1 ora fa:Trebisacce: 950 mila euro dal ministero per il ripascimento
2 ore fa:Prima "Charter Night" del Lions Club Castello Aragonese Pollino-Sibaritide-Valle dell’Esaro
1 ora fa:Rigenerazione urbana, A Co-Ro arrivano settantuno studenti dell'Università di Trento
5 ore fa:Il presidente del Consiglio Regionale Mancuso incontra il Principe Fulco Ruffo di Calabria
3 minuti fa:Mormanno: i tamburi di Monte Cerviero diventano associazione
6 ore fa:Senza RdC è corsa ai bonus e alle agevolazioni: a Co-Ro aumentano le richieste di accesso ai sussidi
5 ore fa:Manca poco all'appuntamento teatrale con Francesca Chillemi e Kabir Tavani
5 ore fa:Coldiretti Calabria: «portiamo sulle nostre tavola il miele calabrese»
1 ora fa:A Laino Borgo sta per partire la quinta campagna di scavi archeologici di Santa Gada
33 minuti fa:Cgil Longobucco promuove un evento sui diritti delle donne

I pazienti cardiologici da oggi si curano a casa. Il modello Castrovillari

1 minuti di lettura

CASTROVILLARI - Il dottore in ospedale, il paziente a casa: tele-visite e distanza.

Un nuovo modello di gestione tra ospedale e territorio è stato avviato nella cardiologia di Castrovillari, diretta dal dottor Giovanni Bisignani. Avviato il primo ambulatorio di cardiologia digitale. Il paziente resta a casa e si collega con il cardiologo del reparto per la televisita e per la compilazione dei piani terapeutici.

Un nuovo modo di fare assistenza che si aggiunge a quanto finora realizzato in tema di digitalizzazione. Basta ricordare che  il progetto di telecardiologia, in uso da anni nella Asp di Cosenza, è diventato esempio e punto di riferimento per tutta Europa. L’ambulatorio è stato avviato in accordo con il Direttore Generale dottor Antonello Graziano  e con la collaborazione della Ingegneria Clinica diretta dal dottor Antonio Capristo.

L’ambulatorio, già attivo per la compilazione dei piani terapeutici, è gestito dai dottori Antonio Mazziotti, Anna Lucia Cavaliere, Andrea Madeo, Lorenzo Volpe, Silvia Picarelli e dal Caposala Girolamo Angelini.

Alla soddisfazione dei pazienti coinvolti, si affianca poi quella del personale sanitario. Evitare l’accesso in ospedale solo per la compilazione, per esempio di un piano, terapeutico o per una semplice controllo di routine, evidenzia un netto miglioramento in termini di efficacia e di tempo dedicato alle visite di controllo.

«L’avvio del primo ambulatorio di cardiologia digitale - dichiara il dottor Graziano - rientra nel più vasto progetto di digitalizzazione di tutta l’Asp di Cosenza. A breve partiranno ambulatori digitali anche nei paesi dell’Asp più disagiati con l’obiettivo di garantire assistenza anche nei Centri più isolati. La telemedicina ha un campo di applicazione davvero molto vasto - spiega il dottor Graziano,  . In un territorio vasto e con orografia complessa, come quello della Asp di Cosenza, la televisita può diventare uno strumento indispensabile per migliorare l’assistenza».

«Si tratta di visite specialistiche riservate a pazienti già conosciuti dai medici - commenta il dottor Bisignani - che hanno cioè effettuato la prima visita in presenza e che potranno, su indicazione del reparto, continuare ad essere assistiti direttamente a domicilio. Un vantaggio di rilievo soprattutto per gli anziani, per chi ha difficoltà di spostamento e per chi dovrebbe accedere in ospedale solo per la compilazione di un piano terapeutico».

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.