4 ore fa:Degrado alle Terme di Spezzano Albanese: «Una storia di malagestione che dura da anni»
3 ore fa:Post voto. Ad Acquaformosa volano le poltrone dai balconi del Comune ma la neo sindaca smentisce
8 ore fa:Cicogna bianca, nidificazione a rischio per attività di addestramento di cani da caccia
7 ore fa:Straface sarà sia consigliere comunale a Co-Ro che consigliere regionale
3 ore fa:Antonello Graziano è il nuovo vicepresidente nazionale di Federsanità
9 ore fa:Elezioni, Tavernise (M5s): «Sul territorio siamo forza concreta »
6 ore fa:A Corigliano-Rossano arriva Roberto Emanuelli
7 ore fa:Cassano, Guerrieri: «Lavoriamo a una lista di partito per le prossime elezioni comunali del 2025»
8 ore fa:Cassano Jonio, al via i lavori di messa in sicurezza di località Grotta della Rena
6 ore fa:Zes unica, Coldiretti: «Bene estensione del credito alle imprese agricole che trasformano e commercializzano»

Tra prudenza e responsabilità Castrovillari è pronta alla zona gialla

1 minuti di lettura

CASTROVILLARI - Prudenza e responsabilità sono le parole chiave che devono accompagnare da oggi, 1 febbraio, tutta la Calabria, soprattutto le comunità che hanno lottato contro il Coronavirus.
Anche Castrovillari è pronta ad affrontare i cambiamenti della zona gialla ed il sindaco comunica ai suoi cittadini le accortezze da adottare per viverla in sicurezza. "Zona gialla non vuol dire che siamo fuori dal tunnel - scrive, infatti, Lo Polito su Facebook - Ricordo che a dicembre, poco prima del Natale, la zona gialla ha prodotto disastri ovunque".

Riguardo agli spostamenti, sono consentiti nella regione dalle ore 5.00 alle ore 22.00. "Si ricorda che fino al 15 febbraio non sono consentiti gli spostamenti tra regioni se non per i consueti motivi di salute, lavoro o necessità però - ricorda il primo cittadino di Castrovillari - è sempre consentito il rientro nella propria residenza, domicilio e abitazione. Rimane il divieto di recarsi nelle abitazioni private se non per una volta nella giornata e a non più di due persone maggiorenni accompagnati da figli minori di 14 anni ovvero da persone con disabilità purché conviventi".

"Aprono dalle 5.00 alle 18.00 con servizio ai tavoli tutti i servizi di ristorazione (bar, ristoranti, pizzerie e pub, gelaterie e pasticcerie), con massimo 4 persone per tavolo tranne che si tratti di conviventi.
Dopo le 18.00 i bar possono fare solo servizio a domicilio mentre le altre attività ristorative fino alle 22.00 possono effettuare sia asporto che consegna a domicilio.
Restano chiuse palestre, piscine, centri sportivi. Gli sport in circoli sportivi sono consentite come attività di base e senza contatti, tranne che si tratti di competizioni di rilevanza nazionale.
Sono sempre consentite le attività sportive svolte in forma individuale. Restano chiusi cinema e teatri".

Ricomincia, inoltre, la scuola anche se limitata al 50% la didattica in presenza per le scuole superiori. Un'ordinanza, quella di Spirlì, non condivisa da Lo Polito: "L’ordinanza n. 4 intervenuta da parte del presidente della regione Calabria, di sabato sera - dice Lo Polito - ha solo complicato le cose per le scuole che con molta fatica si erano organizzate, favorendo incertezze e probabili tensioni scuola-famiglia. La suddetta ordinanza, infatti, non ordina alle scuole l’obbligo della didattica a distanza per le famiglie richiedenti ma, semplicemente lo “raccomanda”. In pratica non è una prestazione esigibile non esistendo obbligo alcuno per le scuole, perché l’ordinanza non lo prevede. Di fatto un nulla di “fatto. Come dicevo solo confusione in una fase nella quale tutti noi abbiamo bisogno solo di certezze".

Resta da tenere a mente di mantenere il distanziamento sociale e "l’obbligo delle mascherine, come nei negozi che consentiranno l'ingresso contingentato con divieto di assembramento"
"Ricordo - conclude Lo Polito - che dopo le 18.00 è vietata la consumazione in luoghi pubblici, piazze e ville comunali. Siamo prudenti". 

Paola Chiodi
Autore: Paola Chiodi

Curiosa, solare e precisa. Laureata in Comunicazione e Dams all'Università della Calabria, ha perfezionato gli studi con un Master in Giornalismo e Comunicazione insieme alle più grandi firme del panorama nazionale. Dal copywriting e la comunicazione per il web è entrata da subito nel mondo del giornalismo televisivo, come inviata e conduttrice di format, speciali e servizi. Si occupa di eventi culturali, per i quali è responsabile dell'ufficio stampa e cura la comunicazione istituzionale di associazioni e confederazioni nazionali. La sua più grande passione è l’arte, ma adora anche il vintage e il teatro (dalla commedia all’opera).