6 ore fa:Olivo sugli eventi natalizi: «Iniziative annunciate solo 24h prima. Nessuna programmazione e zero marketing»
7 ore fa:Manovra finanziaria, la Cisl chiede modifiche su investimenti, pensioni, politiche dei redditi e sanità
8 ore fa:Corigliano-Rossano fa scuola di “buone pratiche”
7 ore fa:Dopo quasi 40 anni tornano in Calabria tre rotabili d’epoca di inestimabile valore
6 ore fa:Torna "Retake" con un nuovo appuntamento a tema natalizio: "Com' nu presep"
6 ore fa:Per Stasi la fusione «ha sconvolto assetti di potere e sistemi di convenienza radicati»
3 ore fa:Ramificazioni Festival, continuano gli appuntamenti della danza d'autore
5 ore fa:Urbanistica, consumo di suolo zero e città verticali inesistenti: questo Psa è un piano fallimentare
5 ore fa:Quando piove e "vengono a galla" tutti i problemi di un territorio
4 ore fa:Il rossanese Luigi Canotto è il miglior giocatore della Serie b del mese di novembre

No all’istituzione di nuove fermate lungo il tragitto del FrecciArgento Sibari-Bolzano

2 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO Congiuntamente all'Associazione Ferrovie in Calabria e all'Unione delle Associazioni della Riviera dei Cedri e del Pollino, il Gruppo Jonia-MagnaGraecia ha inteso inviare una lettera alla Direzione Business Trenitalia AV e.p.c al Presidente della Regione e all'Assessorato al Turismo della Calabria. Motivo della missiva, l'opposizione alle richieste del senatore Francesco Castiello, di far istituire alcune fermate del treno Frecciargento Sibari-Bolzano nel Cilento. 

È quanto si legge in una nota stampa di Jonia-MagnaGraecia, che così continua: Oggetto del contendere, non già una presa di posizione su mere questioni strumentali e di pennacchio, quanto la necessità di significare che il treno in questione è l'unico collegamento veloce predisposto al servizio di aree depresse del territorio calabrese. Si è voluto chiarire, infatti, che tutto l'ambito dell'Arco Jonico Sibarita e Crotoniate, servito dal treno sopra richiamato, non dispone di altri servizi a mercato, tantomeno di servizi Intercity, diretti verso la Capitale. Nel caso dell'Alto Tirreno, invece, territorio anch'esso servito dal convoglio veloce, è stato specificato che già gli altri servizi Frecciarossa, transitanti sull'area, sono stati riempiti di fermate aggiuntive. Tale condizione ha dilatato i tempi di percorrenza, sminuendo il significato stesso di treno veloce. 

Nel merito, è stato ricordato che già nel luglio 2020, in occasione dell'arrivo di FrecciaRossa ed Italo a Reggio Calabria, fu proprio il senatore Castiello a chiedere, oltre le già 3 concesse fermate nel territorio Cilentano, ulteriori 6 fermate aggiuntive a servire il medesimo ambito. Pertanto, è stato posto il quesito su come possa un Senatore della Repubblica, che dovrebbe conoscere le caratteristiche di un treno ad Alta Velocità, pretendere ben 9 fermate in così pochi chilometri. 

Risulta evidente che le citate richieste abbiano uno sfondo meramente campanilistico e che non considerino le esigenze di ambiti ben più disastrati di quello Cilentano. Parimenti a come ignorino cosa siano i servizi in coincidenza ed intermodalità. 

Inoltre, i Sodalizi civici hanno chiesto ragguagli circa le motivazioni del tardivo interessamento riguardo il treno Sibari-Bolzano, da parte del senatore Castiello. Con rammarico è stata constatata la mancata premura da parte del Senatore in atto istituzione del servizio a mercato. Allorquando, ritenuto infruttuoso da parte di Trenitalia, fu necessario un contributo da parte della regione Calabria (tuttora in essere), per permetterne la messa in esercizio. 

A margine delle motivazioni addotte nella lettera, le Scriventi hanno concluso sostenendo che se la politica avesse davvero interesse a migliorare la situazione dei trasporti, dovrebbe impegnarsi concretamente a far istituire nuovi collegamenti. Appare insensato, d'altronde, rimpinguare di fermate aggiuntive le corse dei treni Freccia esistenti. Vieppiù, gravadole di una dilatazione dei tempi di percorrenza. 

Molte delle evocate fermate, tra l'altro, poste nelle immediate vicinanze l'una dell'altra, contribuiscono a diminuire la qualità dei vettori facendo venir meno il senso stesso dei collegamenti ad alta velocità.

Quanto esposto con l'auspicio di porre fine ad una mercificazione politica che utilizza il Freccia Sibari-Bolzano, in barba a qualsivoglia principio di equità tra territori serviti. Così come già in passato avvenuto con l'istituzione delle fermate a Torano e, durante il periodo estivo, a Maratea.

Infine, è stata colta l'occasione per invitare i destinatari della missiva ad investire su nuovi collegamenti veloci che consentano a tutta la Calabria, ed in particolar modo all'area dell'Arco Jonico, di uscire da una condizione di isolamento infrastrutturale atavico. A tal riguardo è stato proposto di attestare il FrecciaRossa Taranto-Milano a Sibari e l'istituzione di un servizio Intercity RC-BA via Paola-Sibari. Per entrambi i servizi, con la predisposizione di coincidenze per le città di Corigliano-Rossano e Crotone. 

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.