1 ora fa:Maltempo, a Co-Ro è attivo il monitoraggio del territorio: particolare attenzione al Crati
2 ore fa:Allerta meteo, a Policoro scuole chiuse
12 ore fa:Laurenzano è il miglior giovane libero d'Europa e trascina l'ItalVolley alla vittoria
46 minuti fa:Incidente sulla Statale 534: scontro tra due auto su un asfalto viscido
3 ore fa:La consacrazione di Rapani, l’exploit di Baldino e la rincorsa d’onore di Papasso
2 ore fa:Il successo del Movimento in Calabria «merito anche del lavoro fatto in Regione»
17 ore fa:Maltempo, domani allerta “arancione” per 111 Comuni del cosentino
16 ore fa:A Co-Ro un lunedì tra musica e arte: in concerto il cantautore Francesco Baccini
18 ore fa:Co-Ro, al via il Workshop Internazionale di Fisica nucleare e subnucleare
16 ore fa:Centro storico di Rossano: cambia la viabilità in occasione della festa di San Nilo

Stop randagismo: a Castrovillari le adozioni per gli amici a quattro zampe arrivano in Germania

2 minuti di lettura

CASTROVILLARI - È sicuramente una bella notizia che dà contenuti a tutta una capacità nel prodigarsi affermando un dato sempre più vissuto e condiviso, che unisce tanta gente ad ogni latitudine, per accogliere nella propria abitazione ed accudire un cucciolo a partire dall’amore per gli animali che, comunque è indiscutibile, aiuta entrambi in questo rapporto riconosciuto a più livelli.

«Lo sa bene l’ufficio ambiente del comune di Castrovillari - informa l’assessore Pasquale Pace a nome e per conto dell’amministrazione Lo Polito - che sin dal 2018 ha accolto la disponibilità dell’associazione tedesca “Fellnasen Stuttgart”, impegnata ad aiutare gli animali bisognosi, di farsi tramite di azioni di  pre-affido di cani custoditi nel canile del Comune di Castrovillari e di adozioni presso famiglie residenti in Germania; questo, naturalmente, nel rispetto  dei regolamenti comunali e delle leggi dello stato italiano. Ciò solo per offrire maggiore qualità di assistenza a questi amici di sempre dell’uomo».

«Questo va a pieno merito - continua la comunicazione dell’amministrazione comunale, ringraziando sentitamente le capacità di chi si è prodigato attivamente nell’opera - della referente comunale, per la gestione del canile rifugio, Rita La Vecchia e alcuni altri volontari i quali  sono stati ospiti, in Germania, dell’associazione Fellnasen Stuttgart, nel periodo tra il 29 giugno ed il 3 luglio scorsi, in occasione di una festa di “reunion”, tenuta a Winnenden vicino Stoccarda, in cui gli ospiti d’onore erano proprio i cani adottati dalle famiglie tedesche e provenienti dalla Croazia, Grecia e Italia».

«Questa collaborazione, a distanza di 3 anni e mezzo, ha fatto emergere, analizzandola nei vari provvedimenti - aggiunge l’amministrazione comunale alla luce degli eventi e del riconoscimento ricevuto in Germania dagli interpreti delle non semplici interazioni -, la qualità dell’intervento che ha permesso, a ben 103 amici a 4 zampe, di trovare ospitalità ed affetto presso altrettante famiglie tedesche. Un fatto - si aggiunge dal comune - che dà il senso di come l’Ente, grazie ad associazioni e volontari dedicati quotidianamente, porta avanti con orgoglio e senso civico questo prodigarsi».

E non poca cosa come testimonia, con vibrazione, chi sta vivendo, con altri, questa esperienza che tocca ed unisce. «Tantissimi sono venuti a salutarci con le loro nuove famiglie adottive e quelli che non hanno potuto a causa delle grandi distanze, ci inviano sempre notizie tramite foto», ha dichiarato Rita La Vecchia con una punta di commozione e tanto orgoglio per il lavoro svolto aggiungendo che: «siamo state felicissime di averli trovati tutti in ottima forma e coccolati come ogni cane meriterebbe. Le foto che ci ritraggono assieme a loro, dimostrano che i cani di Castrovillari godono di ottima salute a testimonianza di quanto impegno e serietà ci sia dietro questo rigoroso processo di adozione».

«Tali forme di collaborazione integrata senza alcuna forma di speculazione economica - concludono associazioni, accompagnatori degli interventi ed amministrazione municipale in un unico sentire questa capacità che cresce - rappresentano delle “best practices” sulle quali l’ente conta di investire tempo ed energie perché rappresentano un modo concreto per alleviare il problema del randagismo sul nostro territorio offrendo, al contempo, delle reali occasioni per permettere ai nostri amici a 4 zampe di poter trascorrere una vita decorosa e ricca di cure». 

Veronica Gradilone
Autore: Veronica Gradilone

25 anni. Laureata in scienze della comunicazione. Laureanda magistrale in comunicazione e tecnologie dell'informazione. Mi piace raccontare le storie, non mi piace raccontare la mia