17 ore fa:Nell’oasi di pace e relax Barbieri torna il format ‘Na birra nell'orto
14 ore fa:Prossimamente in libreria il nuovo libro di Carlino: “Rossano e il suo Codex nella Letteratura”
12 ore fa:Le ali a Crotone, aspettando un sussulto dei nostri territori
15 ore fa:Domani al Castello Flotta l'evento “La musica una compagna per tutta la vita”
16 ore fa:Sanità precaria, il grido di allarme di Corigliano-Rossano Pulita
16 ore fa:La Regione Calabria applica per la prima volta la legge che regolamenta le Lobby
18 ore fa:I Marcatori Identitari Distintivi come esperienza turistica competitiva
12 ore fa:La Vignetta dell'Eco
17 ore fa:Cariati, al vaglio le candidature per la Commissione per le Pari Opportunità e Politiche di genere
12 ore fa:Verso le aziende agricole digitali anche nella Sila Greca

Autonomia Differenziata, Iacucci: «Ora, il Presidente Occhiuto abbaia alla luna. Non ha più alibi»

2 minuti di lettura

CALABRIA - «Sono mesi che da più parti piovono allarmi sugli effetti disastrosi dell’autonomia differenziata per il Mezzogiorno. Lo hanno detto i vescovi, attirandosi anche gli strali scomposti di qualche esponente della maggioranza di Governo, giuristi ed esperti. Lo stiamo ripetendo, come consiglieri di opposizione, in tutte le salse numeri alla mano. Abbiamo rivolto più di un appello al Presidente Occhiuto perché prendesse le distanze da questa scellerata deriva anti meridionalista del Governo Meloni e del Ministro Calderoli. Glielo hanno mandato a dire anche i cittadini del Sud che alle scorse Europee hanno bocciato, anche qua dati alla mano, la linea del Governo».

È quanto dichiara in una nota stampa il consigliere regionale, Francesco Iacucci, che così continua: «Eppure, domani l’autonomia differenziata arriverà al rush finale alla Camera e Forza Italia voterà a favore. Lo hanno detto i capigruppo, lo ha detto Tajani. Ciònostante, il Presidente della regione Calabria e vice segretario nazionale di Forza Italia, Roberto Occhiuto, solleva perplessità opponendosi, tardi, troppo tardi, a questo disegno di legge così come è stato concepito. Occhiuto, alla vigilia del voto, lamenta l’assenza di serenità per decidere sul futuro delle regioni italiane e sulle conseguenti disparità dell’autonomia regionale differenziata».

«Se non c’è serenità per voi, figuriamoci per chi, come noi, non sta facendo altro che - sottolinea - portare all’attenzione le derive disastrose di una riforma che mina l’unità nazionale e la coesione tra le regioni, tra i territori».
 
«Il presidente Occhiuto, qualche settimana fa, ci aveva raccontato - spiega Iacucci - che avrebbe diretto le operazioni politiche nazionali sul tema in questione, con la complicità del suo partito e che, addirittura, fosse in campo anche una contromossa di Forza Italia a difesa del Sud e della Calabria. Niente di più falso! Nel corso dell’ultimo consiglio regionale, durante il dibattito sull’autonomia differenziata, proprio il Presidente Occhiuto si vantava di aver fatto modificare la legge e ci invitava a studiare meglio. Ecco, noi ci abbiamo provato a cercare le modifiche all’autonomia differenziata ma siamo giunti alla conclusione che non c’è mai stata la volontà di migliorare il testo».

«Ora, il Presidente Occhiuto abbaia alla luna. Salvo sorprese, nessuno lo ascolterà. Forse è solo un tentativo - commenta - di costruirsi un alibi verso i calabresi per poter dire all’indomani dell’approvazione di questa scellerata riforma di aver provato a salvare il destino dei calabresi ma in realtà è solo un tentativo, poco furbo, di salvare la faccia e nascondere un problema all’interno del suo stesso partito. Sia chiaro, io mi auguro non sia così: mi auguro che in queste ore il Presidente Occhiuto si stia attivando con i parlamentari di Forza Italia, soprattutto i meridionali, per opporsi all’autonomia differenziata, che non voglia accettare supinamente il diktat di Tajani. Lo scopriremo presto ma di sicuro non dimenticheremo - e non lo dimenticheranno i calabresi - chi si è reso complice di tutto ciò e la narrazione fantasiosa che si è snocciolata negli ultimi mesi. Forse tutto questo si sarebbe potuto evitare se il Presidente Occhiuto ci avesse ascoltati sin da subito».

«Tuttavia, a prescindere da come evolveranno le sorti del vice segretario di Forza Italia e del Presidente della Regione Calabria, no, non è uno strano caso di sdoppiamento della personalità, noi resteremo dalla parte dei calabresi e continueremo ad opporci a questa legge. Se Occhiuto vuole unirsi a noi per una battaglia comune, ne saremmo ben lieti» conclude il Consigliere Regionale Iacucci.

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.