14 ore fa:Calcio, Castrovillari alla ricerca della prima vittoria casalinga
14 ore fa:Cosenza, ecco i vincitori del festival della cinematografia sportiva
57 minuti fa:Ad Altomonte ogni alunno potrà fare “un tuffo nell’arte alla ricerca di se stesso”
15 ore fa:Consorzio di Tutela dei Fichi di Cosenza DOP, presentata oggi la nuova campagna di comunicazione
17 ore fa:Il movimento nazionale di Stop Animal Crimes propone un piano per salvare gli amici a quattro zampe dalla strada
17 ore fa:Cassano, visita di cortesia del Capitano Michele Ornelli al Palazzo di Città
2 ore fa:Personale di pittura di Nigro al Castello Aragonese di Castrovillari
1 ora fa:Fondi consiliari, la Lega restituisce 155mila euro alla Regione «dimostrando di essere virtuosa»
15 ore fa:Co-Ro, «la partenza dell’anno scolastico è un importante segnale»
16 ore fa:Il Parco del Pollino consegna 9 minivan ibridi per la mobilità sostenibile. Severino: «Morano non ha aderito»

Credibilità e umiltà, si insedia così il nuovo procuratore capo di Castrovillari

1 minuti di lettura

CASTROVILLARI - «Avverto tutto il peso ed anche l'orgoglio per quello che sta per iniziare». Esordisce così Alessandro D'Alessio nel suo nuovo ruolo di procuratore capo di Castrovillari che, a partire da questa mattina, si è insediato presso il Tribunale della città del Pollino. 

L'attesa è finalmente finita per la procura di Castrovillari che, dopo 3 mesi dalla nomina di D'Alessio, attendeva il suo arrivo per coordinare una squadra competente che gestisce, però, un territorio troppo vasto. 

«La prima cosa che mi ha colpito di Castrovillari sono stati i colleghi. Li ho incontrati a luglio e questi ragazzi mi hanno espresso entusiasmo e lì ho capito che la mia scelta era stata giusta». 

D'Alessio, dopo aver ringraziato il Prefetto Ciaramella ed il procuratore Gratteri, ha voluto esprimere un ulteriore ringraziamento a Simona Manera, procuratore che ha retto «questo ufficio in maniera eroica e con umiltà». 

Questo era un debito che avevo col passato ha aggiunto il procuratore, ma oggi penso al futuro: la prima cosa su cui lavorare è la credibilità. Noi dobbiamo essere credibili, soprattutto in territori come questi, dove è scarso il livello di fiducia nella giustizia». 

Il procuratore capo ha poi esternato l'esigenza di una collaborazione comune, al fine di lavorare serenamente ed in sinergia: «ho bisogno - ha detto - della collaborazione di tutti. Spero di fare squadra comune ed ho bisogno di tutti, dalle persone più umili che per me svolgono il ruolo più importante». 

Pari dignità, rispetto dei ruoli e credibilità saranno quindi le parole chiave della nuova procura guidata da D'Alessio, nuova figura di riferimento che completa, finalmente, il presidio di legalità dopo Eugenio Facciolla.

Paola Chiodi
Autore: Paola Chiodi

Curiosa, solare e precisa. Laureata in Comunicazione e Dams all'Università della Calabria, ha perfezionato gli studi con un Master in Giornalismo e Comunicazione insieme alle più grandi firme del panorama nazionale. Dal copywriting e la comunicazione per il web è entrata da subito nel mondo del giornalismo televisivo, come inviata e conduttrice di format, speciali e servizi. Si occupa di eventi culturali, per i quali è responsabile dell'ufficio stampa e cura la comunicazione istituzionale di associazioni e confederazioni nazionali. La sua più grande passione è l’arte, ma adora anche il vintage e il teatro (dalla commedia all’opera).