5:01 pm:Covid: a Cassano la situazione è delicata. Papasso preoccupato: «I contagi stanno salendo, pronto a provvedimenti duri»
4:30 pm: Il Carabinieri pongono sotto sequestro un’autofficina
6:30 pm:Calabria sempre più "Terra di Mezzo" delle dinamiche politiche nazionali
4:01 pm:Cassano, il Distretto Sanitario “Jonio-Nord” ancora senza dirigente
6:01 pm:Giornata della memoria: la nipote di Simone Wiesenthal, Roberto Olla e Anna Piperno dialogano con gli studenti dell’I. C. Cariati
8:01 pm:«Mi era stato diagnosticato un tumore. Da lì sono rinata». Il racconto di Brunella che ha vinto la sfida con il cancro
6:01 pm:Castrovillari: Lo Prete sui troppi e frequenti incidenti dei Ponti di Virtù: «Intervenire per la sicurezza»
6:01 pm:Per la Calabria ancora zona arancione, ma è tra le migliori regioni con "rischio basso"
5:55 pm:Ex Ospedale di Cariati, resta alta l’attenzione della Giunta
4:30 pm:Mancato rinvio provinciali, Spirlì al Governo: «Non parteciperò più alla Stato-Regioni»

La "via della seta" sibarita

1 minuti di lettura
Sulle orme della “via della seta”, in un braccio di terra di una manciata di chilometri, certo non gli ottomila di cui raccontava Marco Polo, c’è chi tra agrumeti e oliveti sibariti abbraccia forte la tradizione di un prodotto che ha all’incirca diecimila anni. Quei leggerissimi bozzoli, che se sulle dita se ne arrotola il filo si sente già il calore della seta, maturano anche qui, nella nostra Piana, al ritmo della crescita e delle mute  dei bachi allevati da Antonio Di Leo, direttore del Centro Sperimentale Dimostrativo – Arsac di Mirto. «Il nostro è l’unico centro accreditato nel sud Italia per l’allevamento del baco da seta – ci racconta Di Leo - a supporto delle aziende agricole e delle istituzioni interessate a questa attività. D’altro canto, nonostante ad oggi il prezzo del bozzolo di baco per gli utilizzi classici renda questa attività poco conveniente, sarebbe un peccato perdere una tradizione così antica, così affascinante». Ebbene sì, il fascino invincibile di quei fili di seta ricamati finemente sulle vesti degli antichi imperatori  rivive anche in questi nostri anni. E se chi in questa attività ci crede davvero si apre alle menti infinite dei bambini, le storie di quei bozzoli trasportati da Pechino a Costantinopoli nei cavi delle canne non rimarranno chiuse in qualche Enciclopedia. «I bambini che vengono in visita nella nostra azienda sono entusiasti e si appassionano sin da subito. Nei loro occhi leggiamo un interesse senza confini. Per questo la nostra azienda è strutturata in modo tale da far vedere loro tutte le fasi dell’allevamento, che inizia a fine aprile e dura 45 giorni, in concomitanza con la ripresa vegetativa del gelso che è ciò di cui i bachi si nutrono. Per questo il periodo migliore per visitare il centro è da metà maggio in poi». La Cina è sempre più vicina e la produzione della seta in Italia non frutta più come una volta. Tuttavia, per i bachi italiani non è detta l’ultima parola. «Ultimamente c’è una riscoperta del baco e dei suoi possibili utilizzi. Su richiesta, noi vendiamo i nostri bachi maturi anche ad aziende cosmetiche, come la Fimo che commercializza i nostri bozzoli di seta pura per il trattamento levigante del viso. I bozzoli che alleviamo vengono acquistati anche da un’azienda orafa che produce gioielli con l’oro e con la seta». Non c’è niente di meglio di un prodotto che ripensa sé stesso e rinasce per non morire. Tanto più se è una di quelle “piccole grandi eccellenze” che rendono la nostra terra di Calabria un po’ più speciale. m. f. 
Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.