3 ore fa:Statale 106, Russo (Cisl): «Superare la logica dei veti che fermano troppi investimenti»
52 minuti fa:Elly Schlein a Corigliano-Rossano per sostenere Stasi sul mantra del salario minimo
3 ore fa:La Coalizione per Stasi replica al paventato dissesto: «Ennesima dimostrazione di incompetenza amministrativa e contabile»
32 minuti fa:Pasqualina Straface: «Stasi ha disunito le due comunità»
50 minuti fa:Perde il controllo dell’auto e finisce fuori strada, morto un uomo nel Cosentino
2 ore fa:Truffe telefoniche, prosegue l'attività educativa e di prevenzione dell'Arma sul territorio
4 ore fa:Corigliano-Rossano, convocato il Consiglio comunale per il 4 giugno
4 ore fa:Centinaia di tifosi azzurri hanno "invaso" Castrovillari: una grande giornata di festa
2 ore fa:Anche la Filcams Cgil Calabria esprime solidarietà ai lavoratori della Tre Emme di Co-Ro
1 ora fa:Unical, Anna Napoli riconfermata direttrice del dipartimento di Chimica

Depurazione, dalla Regione 500mila euro per la ricerca

1 minuti di lettura

CATANZARO - Il dipartimento Presidenza – settore Formazione professionale, Alta formazione, Accreditamenti e Servizi ispettivi, con il decreto n. 6973 del 6 luglio 2021, in attuazione dell’“Atto di indirizzo per la realizzazione di attività scientifiche volte al miglioramento del sistema della depurazione in Calabria” (delibera di Giunta n. 144 del 15 aprile 2021), ha approvato un invito a presentare proposte rivolto alle università Magna Graecia di Catanzaro, Unical di Cosenza e Mediterranea di Reggio Calabria.

Con una dotazione finanziaria di 500mila euro, a valere sull’azione 10.5.12 del Por Fesr Fse Calabria 2014/2020, l’invito intende finanziare programmi di intervento costituiti da progetti diretti al conferimento di assegni di ricerca volti a risolvere le criticità del sistema di depurazione del territorio regionale. 

«Finalmente – dichiara l’assessore regionale all’Istruzione, Università, Ricerca scientifica e Innovazione, Sandra Savaglio –, abbiamo raggiunto un risultato atteso da lungo tempo. La Regione Calabria offre i mezzi a tecnici e scienziati competenti, preparati dalle nostre università, che potranno applicare le loro conoscenze per arginare un problema atavico: l’inquinamento delle acque, mare e fiumi. Il problema dell’inquinamento dell’acqua in Calabria è molto complesso, ma non per questo bisogna desistere. Noi vogliamo affrontarlo in un modo nuovo e diverso, utilizzando le risorse umane che la Calabria ha e che spesso perde perché non le impiega nel modo giusto. Mi riferisco ai tanti giovani ricercatori che riempiono laboratori e centri di ricerca all’estero o in altre parti d’Italia, piuttosto che restare nella loro terra e farne un luogo migliore. Sono particolarmente contenta e ho grandi aspettative sui risultati di questa azione. Spero, anzi, sono sicura che i risultati arriveranno e anche in breve tempo».

Le domande dovranno essere inviate tramite pec all’indirizzo bandialtaformazione@pec.regione.calabria.it, entro le ore 12 del quindicesimo giorno dalla pubblicazione dell’Invito nel Bollettino ufficiale della Regione Calabria.

L’invito e la documentazione da allegare alla domanda sono consultabili sul link in allegato.

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.