3 ore fa:Oli esausti e scarti di officina scaricati nel Crati, scattano denunce e sequestri
1 ora fa:Campionato italiano Bocce, al via la serie A2 di raffa: 4 squadre calabresi pronte a stupire e a far divertire
1 ora fa:Calabresi che brillano: Matteo Bonacci è l'Art Director della cantante Laura Pausini
55 minuti fa:Giovane ragazzo legato e segregato in casa dalla mamma: orrore calabrese
6 ore fa:Prestigioso riconoscimento per l'Annunziata: diventa Scuola Nazionale di Ecografia Clinica
6 ore fa:«Parte una nuova stagione per la scuola calabrese!». In arrivo 34 milioni per strutture più sicure
41 minuti fa:Fondi del Piano Nazionale, occasione di sviluppo per i trasporti calabresi
5 ore fa:Calabria, sì ai tamponi rapidi nelle parafarmacie: depositata la mozione del M5S
1 ora fa:Una goccia di "Mambisa" per sconfiggere il Covid: Nato il vaccino a somministrazione nasale
2 ore fa:Covid, in Calabria rallenta la curva dei ricoveri ma si registrano altre 8 vittime

Regionali 2021, a Co-Ro un'impresa trovare scrutatori e presidenti di seggio

1 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO - A.A.A. cercasi scrutatori e presidenti di seggio. Incredibile ma vero, a Corigliano-Rossano, nel momento in cui vi scriviamo (le ore 17) quasi la metà dei 74 seggi elettorali ordinari, dove da domani alle 7 e fino alle 15 di lunedì 4 ottobre i cittadini si recheranno per votare il rinnovo del Consiglio regionale, sono sguarniti di personale.

Non si trovano presidenti né scrutatori. Un "ruolo" che un tempo era ambitissimo, soprattutto da giovani, da madri e padri di famiglia, oggi non lo vuole ricoprire più nessuno.

Nell'ufficio elettorale comunale stanno facendo salti mortali per cercare di coprire tutte le caselle vuote. Sono decine, infatti, i cittadini reclutati dal Comune e dalla Corte d'Appello di Catanzaro per andare a comporre le sezioni elettorali che hanno "marcato visita" - si fa per dire - alla formale convocazione a presentarsi oggi pomeriggio alle 15 nelle sedi assegnate. E questo, ovviamente, comporterà notevoli ritardi nella macchina organizzativa elettorale in capo al municipio.

Cosa ha fatto scattare la molla della "diserzione"? Sono principalmente due i motivi che hanno portato tantissimi dei convocati a rinunciare ad un incarico di grande responsabilità (sono queste figure, infatti, che vigilano sul corretto andamento delle fasi del voto): la paura del Covid da un lato e, dall'altro, la bassa remunerazione del servizio.

Un tempo quello del Presidente e dello Scrutatore erano incarichi temporanei che avevano onorari allettanti che variavano da 250 a 180 euro per i presidenti e da 180 a 150 euro per gli scrutatori. Oggi i compensi sono più bassi e probabilmente meno invitanti: 150 euro per i presidenti di seggio e 120 euro per gli scrutatori.

Ma a pesare, soprattutto a Corigliano-Rossano, sono anche le distanze. Tanti tra i designati si sarebbero dovuti spostare da un capo all'altro del grande comune e questo ovviamente non risulta conveniente, perché gli emolumenti non basterebbero nemmeno per le spese di viaggio.

Cosa si fa? In questi casi è il Comune a dover subentrare alle tante defezioni. Niente di più probabile che l'ufficio elettorale del municipio di Corigliano-Rossano designerà, nelle prossime ore, dipendenti interni alla macchina comunale per far funzionare i seggi. Così come accadeva nei decenni scorsi.  

Marco Lefosse
Autore: Marco Lefosse

Classe 1982, è schietto, Idealista e padre innamorato. Giornalista pubblicista dal 2011. Appena diciottenne scrive alcuni contributi sulla giovane destra calabrese per Linea e per i settimanali il Borghese e lo Stato. A gennaio del 2004 inizia a muovere i passi nei quotidiani regionali. Collabora con il Quotidiano della Calabria. Nel 2006 accoglie con entusiasmo l’invito dell’allora direttore de La Provincia, Genevieve Makaping, ad entrare nella squadra della redazione ionica. Nel 2008 scrive per Calabria Ora. Nell’aprile 2018 entra a far parte della redazione di LaC come corrispondente per i territori dell’alto Jonio calabrese. Dall’1 giugno del 2020, accoglie con piacere ed entusiasmo l’invito dell’editore di guidare l’Eco Dello Jonio, prestigioso canale di informazione della Sibaritide, con una sfida: rigenerare con nuova linfa ed entusiasmo un prodotto editoriale già di per sé alto e importante, continuando a raccontare il territorio senza filtri e sempre dalla parte della gente.