18 ore fa:Conclusa la prima edizione del progetto “Marathon Experience” a Corigliano-Rossano
19 ore fa:Il comune di Cariati aderisce alla proposta di marketing territoriale di Visit Italy
3 ore fa:Cosa si dice nella Calabria del nord-est: una settimana di notizie
1 ora fa:Nuova toponomastica a Sibari nel solco della memoria e della commozione
3 minuti fa:Filcams Cgil alla 3 Emme: «Basta menzogne e  soprusi»
2 ore fa:Viaggio tra i Feudi della Sila Greca - Le successioni in casa Sambiase del Principato di Campana
5 ore fa:Archeologi per un giorno: i bambini del Polo dell’infanzia Magnolia sulla tracce di Sybaris
4 ore fa:Appiccarono il fuoco a due autovetture: in manette due cassanesi
4 ore fa:Detenuto accusato di falsa testimonianza è stato assolto perché il fatto non sussiste
18 ore fa:Imprese e lavoro, il cassanese Leonardo Sposato nominato presidente di AEPI Calabria

Patto di Stabilità, per Ferrara (M5s) «soffocherà i cittadini. Votarlo significa tradire l'Italia»

1 minuti di lettura

BRUXELLES - «Regole stringenti che impoveriranno ancora di più i nostri territori. Di fatto la riforma del Patto di Stabilità soffocherà i cittadini e per questo votarlo significa tradire l'Italia che perderà tra i 12 e i 13 miliardi l'anno». 

Lo afferma in una nota stampa l'europarlamentare del Movimento 5 Stelle, Laura Ferrara, che spiega: «Meno risorse per sanità, trasporti e istruzione. Un doppio dramma per territori come la nostra Calabria, nella quale ancora attendiamo investimenti concreti per questi servizi essenziali».

«Si taglia sul benessere della collettività ma si aumenta la spesa per armi e munizioni. Il governo Meloni è complice di questo tentativo di ritorno all'austerità, così come saranno complici tutti coloro che voteranno questa riforma. Il Movimento 5 stelle continuerà a lottare in ogni sede istituzionale per un'altra Europa più equa, che sostiene i propri cittadini senza lasciare nessuno indietro» conclude.

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.