18 ore fa:Giuseppe Pallone su Rai 2 sarà protagonista della Performer Cup
19 ore fa:La Vignetta dell'Eco
4 ore fa:Odissea 2000, 30 anni di identità turistica. Montesanto: « Un modello a cui ispirarsi»
2 ore fa:Viaggio tra i Feudi della Sila Greca - Il Feudo di Cariati: dai Borgia agli Spinelli
22 ore fa:Cariati, in arrivo 576 mila euro per l'asilo nido: garantiti ulteriori 24 posti
21 ore fa:Scatta la mobilitazione di Coldiretti Calabria: «Basta cinghiali e fauna selvatica»
1 ora fa:Ritorna Autori d'(A)mare: domenica 23 giugno arriva Serena Bortone
20 ore fa:Ora bisogna aprire una vertenza generazionale
20 ore fa:Campana, presto verrà rifatta parte della rete idrica comunale
3 ore fa:Cosa si dice nella Calabria del nord-est: una settimana di notizie

Sila-Mare, le rassicurazioni dal tavolo regionale: tutta percorribile entro settembre 2025

3 minuti di lettura

LONGOBUCCO – Buone notizie per la Sila-Mare… almeno si spera. Nel vertice che si è tenuto ieri a Catanzaro tra Anas e le rappresentanze istituzionali del territorio è venuto fuori che l’eterna strada della Valle del Trionto, i cui lavori iniziarono all’inizio degli anni ’90, dovrebbe essere interamente percorribile, in sicurezza, dal Ponte di Caloveto fino a Longobucco, entro settembre 2025. Tutto questo seguendo un cronoprogramma di lavori e di spese la cui progressione dovrebbe iniziarsi a vedere da subito.

All’incontro, tenutosi presso il Dipartimento Lavori Pubblici della Regione Calabria, hanno partecipato il massimo dirigente di Anas Calabria, Francesco Caporaso, e poi i consiglieri regionali Giuseppe Graziano, Davide Tavernise e Domenico Bevacqua, la parlamentare Vittoria Baldino, il vicesindaco di Longobucco, Andrea Murrone, ed il segretario della Camera del Lavoro Cgil longobucchese, Tonino Baratta.

L’opera di ultimazione dell’opera procede su due filoni di lavori: il primo, in capo alla Regione Calabria; il secondo, in capo ad Anas. La Regione sta lavorando, in queste settimane, sull’infrastruttura stradale nel tratto compreso tra il ponte Manco/Destro e il ponte di Caloveto il cui intervento dovrebbe essere ultimato nelle prossime settimane e – per come emerso dall’incontro in Cittadella – il tratto di strada di circa 6km dovrebbe essere percorribile entro la prossima estate (si spera per la festività di San Domenico del 4 agosto). Ovviamente, anche questo tratto di strada, una volta ultimato passero nelle competenze di Anas.

Poi c’è il tratto mediano e quello a monte, interessato dal crollo del viadotto il 3 maggio 2023 e sicuramente più complesso da gestire. Qui sta intervenendo l’Anas e il Ministero delle Infrastrutture. I 9 milioni di euro promessi dal ministro Salvini per ripristinare l’opera e metterla in sicurezza ci sono e sono stati inseriti nel Contratto di Programma, quindi sono già esigibili.

Come si sta procedendo? Anas Calabria si è detta molto fiduciosa, considerati i tempi celeri in cui si stanno consumando le procedure burocratiche, di poter consegnare l’opera entro (e forse anche prima!) dei 24 mesi di tempo previsti dal cronoprogramma. Pertanto, entro settembre 2025 sia il lotto mediano che quello a monte dovrebbero essere conclusi e la strada, dunque, considerata l’ultimazione del lotto più a valle, dovrebbe essere percorribile per intero.  

Dicevamo dei 9 milioni di euro. Poco meno della metà di questi fondi si stanno già spendendo per la messa in sicurezza del tratto a monte (Ortiano/Longobucco) per consolidare i piloni dei viadotti che fondano nel letto del torrente Trionto e che rappresentano le prime opere murarie realizzate lungo la strada, risalenti quindi agli anni ’90.

Poi c’è la ricostruzione del Viadotto Ortiano e delle opere accessorie per un importo totale di circa 4,5 milioni di euro. Intenzione di Anas e dei progettisti, infatti, non è solo quello di rimettere in piedi il ponte crollato sotto la forza della piena del fiume ma di realizzare tutta una serie di opere idrauliche volte a mitigare la violenza della propulsione torrentizia. Al termine di alcuni studi eseguiti in questi mesi proprio dall’Ente nazionale per le strade italiane è emerso che quel 3 maggio dello scorso anno, l’acqua del Trionto, ha sbattuto sui piloni del ponte con una violenza di 10 metricubi al secondo. Una forza inaudita che si presume non sia stata nemmeno la più violenta nel corso degli ultimi due decenni. Viene da chiedersi, allora, se e come vennero fatti – all’epoca della progettazione dell’opera – gli studi idrogeologici sull’impatto della natura sull’infrastruttura. Ma su questo, probabilmente, chiarirà la Procura di Castrovillari che sul caso ha aperto un fascicolo.

Pertanto, per evitare nuovi pericoli, d’accordo con l’Autorità di bacino regionale, Anas realizzerà nel greto del Trionto dei dissuasori artificiali che, in caso di piena, dovrebbero frenare la violenza d’impatto dell’acqua sulle opere infrastrutturali.

Infine, c'è tutta la questione del tratto a valle, quello che dal ponte Caloveto dovrebbe collegare l'arteria alla Statale 106 e concludere definitivamente quel progetto che ormai quarant'anni fa voleva mettere in connessione le spiagge joniche con il cuore della Sila in appena 30 minuti. Si tratta di un'altra decina di chilometri, tutti nell'alveo del Trionto, che i tecnici Anas in questi mesi stanno mettendo su carta e, una volta ultimato il progetto, dovrebbe partire la valutazione d'impatto e di fattibilità e poi la gara d'appalto. Ma su quest'opera si prevedono tempi più lunghi.

Marco Lefosse
Autore: Marco Lefosse

Classe 1982, è schietto, Idealista e padre innamorato. Giornalista pubblicista dal 2011. Appena diciottenne scrive alcuni contributi sulla giovane destra calabrese per Linea e per i settimanali il Borghese e lo Stato. A gennaio del 2004 inizia a muovere i passi nei quotidiani regionali. Collabora con il Quotidiano della Calabria. Nel 2006 accoglie con entusiasmo l’invito dell’allora direttore de La Provincia, Genevieve Makaping, ad entrare nella squadra della redazione ionica. Nel 2008 scrive per Calabria Ora. Nell’aprile 2018 entra a far parte della redazione di LaC come corrispondente per i territori dell’alto Jonio calabrese. Dall’1 giugno del 2020, accoglie con piacere ed entusiasmo l’invito dell’editore di guidare l’Eco Dello Jonio, prestigioso canale di informazione della Sibaritide, con una sfida: rigenerare con nuova linfa ed entusiasmo un prodotto editoriale già di per sé alto e importante, continuando a raccontare il territorio senza filtri e sempre dalla parte della gente.