17 ore fa:Prima "Charter Night" del Lions Club Castello Aragonese Pollino-Sibaritide-Valle dell’Esaro
21 ore fa:Senza RdC è corsa ai bonus e alle agevolazioni: a Co-Ro aumentano le richieste di accesso ai sussidi
15 ore fa:Cgil Longobucco promuove un evento sui diritti delle donne
16 ore fa:Trebisacce: 950 mila euro dal ministero per il ripascimento
16 ore fa:Rigenerazione urbana, A Co-Ro arrivano settantuno studenti dell'Università di Trento
20 ore fa:Il presidente del Consiglio Regionale Mancuso incontra il Principe Fulco Ruffo di Calabria
16 ore fa:A Laino Borgo sta per partire la quinta campagna di scavi archeologici di Santa Gada
15 ore fa:Mormanno: i tamburi di Monte Cerviero diventano associazione
20 ore fa:Manca poco all'appuntamento teatrale con Francesca Chillemi e Kabir Tavani
20 ore fa:Coldiretti Calabria: «portiamo sulle nostre tavola il miele calabrese»

Laghi propone una legge per partecipare anche in streaming ad alcune attività Consiliari ma il Pd lo attacca

3 minuti di lettura

CATANZARO – Il gruppo Pd in Consiglio regionale commenta la proposta presentata nei giorni scorsi dai consiglieri Ferdinando Laghi (De Magistris Presidente) e Giuseppe Mattiani (Fi) sulla possibilità di partecipare ad alcune attività consiliari da remoto.

Nella nota affermano: «La maggioranza di centrodestra non smette di stupire per superficialità nell’azione politica e assenza di rispetto per le Istituzioni e per gli stessi cittadini calabresi. E adesso al centrodestra si aggiunge in maniera inspiegabile anche il gruppo di De Magistris Presidente. Va tutelata la stessa onorabilità del Consiglio regionale – proseguono i dem – che dovrebbe preoccuparsi di aumentare la qualità e la stessa produzione legislativa per dare risposte alle tante emergenze che la nostra Regione si trova a dovere affrontare. Serve maggiore presenza all’interno delle Istituzioni che dovrebbero essere sempre più vicine al cittadino e, invece, siamo costretti a registrare l’ennesima proposta improvvisata che non farebbe altro che accrescere la confusione che regna sovrana in questa legislatura. Per raggiungere quale obiettivo? Far stare più comodi i consiglieri regionali e gli assessori? Lo smart working non può essere altro che una modalità residuale di svolgimento delle funzioni istituzionali davanti a condizioni esterne gravi e impeditive, come abbiamo avuto modo di verificare durante i terribili anni della pandemia che abbiamo appena superato. Oppure come strumento per garantire la permanenza in Calabria ti tanti giovani assunti da importanti industrie con sede in altre Regioni. Chiediamo al presidente Occhiuto, al centrodestra e a tutti i consiglieri regionali massima serietà e rispetto della propria funzione. Si pensi alle priorità per la Calabria che non attengono certo allo smart working dei consiglieri regionali».

La risposta del consigliere Laghi non tarda ad arrivare. «Sorprendente, strumentale e del tutto infondata – afferma - la polemica, che i media riportano essere stata sollevata dal Gruppo del Pd in Consiglio regionale, relativamente ad una mia proposta di legge che apre nuove possibilità di partecipazione democratica ad alcune delle attività istituzionali in Consiglio regionale.

Una legge che, seppur in ritardo, mette la Calabria in linea con la maggior parte delle Regioni italiane - sia quelle governate dal centro destra che dal centro sinistra -; una risposta ad alcuni dei problemi già evidenziati dalla pandemia; un intervento normativo a favore della digitalizzazione, come richiesto e sollecitato anche dall'Europa; un passo avanti sostanziale per una maggiore e migliore produttività del Consiglio regionale. Questo è il senso e la lettera della proposta. Chi sostiene il contrario, parlando a sproposito, tra l'altro, di smart working, o non l'ha letta affatto o, peggio, cerca di mistificarla. Ma la proposta di legge, breve e chiara (chi vuole può leggerla al link https://www.consiglioregionale.calabria.it/ppa12/118.pdf), poco si presta a fraintendimenti, se non dolosi». 

E aggiunge: «Infatti, in primo luogo, traendo insegnamento dalla pandemia da Sars-Cov-2, prevede che: "Per motivi di urgenza, circostanze imprevedibili o condizioni di emergenza il Presidente del relativo consesso, previa adeguata motivazione, può convocare la seduta in modalità telematica". Il Presidente dell'organismo in causa, cioè, e lui soltanto, può intervenire, comunque con "adeguata motivazione", per consentire, in situazioni eccezionali, attività istituzionali che diversamente non potrebbero svolgersi. Nessuna deroga, tuttavia, è comunque prevista alla partecipazione in presenza alle sedute del Consiglio regionale.

Chi frequenta con assiduità le Commissioni, come il sottoscritto, inoltre, tante volte ha constatato l'assenza di auditi, impossibilitati a partecipare per vari – e validi - motivi. Altre volte, invece, ho verificato gravi disagi occorsi, sempre agli auditi, a seguito della loro partecipazione. Disagi soprattutto per motivi di salute, come nel caso delle persone con disabilità, o addirittura veri e propri rischi, che possono riguardare i testimoni di giustizia o altri con problemi di sicurezza personale. Per questo è stata prevista la partecipazione a distanza per auditi impossibilitati ad essere presenti per "concomitanti impegni istituzionali o ragioni d'ufficio, di salute o di sicurezza pubblica". 

La richiesta di partecipazione a distanza, infine, di singoli Componenti di organismi consiliari, escluse le sedute di Consiglio, è consentita solo per motivi di salute. Infatti la proposta si legge, con chiarezza, recita: "Per consentire ai componenti dei vari organi di partecipare anche in casi di impossibilità per motivi di salute". E anche in questo caso, comunque, l'autorizzazione del Presidente è richiesta e necessaria.

Per concludere, qualcuno ha paventato che i Calabresi non siano in grado di capire una legge che è invece chiarissima, oltre che opportuna, utile e moderna. Personalmente non ho alcun timore in tal senso. Semmai, ad essere preoccupante è il livello di comprensione di componenti del Gruppo del Pd in Consiglio regionale».

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.