19 ore fa:Cosenza, ecco i vincitori del festival della cinematografia sportiva
7 ore fa:Personale di pittura di Nigro al Castello Aragonese di Castrovillari
1 ora fa:Green Pass: anche Corigliano-Rossano dice No. Sabato mattina in piazza
3 ore fa:Corigliano-Rossano, Monsignor Maurizio Aloise ha fatto visita ai detenuti della Casa di reclusione
6 ore fa:Fondi consiliari, la Lega restituisce 155mila euro alla Regione «dimostrando di essere virtuosa»
5 ore fa:Ad Altomonte ogni alunno potrà fare “un tuffo nell’arte alla ricerca di se stesso”
19 ore fa:Calcio, Castrovillari alla ricerca della prima vittoria casalinga
4 ore fa:In Calabria «occorre rilanciare la medicina territoriale e la centralità del management sanitario»
3 ore fa:Riunione politica-programmatica della Lega a Corigliano-Rossano
21 minuti fa:Violenze domestiche, una donna condanna ad allontanarsi dalla casa di un familiare

La telecardiologia in Piemonte fa più rumore che in Calabria

1 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO – «In Piemonte è stato presentato il nuovo Network Cardiologico: un sistema di teletrasmissione dell’elettrocardiogramma di pazienti con sospetto infarto, dalle ambulanze alle cardiologie con laboratorio di Emodinamica per interventi di rivascolarizzazione d’urgenza. E questo progetto ha avuto un’eco nazionale, tanto da essere riportato sia su “La Stampa” che su “La Repubblica”. Un passo in avanti per la telecardiologia che in Calabria, nell’Azienda Sanitaria Provinciale di Cosenza, è iniziato ben sei anni fa, ma non ha di certo avuto la stessa eco sui media nazionali».

È quanto afferma, non senza un pizzico di rammarico, il dottor Giovanni Bisignani che da gennaio è alla guida dell'unità operativa di Cardiologia di Corigliano-Rossano e di Castrovillari.

«Se da una parte mi fa molto piacere che la telemedicina trovi sempre più adesioni (il ché non può che essere positivo, dato che questo è un bene per i pazienti), dall’altra però leggo questi articoli con un pizzico di orgoglio per un progetto che stiamo portando avanti da anni: ogni tanto anche la Calabria può primeggiare in fatto di sanità. E questo è innegabile, nonostante la notizia sia passata inosservata dalle maggiori testate giornalistiche».

Nell’articolo di Alessandro Mondo pubblicato su “La Stampa” si specifica che si tratta di una vera e propria «rivoluzione nell'ambito delle malattie cardiovascolari: di quelle che possono fare la differenza, in termini di vite salvate. Il nuovo sistema – si legge - consente un risparmio di tempo medio di circa 30 minuti sul trattamento in emergenza dell’infarto miocardico acuto».

Una vera e propria rivoluzione che può salvare molte vite.

«Il mio sogno – conclude il dottor Bisignani – è quello di poter estendere il progetto all’intera Regione. La nostra sanità è spesso bistrattata, ma è giusto ricordare che esistono anche qui delle “oasi” che fanno tanto per portare avanti progetti di innovazione in campo medico. Una di queste oasi è proprio il nostro progetto, che è frutto di un lavoro di squadra portato avanti dall’Amministrazione, da tutte le Cardiologie dell'Asl, dal 118 e dal Dipartimento di Emergenza».

Giusi Grilletta
Autore: Giusi Grilletta

Da sempre impegnata in attività per il prossimo, è curiosa, gentile e sensibile. Laureata in Scienze Umanistiche per la Comunicazione, consegue la magistrale in Teoria e Metodi per la Comunicazione presso l’Università degli Studi di Milano. Continua oggi i suoi studi in Pedagogia per ampliare le sue conoscenze. Ha lavorato presso agenzie di comunicazione (Lenin Montesanto Comunicazione e Lobbing) e editori calabresi (Falco Editore). Si è occupata di elaborare comunicati stampa, gestire pagine social, raccogliere e selezionare articoli per rassegne, correggere bozze e valutare testi inediti. Collabora come specialista SEO e comunicazione presso sviluppatori di siti internet. Appassionata di scrittura, partecipa a corsi creativi presso il Giffoni Film Festival e coltiva la sua passione scrivendo ancora oggi racconti (editi Ilfilorosso) che trasforma in audio-racconti pubblicati sul suo canale YouTube. Ama la letteratura, l’arte, il teatro e la cucina.