10 ore fa:Caro biglietti, la proposta: «Non date altri soldi a Trenitalia, dateli ai pendolari»
11 ore fa:Mazza ringrazia quanti lo hanno votato e annuncia la nascita del Progetto Jonia
12 ore fa:Il cosentino Scola, campione italiano di velocità in montagna, ricevuto dalla Succurro
8 ore fa:Amazon per la Calabria: in vista un progetto di collaborazione che la renderà internazionale
10 ore fa:“Calabria Terra dei Padri”: attivo da oggi il sito che punta al turismo di ritorno
8 ore fa:Corigliano-Rossano conclude il suo mandato di capitale mondiale della Fisica Nucleare e Subnucleare
9 ore fa:A due passi dal cielo
9 ore fa:Record di pale eoliche in Calabria. Allora perché non siamo energeticamente autonomi?
12 ore fa:Il Pollino, scrigno di una pluralità alimentare dal gusto variegato e dalla potenzialità turistica straordinaria
13 ore fa:Bollette alle stelle, protesta degli agricoltori: «Situazione insostenibile»

Cariati marina in rivolta: turisti e residenti hanno bloccato il traffico in più zone causando disservizi

1 minuti di lettura

CARIATI - Continuano le proteste di cittadini e turisti di Cariati per l'emergenza rifiuti. Cumuli di immondizia rendono intransitabile diversi punti di Cariati.

La marina di Cariati è in rivolta; via Matteotti, via Vittorio Emanuele, via San Cataldo, zona Santa Teresa ed altre intersezioni sono completamente bloccate. Il traffico sulla strada statale 106 è insostenibile, i locali presenti in questi punti di Cariati - i quali denunciano il mancato ritiro del vetro da settimane - non riescono ad espletare il loro lavoro per via delle strade barricate dai rifiuti.

«Il disservizio recato da cittadini e turisti di Cariati è voluto; è un grido di allarme contro le istituzioni e contro l'amministrazione che è assente da questi luoghi, e che ad oggi non è riuscita a risolvere i problemi». Sono queste le parole dell'avvocato Mario Sero - in diretta facebook tramite la pagina da lui gestita, “La Voce del Popolo” - mentre attraversa a piedi il paese, per documentare l'infelice situazione. I cittadini incontrati - esasperati da questa cattiva condizione che si protrae - reclamano le dimissioni del sindaco e la preferenza di un commissario prefettizio.

 

Virginia Diaco
Autore: Virginia Diaco

Studio materie umanistiche e amo scrivere. Ho ricevuto diversi riconoscimenti in ambito letterario, tra cui il V Premio Internazionale di poesia “Giovanni Bertacchi” con la poesia “Preghiera alla vita che toglie vita” e la Menzione della Giuria nella prima edizione del Concorso Letterario Internazionale “Il Viaggio” con la poesia “Consumato negli occhi”. Attraverso le parole esprimo il mio mondo, grazie ad esse conosco quello altrui. Lo scopo più forte che sento di avere è quello di rendere giustizia - quanto più possibile - alla bellezza, all’arte e alle vulnerabilità sociali.