4 ore fa:Un francobollo per Giovanni Verga, così Poste italiane omaggia lo scrittore del "verismo"
6 ore fa:Campionato italiano Bocce, al via la serie A2 di raffa: 4 squadre calabresi pronte a stupire e a far divertire
6 ore fa:Una goccia di "Mambisa" per sconfiggere il Covid: Nato il vaccino a somministrazione nasale
7 ore fa:Covid, in Calabria rallenta la curva dei ricoveri ma si registrano altre 8 vittime
4 ore fa:SS106, sempre più concreta la progettazione sulla Crucoli-Kr-Cz: la Sibaritide ora rischia il sorpasso
5 ore fa:Giovane ragazzo legato e segregato in casa dalla mamma: orrore calabrese
6 ore fa:Calabresi che brillano: Matteo Bonacci è l'Art Director della cantante Laura Pausini
8 ore fa:Oli esausti e scarti di officina scaricati nel Crati, scattano denunce e sequestri
3 ore fa:Cariati, studenti in piazza per ricordare l’Olocausto e allontanare ogni forma di discriminazione
5 ore fa:Fondi del Piano Nazionale, occasione di sviluppo per i trasporti calabresi

Il Castello di Crosia «sarà utilizzato per finalità di interesse pubblico e fruibile da tutti i cittadini»

1 minuti di lettura

CROSIA - Il Consiglio di Stato, con sentenza n. 261/2022 (Presidente Franconiero; Estensore Di Matteo), in accoglimento delle tesi difensive dell’Avv. Oreste Morcavallo, ha accolto l’appello del Comune di Crosia e dichiarata definitivamente legittima la prelazione esercitata dal Comune sul Castello di Crosia. Possono quindi partire i progetti di interesse pubblico e culturale, per la piena fruibilità del Castello da parte dei cittadini.

FATTI

Con atto di vendita venivano acquisite alcune porzioni del Castello di Mirto dichiarato bene d’interesse particolarmente importante, con provvedimento del Ministero per i beni e le attività culturali; in ragione di ciò, i venditori – sia pur in ritardo – denunciavano l’avvenuta conclusione del contratto di vendita alla Soprintendenza per le province di Catanzaro, Cosenza e Crotone.

Con nota la Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Catanzaro, Cosenza e Crotone informava il Comune di Crosia della vendita dell’immobile “per l’eventuale esercizio del diritto di prelazione”.

Con delibera il Comune di Crosia esercitava il diritto di prelazione sulle porzioni oggetto della vendita.

Con nota successiva il Ministero per i beni e le attività culturali dichiarava di non voler esercitare il diritto di prelazione sul bene ed esprimeva parere favorevole alla proposta di esercizio della prelazione da parte del Comune di Crosia.

Con ricorso al Tribunale amministrativo regionale per la Calabria, integrato da motivi aggiunti gli acquirenti impugnavano gli atti del Comune relativi all’esercizio del diritto di prelazione.

Il Comune di Crosia si costituiva in giudizio.

Il Tar accoglieva il ricorso ed annullava gli atti del Comune relativi all’esercizio del diritto di prelazione.

Proponeva appello il Comune di Crosia, con il patrocinio dell’Avv. Oreste Morcavallo.

Con la sentenza depositata in data odierna, il Consiglio di Stato accoglieva il ricorso ritenendo pienamente legittima la procedura seguita dal Comune di Crosia, per l’acquisizione della proprietà del Castello.

Per effetto di tale importante decisione il Castello sarà dunque utilizzato per finalità di interesse pubblico e fruibile da tutti i cittadini.

L’Avv. Oreste Morcavallo esprime soddisfazione per l’esito del giudizio, per il risultato raggiunto e per i principi innovativi statuiti dal Consiglio di Stato relativi all’esercizio del diritto di prelazione di beni di interesse storico.

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.