1 ora fa:Nuova toponomastica a Sibari nel solco della memoria e della commozione
4 ore fa:Appiccarono il fuoco a due autovetture: in manette due cassanesi
4 ore fa:Detenuto accusato di falsa testimonianza è stato assolto perché il fatto non sussiste
18 ore fa:Conclusa la prima edizione del progetto “Marathon Experience” a Corigliano-Rossano
5 ore fa:Archeologi per un giorno: i bambini del Polo dell’infanzia Magnolia sulla tracce di Sybaris
2 ore fa:Viaggio tra i Feudi della Sila Greca - Le successioni in casa Sambiase del Principato di Campana
4 minuti fa:Filcams Cgil alla 3 Emme: «Basta menzogne e  soprusi»
18 ore fa:Imprese e lavoro, il cassanese Leonardo Sposato nominato presidente di AEPI Calabria
19 ore fa:Il comune di Cariati aderisce alla proposta di marketing territoriale di Visit Italy
3 ore fa:Cosa si dice nella Calabria del nord-est: una settimana di notizie

Cantieri fermi, Corbelli (Diritti civili) chiede di far ripartire i lavori e salvare 31 scuole calabresi

2 minuti di lettura

COSENZA - Il leader del Movimento Diritti Civili, Franco Corbelli, rivolge un appello ai ministri dell'Istruzione, Giuseppe Valditara, e dell'Economia e Finanze, Giancarlo Giorgetti, per salvare le 1000 nuove scuole in costruzione in Italia (di cui 31 quelle in Calabria), i cui lavori sono fermi da oltre 3 anni, causa pandemia e per i ritardi e mancati, ingiustificati interventi del precedente esecutivo.

Le importante opere -spiega- sono bloccate perché non essendo state completate nei tempi previsti, i mutui(BEI) sono scaduti e perciò inutilizzabili. Per riaprire i cantieri è necessario riattivare questi mutui. Compito questo che spetta al MIUR e al MEF(che deve dare l'ok al decreto di rifinanziamento) che continuano a interloquire per la soluzione di questo problema, ma senza ancora arrivare ad un risultato concreto.

Corbelli, che insieme alla Regione Calabria, porta avanti questa campagna da oltre 2 anni, chiede che si faccia presto e si riaprano subito i cantieri per l'ultimazione delle importanti opere scolastiche.

Intanto continua l'interlocuzione tra i ministri Valditara e Giorgetti, come ha riferito e ribadito personalmente, di nuovo, pochi giorni fa, in Calabria, lo stesso Valditara alla vicepresidente della Regione Calabria, Giuseppina Princi, che con il Governatore Roberto Occhiuto e il dirigente del Settore Lavori Pubblici della Regione, ing. Francesco Tarsia, sono impegnati per la soluzione di questo problema che interessa le 31 scuole calabrese e le altre 1000 distribuite un tutto il territorio nazionale.

Sono oltre 2 anni, dal dicembre 2021, che Diritti Civili, dopo averla sollevata in Calabria e a livello nazionale, porta avanti questa campagna, insieme alla Regione Calabria, al presidente Occhiuto, alla vicepresidente Princi e all'ing. Tarsia.

La questione sembrava finalmente risolta. Il decreto di rifinanziamento pareva infatti fosse pronto. A questo proposito lunedì 18 febbraio scorso si era svolto l'ennesimo incontro tra il MIUR e le Regioni. Il risultato però non è stato quello tanto atteso. Si è infatti , ancora una volta, rimandato per i mutui da riattivare a fine luglio di quest'anno. Questo nonostante fosse tutto già definito e pronto da tempo, avendo chiesto in questi mesi il Ministero dell'Istruzione e ottenuto da tutte le Regioni la documentazione necessaria (prodotta e ripetuta, dalle Regioni, sempre la stessa documentazione, per ben tre volte).

Per questo l'ulteriore rinvio è stato, dalle Regioni, giudicato inspiegabile. È una storia che sta diventando sempre più assurda e incomprensibile. Sono oltre 2 anni, infatti, che non si riesce a risolvere questo problema nonostante le richieste di tutte le Regioni e, in alcuni casi, come ad esempio la Calabria, anche le forti e continue pressioni . Per questo oggi la questione nuove scuole deve essere subito risolta.

Confido perciò, ora, con il nuovo appello a Valditara e Giorgetti, in un loro immediato intervento risolutivo, per consentire così subito la ripresa e l'ultimazione dei lavori di queste importanti, nuove, moderne e sicure strutture scolastiche, visto anche che in molti comuni si è costretti a ricorrere a edifici privati per via della scarsa sicurezza dei vecchi edifici , con un ulteriore aggravio per l'erario e con anche notevoli disagi e rischi per gli studenti e il personale scolastico, per la precarietà e pericolosità di certe situazioni - conclude.

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.