10 ore fa: “Liberi di scegliere se migrare o restare”: a Co-Ro si celebra la giornata mondiale del Migrante e del Rifugiato
5 ore fa:«La Fim Cisl Calabria ha tutte le condizioni per rafforzare la propria rappresentatività»
7 ore fa:Il calabrese Gerardo Sacco omaggia Frida Kahlo per il “Premio Evento Donna”
3 ore fa:Anche Salimbeni (Azione) interviene sullo stemma di Co-Ro: «Il percorso è ancora lungo»
6 ore fa:Migranti, la Calabria scende in campo: Occhiuto dà la disponibilità a un Centro permanente per il rimpatrio
11 ore fa:Psi Cassano: «Soddisfatti per l’assoluzione di Papasso»
8 ore fa:Straface contro il nuovo gonfalone e stemma di Co-Ro: «Acuisce le divisioni»
9 ore fa:Una serata incantevole a Co-Ro grazie allo spettacolo "Dolci Note"
4 ore fa:«Non è stato definito lo stemma di Co-Ro, ma è stato decretato il vincitore del concorso di idee»
8 ore fa:Auto si ribalta sulla 106, muore una giovane 17enne di Mirto

Cassano: mano pesante dell’Amministrazione contro chi abbandona i rifiuti

1 minuti di lettura

CASSANO JONIO - Mano pesante dell'amministrazione comunale contro chi abbandona rifiuti di ogni tipo su tutto il territorio urbano ma, in particolare, nelle aree turistiche deturpando il decoro urbano. Dall'inizio di giugno diversi sono stati i verbali elevati dalla Polizia Locale nei confronti di soggetti colpevoli di aver abbandonato materiale inerte su piazze e spazi pubblici.

«Dai controlli fatti in questo primo scorcio del mese e in vista dell'estate dagli agenti della Municipale – spiega il sindaco Giovanni Papasso – è affiorata tutta una attività che ha portato all'emersione di comportamenti poco civili e poco legali da parte di alcuni zozzoni che sono stati beccati a deturpare il territorio e il decoro. L'obiettivo di queste ulteriori verifiche che abbiamo disposto su tutto il territorio comunale, e in particolare sulle zone marine, è far finire questo andazzo che porta a stati di inciviltà e abbandono».

Gli agenti guidati dalla comandante Anna Maria Aiello, infatti, hanno elevato tutta una serie di verbali. Ad esempio hanno multato un autista che, circolando con il proprio autocarro sulla Statale 106, giunto all'altezza dell'incrocio regolato dall'impianto semaforico dei Laghi di Sibari, è stato beccato a insozzare la strada gettando dal finestrino alcune bottiglie in plastica. Oppure alcuni hanno avuto una sanzione a causa dei cumuli di rifiuti da giardino lasciati vicino l'abitazione invece che essere smaltiti in discarica. Altri soggetti sono stati individuati poiché, dopo aver ammodernato parte della pavimentazione del giardino antistante la propria abitazione, invece che smaltire regolarmente il materiale inerte, lo hanno abbandonato sul suolo pubblico.

«Comportamenti come questi – ha rimarcato il sindaco Papasso – non sono tollerabili. Bisogna dire basta a queste inciviltà. Abbiamo voluto questo intervento massiccio della Polizia Locale, che proseguirà anche nei prossimi giorni, per impedire che un villaggio come Marina di Sibari, fiore all'occhiello della costa sibarita, e altre località turistiche e balneari si trasformino in pattumiere a causa di pochi incivili. È giusto ristrutturare i propri immobili ma bisogna farlo seguendo le leggi, soprattutto in materia di smaltimento dei materiali di risulta».

Un andazzo per il quale l'amministrazione comunale ha deciso di avere il pugno di ferro anche perché ripulire quanto abbandonato è molto oneroso per le casse comunali visto che si tratta di spese non previste. Nel frattempo, è stato dato mandato agli uffici di provvedere affinché tutto venga pulito. Le spese extra saranno pagate con i proventi delle multe comminate.

Ma la Polizia Locale sta lavorando anche per il contrasto del fenomeno della prostituzione. Sempre nei primi giorni di giugno, sono stati elevati sei verbali a lucciole di nazionalità Bulgara. Altri due erano stati elevati e uno a maggio.

 

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.