1 ora fa:Un culto plurimillenario di origine bizantina
Ieri:Il legame profondo tra l'Achiropita e il suo popolo che va oltre la fede
2 ore fa:Ferragosto dall'antica Roma al ventennio fascista, una festa tutta italiana
17 ore fa:Un discorso per forza scorciato
25 minuti fa:Trebisacce, Pronto Soccorso del Chidichimo: un'altra chiusura scongiurata
16 ore fa:Ferragosto a Rossano centro storico tra concerti, mercatini e fuochi artificiali
18 ore fa:La Vignetta dell'Eco
Ieri:Buona sanità, il successo della staffetta salvavita da Pavia allo spoke di Corigliano-Rossano
23 ore fa:Intervista ad Alessandro Greco, giovane imprenditore digitale di origini mandatoriccesi
16 ore fa: L’alta cucina dei menù di ferragosto dimostra che non abbiamo turismo

Regionali, Legambiente Nicà chiede impegni concreti e promesse ai candidati

2 minuti di lettura

SCALA COELI - Alla luce della sentenza del TAR Calabria del 23 giugno 2021 inerente il ricorso presentato dall’Agenzia del Demanio sulla mancata concessione delle aste demaniali visto che a breve si tornerà alle urne per il rinnovo del consiglio regionale della Calabria il circolo Legambiente Nicà alza l'asticella e si rivolge ai candidati in corsa per la presidenza della Regione chiedendo loro impegni concreti sulle diverse questioni ambientali che ormai non possono attendere oltre. Dalla valorizzazione del patrimonio boschivo per finire alla prevenzione (quella vera) contro gli incendi, passando per la grande vertenza ambientale che nel territorio del basso Jonio cosentino si identifica, appunto, con la discarica di località Pipino.

«Chiediamo un impegno preciso e concreto - si legge nella nota diramata dall'associazione del Cigno Verde - per la definitiva risoluzione della vicenda della discarica di rifiuti speciali non pericolosi di località Pipino sita nel comune di Scala Coeli, vicenda ormai nota a tutti, e della quale la Legambiente unitamente a tutti i cittadini del territorio e non solo si sta occupando da tempo, in un susseguirsi di vicende e situazione che non ci hanno mai fatto abbassare la guardia».

«Chiediamo - proseguono - che venga posto in essere quanto necessario e subito per risolvere l'annosa questione dell'emergenza rifiuti, che ogni anno puntualmente in alcuni periodi, quello estivo in particolare, vede andare in tilt il sistema raccolta e smaltimento in molte città della nostra regione con tutti i danni che ne conseguono».

«Chiediamo - aggiungono - alla luce dei numerosi incendi dei mesi scorsi, anche questi ciclici e devastanti, con danni enormi al nostro patrimonio boschivo e naturalistico, che vengano messe in atto nuove strategie mirate a prevenire gli incendi. Non si può continuare a trattare questo grave problema solo con un approccio emergenziale, serve maggiore coinvolgimento dei cittadini ed una sinergia tra tutti gli attori coinvolti nella prevenzione di quelli che ormai sono eventi estremi dai danni incalcolabili».

Emergenze ma anche prospettive «Chiediamo - scrivono gli associati di Legambiente Nicà ai candidati governatori della Calabria - che venga avviato un reale processo costruttivo per far decollare l'economia circolare di cui la nostra regione ha bisogno, nuovi ed efficienti impianti di trattamento della frazione organica, così come la riconversione ecologica. Il passaggio alle fonti rinnovabili - precisano - deve trovare piena realizzazione in Calabria nel rispetto delle regole e della bellezza dei nostri territori, solo così realizzeremo quel cambiamento di cui spesso sentiamo parlare, soprattutto in campagna elettorale».

«Vogliamo di nuovo ribadire la necessità di un impegno concreto per porre fine una volta per tutte allo scempio che si sta consumando nella bellissima bio valle del Nica, il nostro territorio non ha bisogno di una gigantesca buca dove sotterrare rifiuti. Abbiamo bisogno di guardare al futuro con occhi diversi ed azioni diverse. La tutela ambientale è il nodo centrale da cui far ripartire l’economia della nostra regione e del nostro paese. Vogliamo  rivolgerci anche ai candidati alla carica di sindaco del comune di Scala Coeli, che ricordiamo è il comune sede della discarica per rifiuti speciali non pericolosi chiedendo loro un impegno che sia concreto al fianco delle donne e degli uomini che ormai da anni lottano per salvaguardare la biovalle del Nicà. La salute, l'economia ed il futuro delle generazioni a venire a cui stiamo consegnando un territorio che nella malaugurata ipotesi vede il realizzarsi della discarica sarà radicalmente cambiato, e non in meglio. La speranza - concludono - è che il nostro appello per la discarica di Pipino e le nostre proposte vengano accolte come in altre occasioni è massima. Il nostro territorio necessita di tutela cura ed attenzione, solo così salute, economia, turismo e benessere potranno realizzarsi pienamente».

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.