16 ore fa:Strage di Thurio, a Catanzaro l’ultimo saluto alla capotreno Maria Pansini,
2 ore fa:A Natale mettiamo la Sibaritide e il Pollino in tavola e sotto l'albero
17 ore fa: Concluso a Cassano Jonio il raduno nazionale delle Città del Sollievo
3 ore fa:Furia al Pronto soccorso, tossicodipendente entra e sfascia tutto: 4 feriti
48 minuti fa:Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità, a Schiavonea l’evento “Un tè con...”
3 ore fa:Estorisione a concessionaria, assolto pluripregiudicato perché il fatto non sussiste
3 ore fa:Fiamme a Schiavonea, a fuoco l'appartamento di alcuni extracomunitari in via Nizza
1 ora fa:Luigi Minnicelli, il carbonaro rossanese votato alla ricerca della libertà
1 ora fa:Dicembre col caldo... ma sarà solo una fase temporanea
2 ore fa:La Rai celebra la magnificenza di Sibari: la colonia che fece concorrenza ad Atene

Dopo oltre 60 anni, Co-Ro rientra in possesso del suo patrimonio boschivo. «Risultato Straordinario»

2 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO - Secondo i dati dell'Inventario Nazionale delle Foreste e dei Serbatoi forestali di Carbonio realizzato dall'Arma dei Carabinieri con il supporto scientifico del CREA, le foreste in Italia sono in crescita e la Calabria è quinta per estensione. In questo quadro trova spazio la notizia per cui, dopo una attesa di oltre sessant'anni, il comune di Corigliano-Rossano, rientra nel pieno possesso del suo patrimonio boschivo. 

A partire dal 1957, con una serie di delibere, sia l'ex Comune di Rossano che l'ex Comune di Corigliano Calabro consentirono alla Regione Calabria l'occupazione, determinata dalla necessità di eseguire opere di rimboschimento, conservazione del suolo e sistemazione idraulico forestale di bacini, con conseguente sospensione del godimento dei fondi, per la durata di dieci anni. 

Terminata l'opera di rimboschimento la Regione Calabria e per essa gli enti strumentali a supporto, malgrado i numerosi solleciti pressanti da parte degli amministratori che si sono succeduti negli anni, non si sono mai determinati a rilasciare i terreni boschivi. È stato necessario che l'amministrazione Stasi si attivasse giudizialmente, rivolgendosi al Tribunale di Castrovillari, per poterne tornare in possesso.

Nel mese di luglio nella Cittadella regionale è stato sottoscritto un accordo transattivo alla presenza del vicesindaco, con delega al patrimonio, Maria Salimbeni e del Rup Giuseppe Graziano, tra il dirigente al patrimonio Danilo Fragale del Comune di Corigliano-Rossano, la Regione Calabria, per il tramite del dirigente del Dipartimento Regionale Forestazione, Domenico Pallaria, e del Commissario Straordinario di Calabria Verde, Giuseppe Oliva.

Secondo il cronoprogramma convenuto la scorsa settimana è stata perfezionata la riconsegna   da parte di Calabria Verde, con allegato il piano di coltura e conservazione dei terreni di proprietà del Comune in località "Cugnale Sant'Onofrio".

È stata inoltre comunicata da parte di Calabria Verde, la notizia dei lavori di riqualificazione dei "Giganti di Cozzo del Pesco", che prevede il prelievo di piante douglasia che furono impiantate per favore il processo di rimboschimento così da proteggere i castagneti secolari sottoposti a vincolo e inseriti, tra l'altro, nell'elenco nazionale degli alberi monumentali.

Secondo l'accordo sottoscritto entro fine mese saranno riconsegnati al patrimonio della città tutti gli altri terreni boschivi appartenenti sia all'ex Comune di Rossano che all'ex Comune di Corigliano Calabro.

«È necessario che i cittadini siano informati del lavoro che l'amministrazione Comunale sta svolgendo anche nell'opera di ricostituzione del patrimonio dell'ente - ha dichiarato il vicesindaco con delega al patrimonio Maria Salimbeni - La maggior parte dei terreni   costituiscono demanio civico comunale che meritano dopo tanti anni di essere riconsegnati alla collettività e debitamente valorizzati»

«Si tratta di un risultato straordinario atteso da decenni, da quando  con la  Legge 26 novembre 1955, n. 1177- Provvedimenti straordinari per la Calabria- fu  previsto dal governo nazionale un lavoro di bonifica montana affidato alla Cassa per il Mezzogiorno - ha dichiarato  il sindaco Flavio Stasi - attendiamo che si concluda l'iter per la riconsegna di tutti  terreni boschivi di proprietà dell'Ente e siamo già a lavoro per la sfida che ci attende,  far sì che il patrimonio boschivo diventi non solo strumento di attrazione turistica ma, soprattutto occasione, di lavoro. Per intanto registriamo il risultato raggiunto dall'Amministrazione Comunale grazie alle azioni decise messe in campo».

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.