3 ore fa:Il successo del Movimento in Calabria «merito anche del lavoro fatto in Regione»
17 ore fa:Centro storico di Rossano: cambia la viabilità in occasione della festa di San Nilo
18 ore fa:Maltempo, domani allerta “arancione” per 111 Comuni del cosentino
17 ore fa:A Co-Ro un lunedì tra musica e arte: in concerto il cantautore Francesco Baccini
3 ore fa:Allerta meteo, a Policoro scuole chiuse
1 ora fa:Incidente sulla Statale 534: scontro tra due auto su un asfalto viscido
13 ore fa:Laurenzano è il miglior giovane libero d'Europa e trascina l'ItalVolley alla vittoria
19 ore fa:Co-Ro, al via il Workshop Internazionale di Fisica nucleare e subnucleare
1 ora fa:Maltempo, a Co-Ro è attivo il monitoraggio del territorio: particolare attenzione al Crati
4 ore fa:La consacrazione di Rapani, l’exploit di Baldino e la rincorsa d’onore di Papasso

Il pianista Giosuè De Vincenti e l'Orchestra “O.Stillo” uniti per un imperdibile spettacolo al Castello Ducale

5 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO - Sarà il meraviglioso Salone degli Specchi del Castello Ducale di Corigliano-Rossano ad ospitare il prossimo appuntamento concertistico della diciassettesima edizione de "La Città della Musica". Ad esibirsi, con il concerto n. 324 il famoso pianista calabrese Giosuè De Vincenti insieme alla prestigiosa Orchestra O. Stillo diretta dal M. Fernando Romano con un programma che spazierà sul repertorio di F.J. Haydn. La direzione organizzativa è affidata al Maestro Teresa Campana.

È quanto si apprende da un comunicato stampa di Pro Loco Rossano “La Bizantina” Aps.

Appuntamento in programma per domenica 29 Maggio alle ore 19.00. Il concerto è gratuito. Ingresso su prenotazione al seguente numero +39 393 904 5833 con super green Pass e mascherine Ffp2. L'intero cartellone è patrocinato dall'amministrazione di Corigliano-Rossano oltre che dai numerosi partner privati che da molti anni contribuiscono alla realizzazione della kermesse musicale. Tra questi ricordiamo la Pro Loco Rossano "La Bizantina", l'Associazione Acam Beethoven Crotone, l'Associazione White Castle Corigliano, Gruppo donatori di sangue FRATES Rossano, Ristorante Le Macine Rossano, Unipol Sai Rossano, Centro Ottico Pugliese Rossano, Gallo Azienda Agricola Corigliano, Mondadori Bookstore Rossano, Ass. Vincenzino Filippelli Onlus, Grafosud Printing 3D Rossano e AR Service.

Giosuè De Vincenti: Classe 1985, si diploma in pianoforte con Angelo Guido presso il Conservatorio "S. Giacomantonio" di Cosenza con il massimo dei voti e la lode e - nel 2009 - consegue il biennio accademico di secondo livello con il massimo dei voti, la lode e menzione speciale presso lo stesso Conservatorio con Rodolfo Rubino. Nel 2015 consegue la laurea Magistrale in Pianoforte presso l'Università del Minho di Braga in Portogallo e due master di II livello in Pianoforte rispettivamente presso le Università di Aveiro (2018) ed Évora (2020).

Premiato in numerosi concorsi nazionali e internazionali, tra i quali il primo premio al Concorso Pianistico Internazionale "Vincenzo Scaramuzza" di Crotone, Concorso Pianistico Internazionale di Brest in Francia, Concorso Internazionale "Jovens Solistas" di Braga in Portogallo, Concorso Internazionale IMKA Music Competition di Sarajevo in Bosnia ed Erzegovina, Concorso Internazionale Grand Prize Virtuoso di Roma, semifinalista nel 2016 del prestigioso International Piano Liszt Competition di Budapest in Ungheria (unico italiano dei 33 pianisti selezionati nella fase eliminatoria) ed ancora nel 2017 finalista al Liszt Society International Piano Competition di Londra in Inghilterra, nel 2020 il vincitore del terzo premio al International Piano Talent Competition di Honk Kong, terzo premio al International Moscow Music Competition in Russia e nel 2021 si è classificato tra i cinque migliori finalisti del Concorso Internazionale di Musica Contemporanea del Reate Festival di Rieti.

Ha studiato inoltre con Boris Petrushanky e Boris Bekterev. La sua attività concertistica lo ha portato ad esibirsi in numerosi festival e sale da concerto in Europa e America, sia come solista, solista con orchestra ed in formazioni da camera. È stato membro di giuria in concorsi pianistici nazionali ed internazionali in Italia, Portogallo e Germania. La sua esperienza nel campo della didattica inizia in Portogallo presso l'Università del Minho di Braga dove ha insegnato dal 2015 al 2020 e contemporaneamente in Italia nei Conservatori di Bergamo, Vibo Valentia e Sassari.

Ha inoltre tenuto in qualità di docente varie masterclass in Brasile e Portogallo. Giosuè De Vincenti ha pubblicato per AvA Edizioni Musicali di Lisbona, dove ha curato la revisione di alcune composizioni per pianoforte solo del compositore portoghese Eurico Thomas de Lima (1908-1989). Questi brani sono stati eseguiti e presentati in prima assoluta in Portogallo presso la prestigiosa sala da concerto del Centro Cultural Vila Flora di Guimarães, nell'ambito di "Guimarães 2012 capitale europea della cultura". Nel 2016 ha inoltre pubblicato per NEA (Germania) il suo libro dal titolo "Il repertorio come fattore di motivazione nello studio del pianoforte", disponibile in lingua portoghese. È inoltre autore di articoli scientifici tra cui "The pianist's 2.0 memory of 21st century: possibility and tools" e "Luigi Gaetano Gullì, revisione sistematica".

Alcune sue incisioni di F. Liszt sono state pubblicate dalla "The Liszt Society" di Londra e dalla Philarmonia Hungary di Budapest. Nel 2020 è stato protagonista di un video, in collaborazione con il Dipartimento di Musica dell'Università di Évora dal titolo "Omaggio all'Italia, in tempi di pandemia", con la registrazione dei Sonetti del Petrarca di F. Liszt. Hanno scritto di Giosuè numerose riviste e giornali, tra cui: Nel 2017 la rivista brasiliana Keyboard dedica un articolo in merito alla sua ultima tournée in Brasile; Nel 2018 il giornale portoghese Expresso de Fafe dedica un articolo per i suoi ultimi successi professionali; Nel 2018 il giornale italiano Il Fatto Quotidiano dedica un articolo sulla sua vita artistica nella rubrica "Cervelli in Fuga". Attualmente è membro e ricercatore del "Centro di Ricerca di Studi di Sociologia ed Estetica Musicale Cesem" di Lisbona, Dottorando in Musica e Musicologia (indirizzo performance) presso l'Università di Évora e docente di pianoforte presso il Conservatorio di Musica "F. Cilea" di Reggio Calabria.  

Orchestra Da Camera “O.Stillo”: Gruppo strumentale costituito dalla società Beethoven allo scopo di dotare la Provincia di Crotone di un organo artistico altamente qualificato. È formata stabilmente da 14 archi, cembalo (fiati aggiunti), oltre all'esecuzione dei classici del periodo Barocco classico e Romantico scritti per complesso d'archi si dedica prevalentemente alla diffusione della musica da camera di autori Calabresi del tutto conosciuti ed alcuni dimenticati. Giovani e valenti strumentisti Calabresi vengono inseriti nell'organico, che è formato prevalentemente da professionisti docenti dei Conservatori Calabresi, dopo una rigorosa selezione.

Ha accompagnato concertisti solisti di chiara fama come: il flautista Mario Ancillotti, il clavicembalista e organista Claudio Brizi; il violinista Bruno Pignata,   i pianisti: Vladimir Backriov, Yoko Kikuchi, Stefano Malferrari, Vincenzo Cipriani, il trombettista Luigi Santo; l'oboista Mariya Karpinets;  voci come: Katia Ricciarelli, Rosa Martirano e talenti emergenti vincitori di prestigiosi Premi internazionali come i violinisti:  Markus Placci, Laura Marzadori, Jennifer Pike, Masha Diatchenko, Paolo Tagliamento, Roberta Miseferi, Albrecht Menzel, Jungyoon Yang,  Hawijch Anna Elders; i pianisti: Serena Valluzzi, Jeongro Park ecc.

Ha accompagnato artisti come: Giancarlo Giannini, Michele Mirabella, Silvia D'Amico, Alessandro Haber, Daniele Parisi. La musica Barocca per più trombe oltre alle composizioni per due e più violini, due e più clavicembali, fa parte del repertorio dell'Orchestra. Di particolare interesse sono stati l'esecuzione delle opere (Gran Duo Concertante) per violino, contrabbasso   e orchestra di Bottesini e lo "Stabat Mater" di Pergolesi. Ha preso parte a Rassegne e Festival importanti: Festival Barocco -"Festival d'Autunno, Arte, Musica e Danza" c/o Auditorium "A.Casalinuovo" di Catanzaro; Festival "Natura in Concerto" di Bagno di Romagna c/o Cattedrale Santa Maria Assunta; Festival Pianistico Cosentino  c/o  "Teatro Rendano" di Cosenza; "Premio Pitagora" di Crotone c/o Castello Carlo V,  in occasione della manifestazione per Telethon presso il Teatro Apollo di Crotone.

Ha suonato in prestigiose sale come: il Teatro "F.Cilea" di Reggio Calabria, Teatro dell'Acquario e Teatro Rendano di Cosenza, Teatro Metropolitan di Corigliano Calabro, Teatro Westerhout di Mola di Bari, Sala Circolo Ufficiali di Taranto, Palazzo Porti di Cirò Marina, Abbazia Forense di San Giovanni in Fiore, Chiesa della Riforma di Caccuri,  Santuario "Ecce Homo" di Mesoraca, Chiesa San Francesco D'Assisi di Gerace, Auditorium Conservatorio "F.Torrefranca" di Vibo Valentia, Auditorium Università di Catanzaro, Auditorium Università di Cosenza, Castello di Caccuri, Castello di Corigliano Calabro, Castello di Santa Severina. Molti compositori contemporanei hanno scritto per l'Orchestra brani inediti. Brani di autori calabresi della fine dell'Ottocento, sono stati trascritti e adattati dall'organico dell'orchestra. La sua sede stabile è presso l'Auditorium del Liceo Musicale "Orfeo Stillo". Direttore Stabile è il Maestro  Fernando Romano.      

(Fonte foto il fatto quotidiano) 

Veronica Gradilone
Autore: Veronica Gradilone

25 anni. Laureata in scienze della comunicazione. Laureanda magistrale in comunicazione e tecnologie dell'informazione. Mi piace raccontare le storie, non mi piace raccontare la mia