22 minuti fa:Ad Alessandria del Carretto nasce il Museo alessandrino delle Maschere
52 minuti fa:Salimbeni sui ritardi relativi ai progetti PinQua: «Non abbiamo più tempo, serve una task force»
6 ore fa:L'Aletti di Trebisacce apre le porte dell'istituto per il progetto Ptof "Sulla buona strada"
3 ore fa:Laino Castello punta al turismo sostenibile
5 ore fa:Il magazine "L Football" del corissanese Giuseppe Berardi premiato agli European Enterprise Awards '23
2 minuti fa:VOLLEY FEMMINILE - La Caffè San Vincenzo è vincente anche in Coppa Calabria
3 ore fa:"Tuo figlio è nei guai fino al collo..." così scatta la vergognosa truffa agli anziani. Diversi casi nell'Alto Jonio
2 ore fa:Calabria finalmente in linea con le direttive europee sull'economia circolare
1 ora fa:Ufficio Postale a Mandatoriccio, presto una sede temporanea
2 ore fa:Servizio igiene urbana a Crosia, per Casciaro (Cgil) la gara del nuovo appalto solleva malcontenti

«L'Italia non è un Paese per infermieri»

1 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO - Nonostante i numeri da record registrati alla facoltà di infermieristica dell'Unical di Rende (leggi qui), in tutta italia si registra un calo del numero di iscritti per la Laurea in Scienze Infermieristiche,  la percentuale  è del  -10. 05%  rispetto allo scorso anno per esempio. 

«L’Italia continua a non essere un Paese per infermieri. Senza un intervento immediato salta in aria l’intero Servizio sanitario nazionale. È inutile girarci intorno: se mancano gli infermieri gli ospedali chiudono». 

Lo afferma Giannantonio  Sapia, Sindacalista della Uil, Dottore in Scienze Infermieristiche, presso il pronto soccorso dello spoke del presidio ospedaliero di Rossano,  a tal proposito, vista e considerata la realtà in cui opera, chiede al Governo e al Parlamento di modificare le regole di esercizio delle professioni sanitarie.  

«È assurdo che il lavoro dei professionisti infermieri non sia al passo coi tempi. Oggi stiamo parlando di una carenza stimata di 70 mila unità, che è destinata ad aumentare sempre di più. Bisogna rimodulare e rendere più attraente la professione infermieristica in generale con maggiore e più semplice opportunità di impiego, nonché di compenso retributivo più appetibile e dignitoso, premiando, se è il caso, la competenza e la sana competizione...».
«Inutile, quindi, ricorrere a personale proveniente da Paesi Esteri. Il Parlamento ascolti coloro che vivono quotidianamente in "trincea" tra lettighe, presidi e urgenze di ogni genere, o colore. In ogni caso, il lavoro in Ospedale è usurante per tante motivazioni,  ma gli infermieri a tutt'oggi non rientrano nella categoria e, a tal proposito, chiedono che venga loro riconosciuto concesso un adeguamento salariale».

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.