6 ore fa:Il Comune di Policoro si illumina di verde in occasione della Giornata Mondiale delle Malattie Rare
6 ore fa:Prende forma la rete delle Comunità Ospitali di Calabria: Un modello nuovo, ma dal cuore antico
7 ore fa:Forza Italia Cassano dice "No" alla bretella di Sibari
4 ore fa:Nello storico Maria De Rosis si ritornerà a giocare a pallone: partiti i lavori per il centro sportivo
5 ore fa:Ritardi di spesa del Pnrr, Scutellà (M5s): «Basta scarica barile, il Governo si assuma la responsabilità»
2 ore fa:Giornate FAI di Primavera: appuntamento il 24 e 25 marzo
3 ore fa:Rapani (FdI) chiede un riferimento unico per coordinare le azioni di prevenzione e gestione dei fiumi
3 ore fa:Il Punk non è morto! Al Castello Ducale la celebrazione di un cult
4 ore fa:Longobucco ancora isolata, chiesto un incontro ai vertici Anas e della regione
5 ore fa:È nato il Comitato regionale "La Via Maestra"

Coldiretti, Enrico Parisi a Johannesburg per sensibilizzare sui nuovi modelli di sviluppo sostenibile in agricoltura

1 minuti di lettura

CALABRIA - A Johannesburg in Sudafrica si sta svolgendo l'Assemblea Generale dell'Organizzazione mondiale degli Agricoltori (World Farmers' Organisation General Assembly 2023). Enrico Parisi, Delegato Coldiretti Giovani Impresa Calabria e membro del (CEJA) Consiglio Europeo di giovani agricoltori, è intervenuto nella giornata di apertura nel primo panel di discussione sul tema dei sistemi alimentari, sulla sicurezza e su come creare un sistema alimentare sostenibile.

«Enrico Parisi - si legge nella nota - nel suo intervento ha rimarcato la necessità di apportare un cambiamento culturale ai nostri modelli di sviluppo al fine di ridurre povertà e fame, sinonimi di uno sbilanciamento verso la disuguaglianza sociale. Ha inoltre sottolineato  il ruolo centrale dei giovani agricoltori che rappresentano il presente e non il futuro, proprio su questo i giovani hanno ben chiara l'idea di distribuire lungo la catena del valore i meriti, i costi e i guadagni del mondo della produzione agroalimentare ed agricola nello specifico.

Infine, ha concluso ricordando che il cibo è un "elemento diplomatico" perché attraverso la sua catena, soprattutto agricola, vengono tutelate le comunità, le dimensioni familiari, le risorse naturali in ottica di una nuova visione geopolitica. I giovani oggi desiderano costruire i loro spazio in un mondo pronto a ricevere le loro istanze, senza distinzioni geografiche e per il miglioramento del bene comune e della produzione agricola.

All'apertura dei lavori è intervenuta anche  il Segretario Generale Arianna Giuliodori che ha sottolineato come oggi più che mai sia fondamentale fare del mondo agricolo una leva strategica per lo sviluppo dei territori».

 

Rita Rizzuti
Autore: Rita Rizzuti

Nata nel 1994, laureata in Scienze Filosofiche, ho studiato Editoria e Marketing Digitale. Amo leggere e tutto ciò che riguarda la parola e il linguaggio. Le profonde questioni umane mi affascinano e mi tormentano. Difendo sempre le mie idee.