4 ore fa:Emergenza epidemiologica, i tre hub vaccinali di Corigliano-Rossano resteranno aperti
5 ore fa:«La Calabria diventi “No Tax Area”»
1 ora fa:Edilcassa Calabria, Beraldi (Claai) è il nuovo presidente
2 ore fa:La Calabria punta sui Distretti del cibo, circa 20 le candidature
4 ore fa:Invalido, con il reddito di cittadinanza e col vizietto di rubare nei supermercati: arrestato un rossanese
3 ore fa:Frecciargento Sibari-Bolzano: riattivato il booking. Possibile continuare a viaggiare
4 ore fa:Anche a Crosia piantato l'Albero del Ricordo in memoria delle vittime del Covid-19
3 ore fa:Fusione Co-Ro, Stasi commenta la sentenza del Tar: «Chi si scaglia contro la città unica è miope»
3 ore fa:L’ex Tribunale di Rossano pronto a ritornare in vita. C’è un’idea per il riutilizzo
4 ore fa:Longobucco, è morto Walter Cesare Sapia: il commosso ricordo della Cisl

A Crosia si respira già l’aria del Natale con la mostra dei presepi artigianali di Lidia Oriolo

1 minuti di lettura

CROSIA – Identità e memoria. La necessità di acquisire la consapevolezza dei valori mediante i simboli che caratterizzano i singoli periodi della vita e delle fasi che sistematicamente ritornano. Fra questi, il Natale, con tutti i suoi contrassegni, le immagini e le tradizioni che si tramandano da generazione in generazione. Un emblema del periodo in cui viene rievocata la nascita di Gesù Bambino è, senza dubbio, il presepe.

Allo scopo di offrire alla comunità territoriale l’opportunità di ammirare lavori d’arte presepiale, assolutamente artigianali, la professoressa Lidia Oriolo, ha pianificato un’apposita mostra di presepi. L’esposizione, che verrà inaugurata il prossimo 27 novembre, sarà ospitata nella sala consiliare della Delegazione municipale di Viale della Repubblica in Mirto fino al 5 dicembre 2021.

L’ingresso, consentito esclusivamente ai soggetti muniti di mascherina e green pass, sarà libero. L’esposizione, che si svolgerà nel pieno rispetto delle norme anti-Covid, sarà aperta al pubblico, nel suddetto periodo espositivo, dal lunedì al sabato, dalle ore 17 alle 20, mentre di domenica, anche la mattina, dalle 10 alle 12,30 e nel pomeriggio dalle ore 17 alle 20.    

Gli ospiti potranno osservare dei lavori unici. Si tratta della rappresentazione tridimensionale di borghi di vario genere (marini, collinari ecc.). Tutto realizzato a mano dalla professoressa Oriolo, con l’utilizzo di diversi materiali. Dunque, non classici presepi con legno e muschio, ma vere e proprie opere d’arte. Un’arte che contraddistingue lo stile di Lidia Oriolo. Ella ha sempre prodotto tante opere (pitture, sculture), ma è sempre stata restìa a esporre i propri lavori. Stavolta, però, allo scopo contribuire alla rinascita sociale, in questa fase che ci auguriamo possa essere definita al più presto “post” pandemica, ha deciso di effettuare un’esposizione.

«Lavori che mi hanno fatto compagnia – ha detto testualmente l’artista – perché realizzati durante la fase del lockdown”.

Lidia Oriolo è una delle poche persone nate a Crosia. Ha frequentato la scuola media a Pisa, quindi il Liceo artistico a Reggio Calabria. La sua formazione individuale, però, è stata costante in tutto il percorso della vita. Docente di Educazione artistica per 36 anni nell’allora scuola media, oggi diremmo secondaria di primo grado, svolti prevalentemente nella cittadina di Mirto Crosia. Ha trasmesso ai suoi alunni i suoi saperi, sia sotto il profilo teorico che quello pratico. Ma probabilmente avrà trasfuso in loro anche la gioia e la voglia delle attività artistiche.

Il suo lavoro è sempre coinciso con la sua passione: l’arte. Infatti, negli anni, ha prodotto sistematicamente, tante sculture, pitture e ricami di vario genere. Oggi, anche noi, possiamo apprezzare le sue doti, attraverso la prima mostra presepiale. 

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.