8 ore fa:Schiavonea, Polizia locale in azione: maxi sequestro di migliaia di bijoux
Ieri:La Calabria sotto i riflettori della Rai: domani la prima delle due puntate di “Linea Verde”
16 ore fa:U' San Giuvanni e quell'antico "patto" del comparaggio che nasce da... U' Pùpulu
15 ore fa:Inizia la movida estiva a Co-Ro ma la strada di Fabrizio Piccolo è piena di immondizia
9 ore fa:Rocca Imperiale nel Decennio francese, il Risorgimento e l’Unità d’Italia
7 ore fa:"Quella sera a Parigi" di Isabella Freccia è una storia d'amore che si divide tra passione e nostalgia
11 ore fa:Accusati di spaccio di droga, sono stati assolti due giovani di Corigliano-Rossano
14 ore fa:Per il CoRo Family Fest arriva "Zampalesta, u cane tempesta"
17 ore fa:8 ore e 35 minuti da Reggio Calabria a Sibari, in una regione che vuole fare turismo. Ma fate sul serio?
10 ore fa:A Trebisacce nasce un emporio solidale per far fronte alla crisi e alla povertà

Dobbiamo dire la verità...

3 minuti di lettura

Prima di iniziare ci tengo ad esprimere il mio personale augurio a Daniele Vincenzo, il medico del Pronto Soccorso del Giannettasio di Rossano, colpito da un infarto nella giornata di lunedì, primo febbraio. Dopo essere stato trasportato a Cosenza con l’elisoccorso, il dottor Vincenzo sembra essere fuori pericolo. Possiamo tirare un sospiro di sollievo. 
A Daniele, medico stimato e ligio al dovere, arrivi il mio abbraccio. 

Passiamo però al fatto che ha attirato la mia attenzione: i commenti social che dovevano essere portatori di sostegno e solidarietà,  sono stati invece il palcoscenico di domande provocatorie, asserzioni scientifiche improvvisate, scontri verbali e offese tra i cosiddetti novax e tutti  gli altri. 

Non riesco a superare l’accaduto con la diplomazia che di solito prende il sopravvento nei pezzi che ho sempre scritto. Credo che in questo caso sia necessario dire con forza che siamo arrivati alla follia. 
Dov’è il limite tra la libertà d’espressione e l’ignoranza? Quali sono le gerarchie dei nessi causa-effetto nel tempo del Covid? Neanche la gravità del rischio di morire può mettere a tacere la necessità di saziare l’egocentrismo delle nostre convinzioni (o pseudo convinzioni)?

Il file rouge che lega tutti i commenti però c’è ed è palese: dovete dirci la verità.
E allora noi dobbiamo dire la verità.

La verità è che la scienza non è democratica. Mi spiego bene: non tutti i pareri hanno lo stesso peso. Il giudizio di un medico su una questione scientifica non può essere equiparato al mio che faccio lo scrittore. Quindi se io dico che il vaccino contiene microchip e un medico dice che è consigliato, io sono inaffidabile e il medico invece non lo è.
Se dopo due anni la comunità scientifica ha espresso dei pareri, quelli sono verità e solo gli addetti ai lavori possono mettere bocca sulle questioni scientifiche, perché tutti gli altri non hanno studiato abbastanza. Non ne sanno abbastanza. Non hanno abbastanza sapienza.

La seconda verità è che ci sono fonti affidabili e fonti inaffidabili e in un mondo digitalizzato, dove tutti possono arrivare a tutto, distinguere le fonti è sinonimo di intelligenza. Se una fonte di riferimento è stata radiata dall’ordine e le sue tesi sono state smentite, non va innalzato a baluardo di verità scomoda e del contropotere. Semplicemente è uno che si è sbagliato e non va usato come punto di riferimento. 

La terza verità è che saper collegare i fatti è, di nuovo, sinonimo d’intelligenza. Mi spiego ancora una volta: se è inverno e io esco senza giubbotto, senza camicia, senza maglietta e senza pantaloni, piove e tira vento, torno a casa e ho la bronchite, non è perchè ho fatto il vaccino due settimane fa, ma perchè le condizioni di sicurezza della mia salute non erano abbastanza curate. 

Ora arriviamo ai due infarti che hanno colpito il personale sanitario del territorio di Corigliano-Rossano, nell’arco di un mese. La verità è che i nostri medici lavorano come in trincea. Non è uno slogan giornalistico che acchiappa like, è una verità manifesta, sotto gli occhi di tutti. I nostri medici sono uomini e donne, padri e madri, che lavorano sotto organico, quindi si mettono a disposizione per coprire turni che normalmente dovrebbero essere coperti dal personale mancante. L’attrezzatura sanitaria fornita non è sempre adeguata o non lo è nei numeri dei rifornimenti. 
Con questa premessa è facile capire che non sempre si riesce a fornire un servizio adeguato, quindi il clima che si crea nelle sale d’attesa non è sempre semplice. 

Detto ciò come si fa a non esprimere solidarietà, vicinanza, sostegno? 
Volete sapere la verità? La verità è che si dovrebbe capire come migliorare un servizio che non ha ricambi generazionali. La verità è che si dovrebbe pretendere una sanità che funzioni per l’esterno, non che uccide all'interno. La verità è che questi sono i sintomi di un sistema che sta collassando e noi non siamo pronti. Non riusciamo mai ad essere veramente pronti.

La verità è che aspettiamo l’ennesima morte per sperare di essere ascoltati. 
La verità è che per scrivere qualcosa di diverso da questo abbiamo la necessità di organizzare tutto meglio. Strutture, percorsi, personale, flussi di lavoro. 

La verità è che qua, purtroppo, si rischia.

Andrea Costantino Levote
Autore: Andrea Costantino Levote

Andrea Costantino Levote nasce come giornalista sportivo. Frequenta il corso di Reporting alla Scuola Holden, ma si imbuca anche alle lezioni di Cinema e di digital marketing. Vince il Premio Phoebe di Scuola Holden con il teaser Democracia. Racconta i ritratti dei giornalisti sportivi che lo hanno ispirato nel podcast "I Cantastorie", all'interno del programma Eutropia su Spotify. Diventa CEO di Jugaad Produzioni e con il cortometraggio FAME vince diversi premi internazionali, oltre a una menzione speciale al festival Ermanno Olmi. Oggi è CEO e founder di DIEZ- CREATIVE AGENCY, agenzia di comunicazione con la quale racconta il talento, occupandosi del digital marketing di start-up e di imprese.