16 ore fa:Sul Treno della Sila prende il via il Carnevale, tra maschere e tante sorprese
1 ora fa:«Meno povertà e più benessere». Prevenire lo spreco alimentare
20 ore fa:Questione Tribunale, si cerca coesione politica e Stasi detta la più importante delle regole d’ingaggio
17 ore fa:A Longobucco «la casa di comunità ci sarà e sarà una grande risorsa sanitaria per il nostro territorio»
19 ore fa:Bullismo e cyberbullismo, a Co-Ro un corteo di sensibilizzazione. Ecco quando
3 ore fa:Tramontana oltre i 40 nodi nella notte si abbatte su Capo Trionto: mare alto e danni
3 ore fa:Sull'alto Jonio sarà una settimana artica: tramontana e neve a bassa quota
19 ore fa:La Vignetta dell'Eco
2 ore fa:Co-Ro: la bellezza del somaro non basta. Il nostro patrimonio va governato
4 ore fa:SS106, 205 vittime negli ultimi 10 anni: maglia nera per Corigliano-Rossano

È Caterina Vaiti la nuova segretaria generale Flai Cgil Calabria

1 minuti di lettura

CALABRIA - È Caterina Vaiti la nuova segretaria generale Flai Cgil Calabria. Eletta all'unanimità durante i lavori dell'ottavo congresso svoltosi a Cittanova, Vaiti, che segue a Bruno Costa, proviene dalla segreteria generale Cgil Calabria nella quale è entrata nel 2019 mantenendo il ruolo di responsabile Organizzazione di Flai Cgil Calabria.

A proporre il nome di Vaiti il segretario generale nazionale Giovanni Mininni. Tante le sfide che dovrà affrontare la sigla: dalla lotta al caporalato alla crisi economica dei consorzi di bonifica, fino alla vicenda dei Forestali, la lotta al dissesto idrogeologico, il contrasto al precariato. «Serve un sindacato che rimetta al centro la battaglia per aumentare il salario contrattuale contro l'inflazione, una legge sul salario minimo per consentire ai lavoratori una vita dignitosa, tenendo conto del costo della vita, ha dichiarato la neo segretaria. È necessario un grande passo per realizzare la piena occupazione, la lotta alla precarizzazione, un nuovo Stato sociale pubblico e universalistico».

«Perché si possa avverare tutto ciò - ha aggiunto Vaiti - è necessaria un'azione sinergica tra istituzioni e parti sociali". Per il segretario generale Cgil Calabria Angelo Sposato "nella Vertenza Calabria serve un grande Piano per il Lavoro a partire dalla manutenzione del territorio dal rischio idrogeologico, sismico e incendi. Va istituito un Ufficio Unico del Piano tra Calabria Verde, Consorzi di bonifica e Protezione Civile. Non si può fare - ha ribadito Sposato - il Piano solo con i volontari della Protezione Civile provenienti da altre regioni. Serve un piano di assunzioni di giovani, uomini e donne calabresi. Occorre fare presto, non si può inseguire l'emergenza».

«Le politiche agricole e forestali - ha concluso - vanno pianificate per tempo, non si può pensare solo ai contributi da dare a pioggia senza chiedere alle aziende la responsabilità sociale di applicare i contratti regolari di lavoro». 

Veronica Gradilone
Autore: Veronica Gradilone

25 anni. Laureata in scienze della comunicazione. Laureanda magistrale in comunicazione e tecnologie dell’informazione. Mi piace raccontare le storie, non mi piace raccontare la mia