7 ore fa:Cassano Jonio, al via i lavori di messa in sicurezza di località Grotta della Rena
8 ore fa:Elezioni, Tavernise (M5s): «Sul territorio siamo forza concreta »
6 ore fa:Straface sarà sia consigliere comunale a Co-Ro che consigliere regionale
5 ore fa:Zes unica, Coldiretti: «Bene estensione del credito alle imprese agricole che trasformano e commercializzano»
5 ore fa:Cassano, Guerrieri: «Lavoriamo a una lista di partito per le prossime elezioni comunali del 2025»
2 ore fa:Post voto. Ad Acquaformosa volano le poltrone dai balconi del Comune ma la neo sindaca smentisce
1 ora fa:Antonello Graziano è il nuovo vicepresidente nazionale di Federsanità
7 ore fa:Cicogna bianca, nidificazione a rischio per attività di addestramento di cani da caccia
4 ore fa:A Corigliano-Rossano arriva Roberto Emanuelli
2 ore fa:Degrado alle Terme di Spezzano Albanese: «Una storia di malagestione che dura da anni»

Truffe telefoniche, prosegue l'attività educativa e di prevenzione dell'Arma sul territorio

1 minuti di lettura

CROSIA - Prosegue l'attività di educazione e consapevolezza, contro le truffe domestiche, avviato dall'Arma dei Carabinieri su tutto il territorio della giurisdizione del Reparto territoriale di Corigliano-Rossano, in collaborazione con le parocchie e gli enti di animazione sociale. Dopo il riuscitissimo incontro dei giorni scorsi a Corigliano-Rossano, nella parrocchia del Sacro Cuore, nei giorni scorsi (sabato 25 e domenica 26 maggio) è toccato alle comunità parrocchiali di Crosia e Mirto ospitare quella che, a tutti gli effetti può essere definita una educational civica per la prevenzione. 

In campo i carabinieri della locale stazione di Mirto Crosia, guidata dal marescialoloAlessandro Greco, che hanno tenuto un momento di confronto con i parrocchiani della Chiesa Rettoria della “Madonna della Pietà” di Crosia e della Chiesa “Divin Cuore” di Mirto.

I militari hanno incontrato la cittadinanza per fornire loro indicazioni utili per difendersi dall’odioso fenomeno delle truffe. L’iniziativa di sensibilizzazione - dicevamo - rientra tra le azioni di prevenzione e vicinanza dell’Arma alle fasce più deboli.

Il comandante Greco, durante gli incontri, ha esortato i partecipanti a denunciare tempestivamente ogni tipo di situazione di pericolo, sottolineando che «nessuna istituzione telefona ad una persona chiedendo soldi e, qualora dovesse accadere, di contattare immediatamente il numero di emergenza 112».

Al termine del suo intervento, il maresciallo Greco, ha anche promosso la costruzione di una rete sociale che coinvolga in prima persona lo stesso cittadino, in modo da prevenire ed arginare ancor più efficacemente questo ripugnante reato. Per questa ragione, sono stati coinvolti all’incontro la Polizia Locale, i direttori delle Poste Italiane di Crosia e di Mirto nonché le associazioni di volontariato del territorio.

Nei prossimi giorni, inoltre, sarà operativo un gruppo whatsapp con le forze dell’ordine, volontari, le autorità religiose e locali per la condivisione di informazioni che possano in qualche modo contribuire ad innalzare il livello di sicurezza, condizione fondamentale per vivere in un ambiente sicuro che possa tutelare i nostri anziani facendoli sentire meno soli.

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.