5 ore fa:Archeologi per un giorno: i bambini del Polo dell’infanzia Magnolia sulla tracce di Sybaris
1 ora fa:Nuova toponomastica a Sibari nel solco della memoria e della commozione
2 ore fa:Viaggio tra i Feudi della Sila Greca - Le successioni in casa Sambiase del Principato di Campana
18 ore fa:Conclusa la prima edizione del progetto “Marathon Experience” a Corigliano-Rossano
4 ore fa:Appiccarono il fuoco a due autovetture: in manette due cassanesi
19 ore fa:Il comune di Cariati aderisce alla proposta di marketing territoriale di Visit Italy
4 ore fa:Detenuto accusato di falsa testimonianza è stato assolto perché il fatto non sussiste
18 ore fa:Imprese e lavoro, il cassanese Leonardo Sposato nominato presidente di AEPI Calabria
5 minuti fa:Filcams Cgil alla 3 Emme: «Basta menzogne e  soprusi»
3 ore fa:Cosa si dice nella Calabria del nord-est: una settimana di notizie

Diritti in Festa, a Crosia verrà celebrata la Giornata mondiale del Rifugiato

3 minuti di lettura

CROSIA - Domenica 21 aprile a partire dalle 17:00 in Piazza Dante a Mirto-Crosia, si terrà la Festa del Rifugiato a cura dell’Amministrazione Comunale e di Cidis in collaborazione con Dirigenti Scolastici, Istituzioni Religiose e associazioni del territorio. La Giornata Mondiale del Rifugiato (GMdR) istituita dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, è volta a mettere in evidenza i servizi offerti dal progetto SAI - Sistema di Accoglienza e Integrazione - del Comune di Crosia ed è gestita da Cidis.

«Attività per grandi e piccoli – si legge nella nota -, dai giochi alle letture di fiabe interculturali rivolte ai bambini, con la collaborazione delle operatrici Parco delle Meraviglie di Jessica ed Elena Laudonio e con i disegni interculturali dell’artista Barone Pietro alias Peter Vento. Ma cosa vuol dire accoglienza? Come si fa integrazione? Di questo e tanto altro parleremo durante l’incontro moderato da Alessio Agostini di Cidis, insieme a Paola Nigro, Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Crosia; Giovanni Fortino Direttore Dell’Ufficio Migrantes, Ivan Papasso, Coordinatore Progetto SAI Crosia, per passare al sistema educativo con le docenti Anna Parrotta dell’IC Crosia – Mirto e Caterina Urso dell’IIS – LS – IPSCT –IPSIA – ITI di Mirto con sede Cariati. Dal 2017 ben 22 i nuclei familiari accolti per un totale di 105 persone che hanno sempre costituito esempio di integrazione positiva contribuendo alla forza lavoro sul territorio e alla costituzione di numerose classi scolastiche. Ascolteremo le testimonianze dirette dei beneficiari del progetto SAI. Musica, Danza ed arte. L’accoglienza passa anche attraverso i luoghi, per questo, durante l’evento Piazza Dante, sarà allestita con prodotti realizzati dai beneficiari e dalle beneficiarie del progetto e vi saranno esibizioni di danza (a cura di ASD Fitness Club di Fabiana Tedesco) e intermezzi musicali (a cura dell’Istituto Musicale Donizetti di Giuseppe Greco e dell’Accademia Musicale Euphonia di Salvatore Mazzei.). La giornata si concluderà sulle note dei Pakoustic che si esibiranno live per una giornata ricca di attività e totalmente gratuita».
 

Il SAI "Mar'ahba" - Descrizione del progetto

Il progetto SAI "Mar'ahba", dall’arabo benvenuti, del Comune di Crosia e gestito da Cidis Onlus è stato finanziato già dal DM del 10/06/2016 classificandosi secondo nella graduatoria nazionale del 19/01/2017. Quello SAI (Sistema Accoglienza ed Integrazione) è un sistema volontario demandato dal Ministero dell'Interno Comuni per il tramite dell'Anci ed è basato sui piccoli numeri che supera quindi la logica del mero assistenzialismo. 

Il progetto SAI di Crosia è finanziato per un totale di 25 posti di accoglienza suddivisi in nuclei familiari. Si tratta di un articolato sistema di servizi di accoglienza integrata, tutela ed integrazione per richiedenti asilo, rifugiati e titolari di protezione umanitaria, tramite specifici progetti finanziati sul Fondo Nazionale per le politiche ed i servizi dell'asilo, realizzati in partenariato con soggetti del terzo settore. Per accoglienza integrata si intende la messa in atto di interventi materiali di base, vitto-alloggio, insieme ai servizi volti al supporto di percorsi di inclusione sociale, funzionali alla (ri)conquista dell’autonomia individuale quali: la mediazione linguistico-culturale, l’orientamento e l’accesso ai servizi del territorio, l’insegnamento della lingua italiana e inserimento scolastico per i minori, attività educativa e di supporto scolastico per adulti e minori, la formazione e riqualificazione professionale, l’orientamento e accompagnamento all’inserimento lavorativo, l’orientamento e accompagnamento all’inserimento abitativo, l’orientamento e l’inserimento all’inserimento sociale, l’orientamento e accompagnamento legale, la tutela psico-socio-sanitaria.
 
Allo stato attuale ospita 1 nuclei familiari per un totale di 5 persone a cui a breve si aggiungeranno 2 nuclei afghani arrivando ad un totale complessivo di 17 persone.. Il nucleo ospitati sono prevalentemente di origine siriana e nigeriana, zone di  conflitto bellico, torture, violenze e soprusi perpetrati dai regimi o dalle organizzazioni come Boko Haram; hanno pertanto riconosciuta la protezione dello Stato Italiano ai sensi dell'art. 1 della Convenzione di Ginevra che cita "è rifugiato chiunque e nel giustificato timore d’essere perseguitato per la sua razza, la sua religione, la sua cittadinanza, la sua appartenenza a un determinato gruppo sociale o le sue opinioni politiche, si trova fuori dello Stato di cui possiede la cittadinanza e non può o, per tale timore, non vuole domandare la protezione di detto Stato; oppure a chiunque, essendo apolide e trovandosi fuori dei suo Stato di domicilio in seguito a tali avvenimenti, non può o, per il timore sopra indicato, non vuole ritornarvi" e dell'art. 10 comma 3 della Costituzione italiana. 
In un periodo come quello attuale in cui per il tramite di avventurieri politici e mass media vengono profuse indifferenza, cinismo, muri ed odio, il progetto SAI fondato sulla scoperta dell'altro, sul dialogo e sul rispetto reciproco può quindi costituire un antidoto efficace volto a ricordarsi che siamo tutti e tutte esseri umani.

Rita Rizzuti
Autore: Rita Rizzuti

Nata nel 1994, laureata in Scienze Filosofiche, ho studiato Editoria e Marketing Digitale. Amo leggere e tutto ciò che riguarda la parola e il linguaggio. Le profonde questioni umane mi affascinano e mi tormentano. Difendo sempre le mie idee.