4 ore fa:Unical, nuova tappa del percorso di studio “Ripensare l’Antimafia”
2 ore fa:Contributi per impianti fotovoltaici, per Scutellà (M5s) «è l'ennesima beffa del Governo»
1 ora fa:Il San Marco in lista per diventare patrimonio Unesco, Straface ringrazia Occhiuto e Varì
1 ora fa:Nella Calabria del nord-est più di 160mila persone chiamate alle urne delle Amministrative di giugno
15 minuti fa:Nuove forze a supporto del Garante della Salute
45 minuti fa:Il calabrese Natale Mazzuca nominato vicepresidente di Confindustria
3 ore fa:Disputato a Co-Ro il "sociale primaverile di equitazione". Qui i nomi dei partecipanti
3 ore fa:Falbo invita Chiaravalle per un sopralluogo sulle arterie stradali nel cassanese
2 ore fa:A Frascineto presto fruibile il sentiero Arcobaleno, dotato anche di tavolette braille
4 ore fa:Alla Sala Mahler di Trebisacce il recital del pianista Giuseppe Adornetti 

I sindaci della provincia di Cosenza si incontrano sul tema del servizio idrico integrato

1 minuti di lettura

COSENZA - Presieduta dal sindaco Franz Caruso, si è svolta a Palazzo dei Bruzi una riunione dei sindaci della provincia di Cosenza che hanno voluto confrontarsi sulla problematica, assai sentita, relativa al servizio idrico integrato ed al servizio di gestione dei rifiuti urbani passati in capo ad Arrical, l'Autorità Rifiuti e Risorse Idriche  della Calabria, istituita con Legge Regionale n. 10 del 20 aprile 2022, di cui è stato individuato Sorical soggetto gestore.

Diverse le criticità segnalate dal dibattito ampio ed articolato che si è sviluppato, nel corso del quale è emerso che l'acqua non è e non può essere un tema ideologico, rappresentando un bene primario per le comunità, la cui gestione è fondamentale per la qualità della vita dei cittadini. I tantissimi amministratori che hanno riempito il Salone di Rappresentanza di Palazzo dei Bruzi, hanno espresso dubbi e perplessità di natura tecnico/amministrativa nonché di natura contabile/finanziaria, sintetizzabili, sostanzialmente, in 4 punti:

Il discutibile ruolo imposto ai comuni, di meri contabilizzatori dei costi del servizio che dovranno pagare i cittadini, il cui provento, però, sarà direttamente incassato da Sorical, pone una seria questione di redazione dei Bilanci comunali di Previsione. Un dato accertato dagli Enti che già hanno approvato l'adesione ad Arrical; Totale incertezza e precarietà nello svolgimento degli interventi urgenti ed immediati sulla rete idrica di adduzione, che oggi garantiscono gli Enti Locali, e che con Arrical dovrebbe assicurare la Sorical che al momento, con i suoi tecnici, non riesce ad espletare una manutenzione ordinaria dell'Abatemarco, su cui insistono carenze ataviche che costringono continuamente alla sospensione del servizio idrico; Legittimità dubbia sul percorso posto in essere da Arrical nell'individuazione del gestore Sorical, lesivo del diritto dei comuni ad assumere tale decisione, ma anche molto confuso perché non si capisce se il gestore è un soggetto pubblico, privato o misto pubblico/privato, essendo Sorical una SpA con contratto in essere con la Regione Calabria.

Rispetto alle diverse problematiche discusse tutti i presenti hanno deciso di delegare l'assessore al bilancio del Comune di Cosenza a preparare un documento tecnico-politico, contenente tutti i rilievi critici mossi dai sindaci alla legge istitutiva di Arrical, da utilizzare quale motivazione per la revoca della delibera di adesione assunta dai comuni che hanno deliberato in tale senso. Lo stesso documento sarà sottoscritto da tutti i Sindaci e presentato al presidente della Regione con la richiesta di sospensione della esecuzione della legge e l'avvio di un percorso di confronto e condivisione tra Regione e Comuni, al fine di modificarla ed attuarla senza contrasti e contrapposizioni. Nelle more, si valuterà anche la possibilità di impugnare davanti al Tar Calabria la legge. 

Veronica Gradilone
Autore: Veronica Gradilone

26 anni. Laurea bis in Comunicazione e Tecnologie dell’Informazione. Mi piace raccontare le storie, non mi piace raccontare la mia