1 ora fa:Incendio doloso a Belvedere: coinvolta anche la casa del Presidente Occhiuto
2 ore fa:Mercoledì si terrà la Convocazione Plenaria del Gal Pollino Sviluppo
3 ore fa:Nuovo Sindacato dei Carabinieri: «Ci occupiamo esclusivamente dei Diritti e della Sicurezza dei Lavoratori»
4 ore fa:Record in Calabria: trovato un tartufo di 845 grammi nel cosentino
2 ore fa:Il team di Co-Ro della CorriCastrovillari partecipa ai campionati europei Master di Pescara
33 minuti fa:A Corigliano-Rossano (e non solo) l'educazione motoria alle scuole elementari è un optional
1 ora fa:Tutto pronto per il torneo “Città del Codex e del Castello”: ingresso gratuito
3 minuti fa:Nasce "Barone Motorsport", la nuova scuderia automobilistica tutta calabrese
3 ore fa:Mercoledì l'autopsia sulla giovane Rosa Greco, vittima dell'incidente di sabato notte
5 ore fa:Emergenza cinghiali, Smurra rilancia l'appello di Stasi: «Bisogna mettere al sicuro i cittadini»

Lavoratori Simet, Elda Renna: «Tutto resta fermo e nel buio più totale»

1 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO - «Tutto resta fermo e nel buio più totale, nonostante le nostre dimostranze a più livelli istituzionali». Inizia così la nota stampa a firma della portavoce di un gruppo di autisti licenziati della Simet, Elda Renna.  «Esporsi in Calabria per difendere semplici diritti, previsti dalla nostra bellissima Costituzione Italiana, significa, farsi terra bruciata intorno. Perciò, non solo stiamo difendendo, con le nostre umili forze, quei diritti minimi essenziali che rendono la vita di un essere umano dignitosa.ma ci scontriamo anche con quella mentalità retrograda in cui un cittadino deve fare come gli struzzi, mettere la testa sotto la sabbia e tacere».

I lavoratori lanciano un appello al Presidente della Regione e non solo: «Caro Occhiuto, caro prefetto, care aziende di autotrasporti tutte, noi non lo abbiamo fatto e non lo faremo. In questo contesto, già disastroso di suo, la situazione si aggrava, quando a metterci la faccia è una donna che svolge un lavoro considerato per soli uomini. "Non assumiamo donne ", "lasciatela stare quella femmina dà fastidio"! Se ci fosse più rispetto reciproco e soprattutto rispetto dei diritti minimi essenziali, nessuna donna o uomo, che difende il diritto al lavoro sarebbe considerata "femmina fastidiosa"».

Elda Renna conclude: «Siamo indietro culturalmente troppo e questo lo notiamo tutte le volte che un essere umano prova, semplicemente, a difendere i diritti minimi essenziali di sopravvivenza: lavoro, sanità, giustizia, la vita! Come diceva Camilleri: "Gli italiani non amano sentire le voci libere, le verità disturbano il loro cervello in sonnolenza perenne».

 

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.