19 ore fa:Castrovillari: il centro vaccini porta le primule della rinascita
2 ore fa:Campolescia. Sulla minaccia di riaprire la discarica, interviene De Magistris
1 ora fa:Calendario venatorio, Gallo: «tar certifica legittimità nostro operato»
16 ore fa:I Curatolo, l’orgoglio di essere pescatori da cinque generazioni
41 minuti fa:Emergenza Covid «dati allarmanti». Guccione auspica una zona rossa per la provincia di Cosenza
17 ore fa:Emergenza Covid, Sibaritide-Pollino conta 119 nuovi positivi. 70 a Crosia e 33 a Co-Ro
34 minuti fa:A Cariati 64 positivi e 82 ordinanze di quarantene in corso
11 minuti fa:Vaccinazioni a Vaccarizzo, il Sindaco: «Non alimentare l’odio sociale, la magistratura faccia chiarezza»
26 minuti fa:Sanità in Calabria, De Magistris denuncia una «situazione gravissima al limite della tragedia»
16 minuti fa:Crisi da coronavirus, Saccomanno (Lega): «La chiusura delle attività è stato un duro colpo per l’economia territoriale»

L'Annunziata annuncia l'inizio dell'utilizzo dei monoclonali

1 minuti di lettura

COSENZA- Al via anche all’Annunziata l’  utilizzo degli anticorpi monoclonali, la nuova opzione terapeutica per la cura del Covid, in pazienti in condizioni cliniche lievi o moderate, ma con fattori di rischio, quali l’obesità, le patologie croniche importanti, i trattamenti emodialitici  che possono peggiorare il quadro clinico

Il Protocollo coinvolge i medici delle USCA, i medici dei distretti territoriali e i medici di famiglia e prevede la somministrazione dei monoclonali anche a pazienti in Pronto Soccorso che possiedono i criteri di eleggibilità.

«L’obiettivo prioritario dell’ opzione terapeutica  - ha dichiarato il direttore sanitario Angelo Barbato – è quella di bloccare la progressione della patologia e ridurre il numero dei ricoveri».

Alla Farmacia dell’Annunziata sono giunti tre tipologie di anticorpi monoclonali:  Bamlanivimab, Bamlanivimab + Etesevimab e Casirivimab + Imdevimab che consentono, al momento il trattamento di 99 pazienti.

Un'unica somministrazione endovena e l’anticorpo monoclonale riconosce la proteina espressa dal virus denominata “Spike” o “S”  e legandosi alla stessa   crea impedisce al virus di ancorarsi alla cellula e successivamente di essere riconosciuto come estraneo dal nostro sistema immunitario, che procede alla distruzione.

«Gli anticorpi monoclonali sono un’opzione terapeutica – ha concluso il dr Barbato  - nell’ambito di trattamenti destinati a pazienti con sintomi lievi o moderati, che si aggiungono alla strategia di contrasto alla diffusione del virus in cui restano prioritarie le misure di prevenzione e vaccinazione».

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.