12 ore fa:Ecco i 24 eletti del nuovo Consiglio Comunale di Corigliano-Rossano: Rosellina Madeo la più votata
14 ore fa:Ripartono a ritmo serrato i cantieri del Nuovo Ospedale: D'Agostino cerca manodopera locale
17 ore fa:Fratelli d'Italia Calopezzati: «Giunta comunale incapace di chiedere scusa alla Sorical Spa»
12 ore fa:L'Unical continua a crescere: per il quinto anno consecutivo aumenta la percentuale di iscritti
17 ore fa:Cassano Jonio, Falbo soddisfatto per i risultati delle ultime consultazioni elettorali
13 ore fa:Cambia la viabilità sul lungomare Colombo di Cariati per la stagione estiva
14 ore fa:Elezioni Comunali a Co-Ro, ancora nessun dato ufficiale sui Consiglieri eletti
14 ore fa:Sanità, l'allarme di Laghi: «Qualcuno vuole portare al tracollo l'ospedale di Castrovillari»
16 ore fa:Odissea 2000, sabato 15 parte Olympus con i Pittagorici e il loro pranzo degli dei
12 ore fa:La storia delle scatoline liquirizia Amarelli al Ministero del Made in Italy

Detenuto accusato di falsa testimonianza è stato assolto perché il fatto non sussiste

1 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO - Il 52enne pluripregiudicato C.M., difeso dagli avvocati Francesco Nicoletti e Gianluigi Zicarelli, è stato assolto dall’accusa di falsa testimonianza con la formula “perché il fatto non sussiste”. All’uomo si contestava di aver riferito, in qualità di testimone nel corso di un processo penale dinanzi all’Autorità Giudiziaria, circostanze incompatibili con quelle acquisite in fase di indagini preliminari.

La vicenda aveva avuto origine nel periodo in cui il 52enne era detenuto, quando la convivente aveva notato un uomo, nascosto nei pressi della propria abitazione, allontanarsi in maniera sospetta e quando era giunta una missiva contenente minacce e ingiurie all’indirizzo di C.M., pretendendo la restituzione di una somma di denaro prestata in precedenza. A seguito della denuncia sporta dalla donna, identificato il mittente – che in altre occasioni aveva inviato messaggi dello stesso tenore – il 52enne veniva sentito a sommarie informazioni all’interno dell’Ufficio Comando della Casa di Reclusione di Rossano, alla presenza di Ufficiali e Agenti di Polizia Giudiziaria. L’uomo confermava l’identificazione del mittente, dichiarando di aver ricevuto più lettere contenenti minacce di morte nelle quali, di volta in volta, veniva aumentato il debito. 

Da qui il procedimento a carico di chi era stato identificato quale autore delle lettere, nel corso del quale il 52enne avrebbe dichiarato falsamente di non aver ricevuto dall’imputato alcuna minaccia di morte. Trasmessi gli atti alla Procura della Repubblica, ebbe quindi inizio il processo per falsa testimonianza nei confronti di C.M. nell’ambito del quale, al termine dell’istruttoria dibattimentale il Pubblico Ministero chiedeva la condanna alla pena di anni 1 e mesi 6 di reclusione. Il Tribunale di Castrovillari, all’esito della camera di consiglio, in totale accoglimento delle richieste avanzate dagli avvocati Francesco Nicoletti e Gianluigi Zicarelli, ha emesso sentenza di assoluzione nei confronti dell’imputato con la formula più ampia: perché il fatto non sussiste.

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.