15 ore fa:“Il Coraggio della Vergogna”: a dieci anni dalla presentazione del libro di Carlo Di Noia
16 ore fa:Psr Calabria: pagamenti per circa 16 mln destinati a oltre 2.500 aziende agricole
16 ore fa:La cipolla bianca di Castrovillari, celebrata da produttori e grandi chef
15 ore fa:Adesso il congedo di paternità, è riconosciuto anche nel pubblico impiego
14 ore fa:La Calabria sotto i riflettori della Rai: domani la prima delle due puntate di “Linea Verde”
15 ore fa:Un’immersione nelle acque calabresi alla scoperta del Piroscafo Torino
16 ore fa:Dalla Regione Calabria è forte il sostegno alle imprese artigianali: «Realtà preziose»
15 ore fa:Il comune di Villapiana, è all'esame della Corte dei Conti
15 ore fa:La Vignetta dell'Eco
14 ore fa:"Legalità' e sicurezza in Calabria": Europa Verde-Verdi esprime soddisfazione per l'approvazione del progetto

Per i “Figli della Luna” è un’estate all’insegna dell’inclusione: Riappropriarsi degli spazi della città

1 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO - Recuperare tutto il tempo andato perso per via della pandemia, rimediare a tutti i danni che la privazione di relazioni sociali ha portato e rimettere al centro l’universo dei bisogni delle persone più fragili, compreso quello delle loro famiglie. È, questa, la sfida pedagogica alla quale non vogliamo rinunciare per continuare a promuovere e respirare cultura dell’inclusione e fare di Corigliano – Rossano, un modello di welfare e punto di riferimento nel territorio e nella regione.  È quanto dichiara il presidente della Cooperativa Sociale I Figli della Luna Lorenzo Notaristefano sottolineando con il vice presidente Marilena Prezzo, il consigliere Francesca Prezzo ed i soci Antonella Celestino, Antonio Simone, Dora Quadro e Margherita Quadro, lo spirito e la visione che continuano ad ispirare il percorso ultradecennale del sodalizio che ha accolto l’arrivo dell’estate con tante e nuove iniziative. Tutte all’insegna del divertimento, dell’integrazione e dell’abbattimento dei tabù legati alla disabilità. Riappropriarsi degli spazi della città. È, questo, il motto e punto di partenza della squadra. È così che dopo la tappa al Museo Diocesano e del Codex e l’esperienza del trekking urbano, accompagnati da Lorenzo Cara del Club Trekking, i ragazzi del Centro diurno Il Sorriso, hanno visitato anche le sontuose sale del Castello Ducale, tra i simboli della Città. Il Toro cozzante, le monete, i monili, l’armatura del Guerriero Brettio, sono tra i reperti archeologici che più di tutti hanno catturato l’attenzione degli speciali visitatori del Museo nazionale della Sibaritide accompagnati tra le teche che profumano di storia e identità da Donatella Novellis. Accompagnati dallo staff della Cooperativa sociale i ragazzi hanno assistito anche alle acrobazie e allo spettacolo portato in scena dal Circo Greca Orfei, approdato sul Lungomare di Rossano ed oggi (mercoledì 22) hanno fatto tappa all’Acquapark Odissea 2000 che ha confermato anche quest’anno sensibilità e disponibilità nei confronti del sodalizio. È stato un successo il saggio di fine anno, frutto della collaborazione con il Centro studi danza Margherita Mingrone, che ha coinvolto i ragazzi in una vera e propria coreografia che non poteva non essere applaudita dalle famiglie e da tutti i presenti. I prossimi appuntamenti della calda, inclusiva e colorata estate de I Figli della Luna continueranno con l’Estate Ragazzi che su proposta della coordinatrice del Centro Il Sorriso, accolta con molto entusiasmo sia dalla parrocchia che dalle altre associazioni, quest’anno sarà in veste parrocchiale e sarà ospitata nella chiesa S. Maria ad Nives a Schiavonea. Dal 10 luglio, infine, partirà la colonia estiva giunta alla 12esima edizione e che, nel suo mood itinerante, quest’anno si terrà al Baobab Beach di contrada Momena, sul lungomare di Rossano.

(Fonte comunicato stampa)

Veronica Gradilone
Autore: Veronica Gradilone

25 anni. Laureata in scienze della comunicazione. Laureanda magistrale in comunicazione e tecnologie dell'informazione. Mi piace raccontare le storie, non mi piace raccontare la mia