6 ore fa:Annunziata, entra in funzione il nuovo reparto di Ginecologia
7 ore fa:Autonomia differenziata, Graziano e De Nisi (Azione) chiedono ai deputati di votare "No"
4 ore fa:Elezione diretta del premier e abolizione dei senatori a vita: approvato Ddl costituzionale al Senato
8 ore fa:Gallo alla mobilitazione Coldiretti Calabria "basta cinghiali": «La Regione farà la sua parte»
3 ore fa:Laboratorio creativo a Corigliano-Rossano per il progetto Green future Erasmus+
7 ore fa:Apprendimento, promozione territoriale e divertimento: numeri raddoppiati per il “Calabria Summer Camp 2024”
4 ore fa:Presto gemellati i comuni di San Cosmo Albanese e quello albanese di Mirdita
5 ore fa:Lo spoke ancora in sofferenza, Castrovillari fa quadrato attorno al suo ospedale
6 ore fa:Brucia l'alto Jonio: incendi a Iti, Piana Caruso e Sibari
5 ore fa:Saccomanno ringrazia la Calabria «per il risultato straordinario della Lega alle ultime elezioni»

Co-Ro, morte del giovane 29enne al Pronto soccorso: 5 medici indagati

1 minuti di lettura

CORIGLIANO- ROSSANO - Sono cinque i medici che la Procura di Castrovillari ha iscritto nel registro degli indagati per consentire l’esame autoptico sul corpo del giovane Eugenio Bisogni Plastina, 29enne deceduto nel Pronto soccorso dell’ospedale “Nicola Giannettasio”.

Si tratta del dentista che lo aveva in cura, del medico di base e degli altri sanitari che avrebbero interagito con Plastina quando si è recato ai Pronto soccorso degli ospedali “Guido Compagna” prima e “Giannettasio” poi.

Il ragazzo è morto per quello che si sospetta essere stato un infarto. La prima visita al Pronto soccorso si sarebbe conclusa con la prescrizione di una bombola d’ossigeno da parte dei medici. La seconda sarebbe avvenuta perché il malessere, che andava avanti da giorni, non sarebbe scomparso e al “Giannettasio” i medici avrebbero disposto il trasferimento all’ospedale di Cosenza.

Una trasferta resa impossibile per via della mancanza – sull’ambulanza arrivata da Castrovillari – di una barella adeguata alla corporatura di Plastina. Nell’attesa che giungesse un secondo mezzo – questa la ricostruzione che l’inchiesta è chiamata a chiarire – il cuore del 29enne ha smesso di battere. Con la denuncia al Comando dei carabinieri di Corigliano-Rossano la famiglia (che presenzierà all’autopsia con il proprio medico di parte, così come i medici indagati) chiede che la verità.

Fonte notizia: corrieredellacalabria.it

Rita Rizzuti
Autore: Rita Rizzuti

Nata nel 1994, laureata in Scienze Filosofiche, ho studiato Editoria e Marketing Digitale. Amo leggere e tutto ciò che riguarda la parola e il linguaggio. Le profonde questioni umane mi affascinano e mi tormentano. Difendo sempre le mie idee.