9 ore fa:A Cosenza il seminario "Didattica digitale: a che punto siamo? Prospettive per il futuro"
9 ore fa:La Filt Cgil Calabria promuove la formazione di giovani ferrovieri
8 ore fa:Sapia replica a Rapani: «Occorre elevare il livello della politica parlando di progetti e obiettivi»
7 ore fa: IC Crosia primo classificato al Concorso Nazionale “Agri-coltura: costruiamo l’atlante dei Paesaggi Rurali italiani”
10 ore fa:La Calabria è uno scrigno di biodiversità. «Una carta vincente per a nostra Regione»
11 ore fa:Mimmo Bevacqua presenta il suo libro “La mia forza è la moderazione”
6 ore fa:Viaggi di istruzione, un altro autobus fermato alla partenza per carenza di requisiti
7 ore fa:Inaugurata una sede di "Villapiana Futura" nello Scalo cittadino
10 ore fa:Servizi Sociali Cariati, indetto avviso pubblico per short list di esperti
8 ore fa:Strada Statale 106, primo confronto tra la Regione e l'associazione "Basta Vittime"

Annullato il piano ferie degli infermieri di pronto soccorso: si teme l'ammutinamento

1 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO – C’è una questione, impellente e urgente, da affrontare per il commissario straordinario dell’Asp di Cosenza, Antonello Graziano. Un’altra situazione di criticità lasciatagli in eredità dalla vecchia gestione La Regina che – a sua volta- l’aveva ereditata dal suo predecessore. Il personale di Pronto soccorso è esausto e vuole andare in ferie. Ma non può farlo perché non c’è personale nel numero adeguato per coprire i turni.

Ed è così che nel presidio di primo intervento dell’ospedale “Giannettasio” di Corigliano-Rossano un nuovo ammutinamento sembra essere dietro l’angolo.  

«Cronaca di una fine annunciata» si legge nella missiva, firmata da 14 infermieri, che il personale di pronto soccorso ha inoltrato oggi pomeriggio al commissario Graziano e per conoscenza al direttore del reparto, Natale Straface. «La situazione in pronto soccorso – scrivono – è peggiorata. Gli infermieri vanno via e i rinforzi sperati non arrivano».

E non c’è solo la questione legata al numero del personale ma anche quella della disorganizzazione imperante che continua a regnare all’interno del presidio. «Non è concepibile – lamentano gli infermieri – il fatto che lavorino solo due infermieri con quaranta pazienti che, spesso e volentieri, rimangono in reparto per quattro o cinque giorni». Il personale è ridotto all’osso, gli infermieri così come anche i medici sono allo sfinimento. L’emergenza covid ha sfiancato ancora di più le forze che hanno resistito in trincea senza alcun ricambio. Ora hanno bisogno di riposo – come dicevamo – ma non lo possono fare e, a quanto pare, lo stesso piano ferie sarebbe stato annullato dalla direzione sanitaria proprio per mancanza di personale.

«Abbiamo bisogno di andare in ferie… - questo l’appello - abbiamo bisogno che i nostri diritti vengano rispettati! Riscriviamo per l’ennesima ed ultima volta, successivamente, si provvederà nelle opportune sedi». Niente di più facile, quindi, che - se la questione non dovesse essere risolta a breve – gli utenti dell’ospedale possano trovarsi di fronte a nuovi disagi. Questa volta dovuti alla mobilitazione del personale che, a denti stretti e sussurrando, fanno sapere che questa volta non li fermerà più alcuna promessa. Anche a costo che il Pronto soccorso chiuda.

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.