, la donna, ha raccontato che nel maggio scorso aveva richiesto un’interlocuzione con il datore di lavoro al fine di regolarizzare la propria posizione lavorativa e richiedere un aumento della retribuzione, in virtù dell’incarico ricoperto quale estetista presso l’esercizio commerciale. In questa circostanza l’uomo, durante l’interlocuzione avvenuta in un locale interno non coperto da sistemi di videosorveglianza, dopo aver richiesto che la donna rimanesse in slip, per motivi in nessuna misura collegabili ad un’eventuale attività medica concordata, l’avrebbe dapprima palpeggiata all’altezza delle cosce per poi tentare di baciarla due volte, trattenendola per un braccio allo scopo di avvicinarle il volto.

Acquisita la notizia di reato, la Procura della Repubblica ha immediatamente impartito e seguito l’attuazione delle direttive previste per i casi di delitti in materia di violenza di genere e contro la libertà sessuale delle persone. L ’indagine e le verifiche compiuti dai militari dell’Arma sono consistiti nel ricostruire l’esatta modalità dello svolgimento dell’evento sulla base dell’analisi delle immagini dell’esercizio commerciale e la comparazione delle testimonianze delle altre persone a conoscenza della vicenda.

Nel corso delle indagini, sia pure ad un livello di gravità indiziaria ed in attesa delle successive verifiche, è emerso anche il tentativo di condizionare ed orientare le versioni che le dipendenti dell’attività commerciale avrebbero fornito nell’ attività di ricostruzione della vicenda da parte degli investigatori. Un quadro indiziario, ed in attesa dei successivi sviluppi, ricostruito analiticamente dalla Procura di Castrovillari che è stato poi riepilogato dettagliatamente nella richiesta di misura cautelare. I vari elementi raccolti dai Carabinieri, ritenuti dai Pubblici ministeri convergenti e perfettamente sovrapponibili relativamente al racconto della vittima e quanto acquisito dalle testimonianze, sono stati sottoposti alla valutazione del Gip del Tribunale che ha emesso la misura cautelare del divieto di dimora nel Comune di Castrovillari nei confronti dell’uomo, da considerarsi comunque innocente fino a sentenza passata in giudicato.

Infatti, il giudice, che ha considerato anche la versione sin qui fornita dall’indagato che è stato sottoposto ad interrogatorio durante le preliminari indagini, ha concordato con la sussistenza di un quadro di gravità indiziaria circa la verifica dell’ipotesi di accusa sin qui provvisoriamente formulata ed ha anche riconosciuto, sia pure in attesa delle successive verifiche, l’ esigenza cautelare del pericolo di inquinamento probatorio.
A distanza di meno di due mesi dalla denuncia, è arrivata, dunque, una prima valutazione da parte della Procura di Castrovillari coadiuvata dai militari dell’Arma dei Carabinieri, che si sono attivati immediatamente a dimostrazione della concreta sensibilità verso questa tipologia di reati.

Fonte: corrieredellacalabria.it

Luigia Marra
Autore: Luigia Marra

Mi sono diplomata al Liceo Classico San Nilo di Rossano, conseguo la laurea in Lettere e Beni Culturali e successivamente la magistrale in Filologia Moderna presso Università della Calabria. Amo ascoltare ed osservare attentamente la realtà di tutti i giorni. Molto caotica e confusionaria, ma ricca di storie, avvenimenti e notizie che meritano di essere raccontate.