1 ora fa:Corona Maestro d’Olio 2024: i fratelli Renzo tornano a casa con l’ambito riconoscimento 
5 ore fa:Il cassanese Luigi Pascale vince il premio America Giovani
7 ore fa:Aggressione al vicino di casa e dinanzi agli agenti, assolto perché il fatto non sussiste
22 ore fa:Verso le aziende agricole digitali anche nella Sila Greca
4 ore fa:Corigliano-Rossano: «Apri siamo i Carabinieri» e poi lo accoltellano
6 ore fa:Cosa si dice nella Calabria del nord-est: una settimana di notizie
8 ore fa:Auto contro motociclisti: due feriti nel violento scontro di Cassano Jonio
3 ore fa:Al via l'Estate a Sofferetti, tra fede e musica
2 ore fa:Chiusura nefrologia, Stasi: «Ennesimo disastro targato Graziano-Occhiuto»
22 ore fa:La Vignetta dell'Eco

A Castrovillari il Carnevale vede protagonisti i bambini con l'inconorazione di "Re Burlone"

2 minuti di lettura

CASTROVILLARI - E’ Carnevale. Con l’incoronazione di “RE BURLONE”, l’evento carnascialesco più famoso della regione, giunto alla 64 edizione, si entra nel vivo della manifestazione castrovillarese la più longeva del Meridione d’Italia. Questa è una edizione snella, essenziale. Un’edizione della ripartenza con la consapevolezza che, l’umanità saprà lasciarsi alle spalle questo terribile momento storico che negli ultimi due anni ci ha sconvolti e oggi ancor di più con l’attacco della Russia all’Ucraina a pochi Km dall’Italia. Ma per un attimo vogliamo lasciare da parte, senza dimenticare, ciò che ci circonda e vogliamo dare spazio alla spensieratezza. E la speranza di un mondo migliore, la vogliamo dare al fatto che quest’anno, per la prima volta, le chiavi della città, sono state consegnate da una donna al Re burlone.

E’ stato infatti, l’assessore Federica Tricarico a dare il via alle manifestazioni carnascialesche e alla diatriba tra Re carnevale e la Quaresima; anticipati da Organtino, la maschera che sottolinea il carnevale di Castrovillari. Nelle vesti di Re burlone, Rosario Rummolo, in quelle della Quaresima, Valentina Bellizzi e in quelle di Organtino, Fedele Battipede. Il tutto sottolineato dalle note dell’orchestra della Pro Loco, da alcuni componenti del sodalizio castrovillarese con in testa la “Pacchiana”. 

Il programma è stato adattato alle esigenze della pandemia e così niente corteo, niente sfilate ma la gioia dei più piccoli che forse più di tutti, hanno patito questo momento. Il tutto si è svolto, presentato da Carlo Catucci, nella corte del Castello aragonese di Castrovillari con un pubblico di tanti bambini mascherati e la voglia di divertirsi. «Se vogliamo vedere il bicchiere mezzo pieno - ha sottolineato il presidente della Pro Loco Eugenio Iannelli - è che dopo lo stop si ritorni a parlare del Carnevale, del nostro Carnevale. E’ vero abbiamo visto l’apertura del Carnevale di Viareggio, di Venezia con il coinvolgimento dell’intera popolazione. Ma lì ci sono degli impegni economici davvero importanti, purtroppo questo a Castrovillari non succede. Certo c’è un po’ di disparità di trattamento però, noi rispettiamo quanto imposto dai Dpcm; l’importante è riprendere questa lunga tradizione carnascialesca».

Gli ha fatto eco l’assessore, Ernesto Bello: «Lì parliamo di bilanci diversi, format diversi mi riferisco a Viareggio piuttosto che Venezia. Noi ripartiamo da dove eravamo rimasti e soprattutto sperare che l’edizione del 2023 sia un evento nella piena naturalità delle cose, senza pandemia».

«E’ un carnevale significativo, un carnevale della ripartenza - ha sottolineato il direttore artistico, Gerardo Bonifati - propedeutico alla 65 edizione. Il carnevale è nel dna dei castrovillaresi e lo dimostra, nonostante tutto, la grande partecipazione di oggi. Noi abbiamo il dovere di proporre questo evento e in questa edizione vedremo quella che è la tradizione del carnevale che si aggancia a quella che è la stori che nasce nel 1635 con la farsa di Cesare Quintana, l’Organtino con quella che è stata, grazie all’intuizione del   prof. Vigiano nel lontano 1959 fino ai giorni nostri dove festeggiamo la 64 edizione con eventi che possono essere organizzati in questo momento particolare. Quindi spazio ai bambini».

Grazie a tutte le testate giornalistiche che a vario titolo stanno dando voce alla manifestazione: Tv, Radio, Giornali, Siti web. Grazie a tutte le forze dell’ordine e alle varie associazioni che si stanno prodigando alla buona riuscita della manifestazione. Prossimo appuntamento domenica 27 febbraio con la “Parata della Gioia” con inizio alle ore 9,30 presso il Villaggio Scolastico di Castrovillari. L’evento sarà aperto al pubblico, con ingresso gratuito e Green Pass obbligatorio nel rispetto del DPCM anti covid 19. Gli eventi saranno video ripresi da ARCA Communication. (foto di Giuseppe Iazzolino).

Il Carnevale di Castrovillari, è organizzato dalla Pro Loco in collaborazione con la locale Amministrazione Comunale, la Regione Calabria, il Parco Nazionale del Pollino, la BCC Medio Crati, la Gas Pollino , dalla Comeg,  la Provincia di Cosenza, il MIBACT, la F.I.T.P., lo IOV, l’EPLI, ,  il Comitato difesa consumatori, impreziosita dai brand A.C.T.  (Ambiente, Cultura, Turismo) e Castrovillari Città Festival.

 

 

Francesca Sapia
Autore: Francesca Sapia

Ha due lauree: una in Scienze politiche e relazioni internazionali, l'altra in Intelligence e analisi del rischio. Una persona poliedrica e dall'animo artistico. Ha curato le rassegne di arti e cultura per diversi Comuni e ancora oggi è promotrice di tanti eventi di arti visive