12 ore fa:Sul Treno della Sila prende il via il Carnevale, tra maschere e tante sorprese
16 ore fa:Plesso Sorrento, a Crosia «avviate le procedure per individuare eventuali soprusi a danno di bambini e docenti»
17 ore fa:Rottamazione cartelle esattoriali. «Stasi approva la nostra proposta, ma trasuda populismo»
15 ore fa:La Vignetta dell'Eco
17 ore fa:«Non consentiremo lo smantellamento della sanità pubblica e della scuola pubblica statale»
29 minuti fa:SS106, 205 vittime negli ultimi 10 anni: maglia nera per Corigliano-Rossano
15 ore fa:Questione Tribunale, si cerca coesione politica e Stasi detta la più importante delle regole d’ingaggio
14 ore fa:Bullismo e cyberbullismo, a Co-Ro un corteo di sensibilizzazione. Ecco quando
16 ore fa:Mister Tommaso Napoli è il nuovo allenatore del Castrovillari Calcio
13 ore fa:A Longobucco «la casa di comunità ci sarà e sarà una grande risorsa sanitaria per il nostro territorio»

Trebisacce: si lavora per ripristinare danni bomba d'acqua

1 minuti di lettura

Tutti al lavoro, da alcuni giorni, per ripristinare i danni causati dalla “bomba d’acqua” che domenica scorsa si è abbattuta su tutto l’Alto Jonio ed in particolare su Villapiana e Trebisacce dove, con interventi separati, sono state messe in salvo 8 persone che erano in pericolo. A Villapiana ancora una volta i punti di maggiore criticità sono stati i sottopassi che, quando piove in modo intenso, diventano autentiche trappole per gli automobilisti. Qui, nonostante i consigli del Comune di non accedere ai sottopassi, sono stati davvero provvidenziali due separati interventi dei Carabinieri che hanno tratto in salvo 4 persone che erano rimaste intrappolate all’interno delle loro auto. Ripristinate, grazie al pronto intervento del personale e dei mezzi del Comune le condizioni di agibilità dei sottopassi, mentre si lavora tuttora per eliminare cumuli di terra a fango dalle strade rurali e comunali. Stesse criticità quelle verificatesi a Trebisacce messa a dura prova dalla pioggia torrenziale che ha allagato il sottopasso, parte del Lungomare e alcuni quartieri periferici, mentre 4 persone sono state messe in salvo a causa dello straripamento del torrente Monaco che ostruiva la via del ritorno. Anche qui, secondo una nota del Comune, sono prontamente intervenuti i mezzi noleggiati dal Comune e dal Consorzio di Bonifica (foto). «Sono stati inoltre effettuati controlli nei vari quartieri con i tecnici e, - si legge nella suddetta nota - a parte qualche pozzanghera, non sono stati constatati danni gravi, al contrario di quanto qualcuno sul web vuol far credere in maniera strumentale e generando discredito. Né – si legge ancora - si è voluto creare allarmismo per un evento naturale che, sebbene intenso, è stato gestito con tempestività e professionalità dai tecnici del comune e dalle associazioni di Protezione Civile (Misericordia e Guardie Ambientali) che, coordinate dal Comune, hanno provveduto al recupero di quattro turisti intrappolati dalla piena del Canale Monaco. I danni - si legge ancora - sono stati molto limitati perché è stata attuata una lungimirante prevenzione attraverso la pulizia dei canali di scolo e delle griglie all’interno del perimetro urbano. Certo, - si legge infine - è necessario realizzare miglioramenti nella raccolta delle acque bianche, a cui tuttavia stiamo provvedendo, così come prevediamo progetti per affrontare il dissesto idrogeologico, ma l’esecutivo lavora con impegno per gestire il presente e, soprattutto, per programmare il futuro».

(fonte la Provincia di Cosenza)

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.