6 ore fa:Manovra finanziaria, la Cisl chiede modifiche su investimenti, pensioni, politiche dei redditi e sanità
5 ore fa:Olivo sugli eventi natalizi: «Iniziative annunciate solo 24h prima. Nessuna programmazione e zero marketing»
4 ore fa:Quando piove e "vengono a galla" tutti i problemi di un territorio
2 ore fa:Ramificazioni Festival, continuano gli appuntamenti della danza d'autore
4 ore fa:Urbanistica, consumo di suolo zero e città verticali inesistenti: questo Psa è un piano fallimentare
7 ore fa:Corigliano-Rossano fa scuola di “buone pratiche”
6 ore fa:Dopo quasi 40 anni tornano in Calabria tre rotabili d’epoca di inestimabile valore
3 ore fa:Il rossanese Luigi Canotto è il miglior giocatore della Serie b del mese di novembre
6 ore fa:Per Stasi la fusione «ha sconvolto assetti di potere e sistemi di convenienza radicati»
5 ore fa:Torna "Retake" con un nuovo appuntamento a tema natalizio: "Com' nu presep"

«I cassanesi hanno premiato la buona politica. Tanta astensione ma risultato storico»

1 minuti di lettura

CASSANO JONIO - «L'analisi del voto va fatta considerando principalmente il 52% di votanti. Il nostro risultato è davvero storico visto l'astensione, quasi il 7%. Non possono ritenersi soddisfatti: l'amministrazione comunale, la giunta ed i consiglieri comunali di maggioranza, i Cda di partecipate, che con il proprio sindaco candidato non vanno oltre i 2800 voti, candidati in una coalizione di ben 4 partiti, in un centrosinistra dotato già di suo di un voto di opinione e di un Pd che resiste a livello regionale e nazionale».

È quanto scrive in un comunicato stampa Michele Guerrieri, Noi di Centro.

«Inutile dire che questo voto è stato la conseguenza di quello che da anni in piena solitudine stiamo pubblicamente dibattendo concentrandoci sui temi più importanti che vive la nostra isolata e depressa città. Che dire del centrodestra con Forza Italia che non va oltre i 600 voti? Un assessore regionale in città non pervenuto, nonostante gli sforzi di alcuni dirigenti locali. Non è mio interesse però infierire sulle sconfitte altrui, dunque mi limiterò a ringraziare tutti i miei elettori».

«A loro dico: nessuno potrà senza di noi eleggere un sindaco in città, questo è chiaro. Siamo determinanti perché lo vuole la gente. Ringrazio comunque tutti i candidati che hanno partecipato, le consultazioni elettorali sono in sale della democrazia.  Da domani saremo di nuovo sui problemi del territorio coinvolgendo sulle proposte le organizzazioni di categoria, sociali e sindacali, puntando ancora al centro».

Veronica Gradilone
Autore: Veronica Gradilone

25 anni. Laureata in scienze della comunicazione. Laureanda magistrale in comunicazione e tecnologie dell’informazione. Mi piace raccontare le storie, non mi piace raccontare la mia