3 ore fa:Verso l'estate, basta ruspe e pulizie meccaniche sulle spiagge: la strada per la Bandiera Blu passa anche da qui
4 ore fa: Bretella di Sibari, Papasso: «Da noi un no al progetto che isolerebbe Sibari»
3 ore fa:Teatro a Corigliano-Rossano: tutto pronto per “Il Giocattolaio”
2 ore fa:Aggiudicata la gara per i lavori di rigenerazione urbana a Cantinella
5 ore fa:Al via la storica azione di ripascimento costiero di Pantano
8 ore fa:Il secondo Checkmate Co-Ro di scacchi conferma bissa il successo della prima edizione
1 ora fa:Il colonnello Luigi Greco è il nuovo comandante della Polizia Locale di Corigliano-Rossano
6 ore fa:Nuovo Pignone BH arriva a Corigliano-Rossano: al via la rivoluzione industriale nel Porto
7 ore fa:Oriolo è uno dei borghi più belli... «ma solo virtualmente»
8 ore fa:Ospedale Cariati, in arrivo due nuovi medici cubani ma restano le criticità

Cassano Jonio, Garofalo: «Sabato 17 a fianco di Libera e don Luigi Ciotti»

1 minuti di lettura

CASSANO JONIO - Francesco Garofalo, presidente del Centro Studi "Giorgio La Pira" di Cassano JoniO sabato 17 febbraio sarà a fianco di Libera e don Luigi Ciotti. «È l'ora del risveglio delle coscienze contro le forze mafiose e collusive».

«Cassano, terra meravigliosa - dichiara Francesci Garofalo - deve dare, ancora una volta, prova di maturità, isolando le forze che sono da ostacolo a questo nuovo umanesino che ha bisogno di dialogo, coralità, visione e concretezza».

«È più che mai il momento per incalzare le responsabilità istituzionali e politiche affinché la lotta alle mafie sia coniugata con un maggiore impegno verso la coesione e la giustizia sociale. Non c'è giustizia senza legalità e non c'è legalità senza giustizia sociale».

«Ce l'hanno insegnato donne e uomini delle istituzioni e sacerdoti come don Pino Puglisi e don Giuseppe Diana, che hanno pagato - prosegue - con la vita il loro impegno contro ogni forma di sopraffazione e illegalità. Reponsabilità, presenza vigile, non accettare alcun compromesso, ma di spenderci integralmente per la realizzazione del bene comune».

«Occorre promuovere - sottolinea Francesco Garofalo - lo sviluppo sostenibile, dare voce ai giovani, a chi è impegnato nel volontariato e nell'associazionismo, abitare il territorio, strapparlo dalla paura e renderlo partecipato e vitale, in cui prevalga sull'amore soffocante, l'amore liberante. Anche tra le pietre aride, il seme della solidarietà, il fiore della fraternità, possono dare i frutti auspicati se facciamo vincere il noi-progettuale sull'io-narcista.

«Un noi, che libera e rende possibile un mondo decisamente diverso, a cui si deve accompagnare la credibilita' della politica e delle istituzioni».

«Un ruolo fondamentale lo gioca la scuola, comunita' educante, sempre più chiamata a far comprendere ai ragazzi che c'è un'altro modo possibile di vivere» conclude.

 

Luigia Marra
Autore: Luigia Marra

Mi sono diplomata al Liceo Classico San Nilo di Rossano, conseguo la laurea in Lettere e Beni Culturali e successivamente la magistrale in Filologia Moderna presso Università della Calabria. Amo ascoltare ed osservare attentamente la realtà di tutti i giorni. Molto caotica e confusionaria, ma ricca di storie, avvenimenti e notizie che meritano di essere raccontate.