1 ora fa:Lungro, il comune intercetta 600 mila euro per la riqualificazione della scuola materna
19 minuti fa:Schiavonea, approvato il progetto di adeguamento strutturale della scuola di via Nizza
49 minuti fa:Lavori Terzo Megalotto: i mezzi pesanti non passeranno più nel centro abitato di Sibari
16 ore fa:La Filt Cgil Calabria promuove la formazione di giovani ferrovieri
16 ore fa:A Cosenza il seminario "Didattica digitale: a che punto siamo? Prospettive per il futuro"
14 ore fa:Inaugurata una sede di "Villapiana Futura" nello Scalo cittadino
15 ore fa:Sapia replica a Rapani: «Occorre elevare il livello della politica parlando di progetti e obiettivi»
14 ore fa: IC Crosia primo classificato al Concorso Nazionale “Agri-coltura: costruiamo l’atlante dei Paesaggi Rurali italiani”
13 ore fa:Viaggi di istruzione, un altro autobus fermato alla partenza per carenza di requisiti
15 ore fa:Strada Statale 106, primo confronto tra la Regione e l'associazione "Basta Vittime"

Coppa Sila, presentate le tante novità della 42esima edizione

2 minuti di lettura

CELICO - L'Automobile Club Cosenza scalda i motori e presenta il programma della 42esima Coppa Sila, iconica e storica gara automobilistica della Calabria, in programma dal 28 al 30 luglio, valida per la serie nazionale cadetta Trofeo Italiano Velocità Montagna sud e Campionato Italiano "Le Bicilindriche", che si richiama al suo slogan "Il rombo della montagna".

«Il Presidente di Automobile Club Italia Angelo Sticchi Damiani - si legge nella nota - ha sottolineato un forte apprezzamento per l'iniziativa, la professionalità e la lungimiranza degli organizzatori. Anche quest'anno, la cronoscalata, conosciuta anche come Trofeo Domenico Scola, prevede lo start dal comune di Spezzano della Sila, in località "Acquacoperta", e l'arrivo degli oltre 100 piloti iscritti nei pressi di "Monte Scuro", nel comune di Celico, percorrendo la vecchia strada per Camigliatello Silano.

«Da molti mesi ormai - ha dichiarato il presidente di ACI Cosenza, Ernesto Ferraro - il nostro staff è al lavoro per garantire all'evento un'edizione di alto prestigio, con un occhio di riguardo all'ambiente e riproponendo sentimenti di grande entusiasmo tra le migliaia di appassionati che si accalcheranno lungo il percorso per vedere sfrecciare i loro beniamini, ma soprattutto per le tante iniziative collaterali distribuite lungo il territorio interessato nell'attesa della gara. Questo storico evento automobilistico rappresenta a tutti gli effetti un elemento di promozione territoriale e di forte attrazione turistica, in quanto tracciato lungo le strade del più grande altopiano d'Europa, che suscita da sempre sentimenti di apprezzamento nei piloti che vi partecipano, creando in loro un legame speciale con il singolare ambiente naturalistico».

«Nella creazione di nuove intese e collaborazioni - si legge ancora -, nel corso della conferenza è stata annunciata dal Direttore della Fondazione Carical, Carlo Cannataro, l'erogazione di una borsa di studio a favore di ACI Cosenza e Coppa Sila, da destinare ad un adolescente meritevole. Come anticipato dall'addetto stampa di ACI Sport, Rosario Giordano, altri benefici, di natura strutturale e strumentale sono previsti per la competizione automobilistica, come quelli dell'aumentata sicurezza, garantita da quasi 300 operatori e da una serie di importanti interventi che la Provincia di Cosenza effettuerà lungo il percorso, come confermato nel corso della conferenza dal Dirigente Settore Trasporti dell'Ente provinciale, Gianluca Morrone. La Coppa Sila, il cui spessore e l'importanza promozionale sono stati evidenziati dagli interventi dei Sindaci di Casali del Manco, Francesca Pisani, e Spezzano della Sila, Salvatore Monaco, esprimerà così tutto il suo fascino attrattivo tra le migliaia di persone che prenderanno posto tra alberi e tornanti, in luoghi di singolare bellezza naturalistica, dotati di uno speciale patrimonio culturale, storico ed enogastronomico, la cui fama ha fatto il giro del mondo».

Inizia da quest'anno un nuovo corso della competizione che volge a celebrare i suoi 100 anni nel 2024, con il contributo di enti pubblici e privati, con cui è stata avviata una partnership lungimirante, che riporterà ai vecchi fasti la cronoscalata più amata del Sud Italia.

Rita Rizzuti
Autore: Rita Rizzuti

Nata nel 1994, laureata in Scienze Filosofiche, ho studiato Editoria e Marketing Digitale. Amo leggere e tutto ciò che riguarda la parola e il linguaggio. Le profonde questioni umane mi affascinano e mi tormentano. Difendo sempre le mie idee.