5 ore fa:Monitoraggio fondi europei, rinnovato il Protocollo d’Intesa tra Regione e Guardia di Finanza
4 ore fa:Il Museo Alessandrino della Maschere è realtà: inaugurato nel cuore del Pollino
1 ora fa:Per Molinaro (Lega) «la SoriCal ha cambiato marcia»
45 minuti fa:«Serve una politica europea più attenta ai bisogni del mondo agricolo»
1 ora fa:La Coalizione a sostegno di Straface rimanda le accuse al mittente: «Le 'mmasciate sono del sistema Stasi»
2 ore fa:Gli studenti di Castrovillari portano in scena "Otello a pezzi"
4 ore fa:Europee e Amministrative, Rosato (Azione) arriva in Calabria
3 ore fa:Le ciminiere Enel saranno presto demolite: ora abbiamo anche la data. Ecco quando
2 ore fa:Il Movimento Turismo del Vino presenta l'edizione 2024 di "Cantine aperte"
3 ore fa:Co-Ro, convocata la conferenza dei capigruppo consiliari

Fibra in Calabria: progetto in ben 206 comuni

2 minuti di lettura

COSENZA– Per contribuire alla riduzione del digital divide sui territori e promuovere un accesso diffuso attraverso banda ultra larga (BUL) a servizi di connettività rapidi ed efficienti, grazie a un investimento privato di oltre 56 milioni di euro, le principali città della Calabria sono già servite da infrastruttura in fibra ottica (FTTH – Fiber To The Home) con il servizio di connettività fino a 10 gigabit al secondo già a disposizione degli utenti attraverso gli operatori partner.

I dati sullo stato dell'arte dell'infrastrutturazione della super fibra in Calabria da parte di Open Fiber, tra le principali società che operano all'ingrosso nel mercato italiano di infrastrutture di rete in FTTH, sono stati presentati dal responsabile affari istituzionali territoriali della Società Cesare Loizzo nel corso dell'evento sulla fibra FTTH come strumento indispensabile per la transizione digitale in Calabria svoltosi nei giorni scorsi a Cosenza. Al confronto sul tema, promosso dalla Provincia di Cosenza con Omnia é, unico partner di Open Fiber in Calabria, sono intervenuti anche il dirigente provinciale Giovanni Amelio, il Presidente di Confindustria Cosenza Fortunato Amarelli, il docente Unical Giancarlo Fortino, l'Amministratore Delegato di Omnia Energia Spa Vincenzo D'Agostino e l'assessore regionale alla transizione digitale Filippo Pietropaolo.

Open Fiber – ha aggiunto Loizzo – sta inoltre intervenendo nelle cosiddette aree bianche, zone meno densamente popolate come l'entroterra calabrese, nelle quali sta operando come concessionario pubblico. Ad oggi – ha proseguito – la progettazione dell'infrastruttura in tecnologia FTTH è stata completata in 206 Comuni calabresi: tra questi, in 180 centri i lavori sono terminati, mentre in 166 risulta già aperta la commercializzazione dei servizi di connettività a banda ultra-larga. Al momento il servizio è disponibile in circa 22mila unità immobiliari (abitazioni, imprese, uffici, pubblica amministrazione).

Ribadendo a più riprese la naturale necessità che a perimetrare e ad accompagnare strategie ed attuazione delle straordinarie opportunità connesse alla rivoluzione digitale, dalla fibra all'intelligenza artificiale, sia il governo politico e culturale di questo epocale processo di trasformazione che coinvolgerà tutti i territori, Lenin Montesanto (Comunicazione Strategica Omnia é) che ha coordinato il vivace dibattito ospitato nel Salone degli Specchi del Palazzo di Governo provinciale ha rilanciato dati ulteriori ed in questo caso allarmanti messi a disposizione da Open Fiber. Una prima analisi del fabbisogno delle competenze, realizzata su 12 aziende negli ultimi mesi dal Centro Studi di Distretto Italia, promosso dal Consorzio Elis e che coinvolge scuole e istituti tecnici superiori su tutto il territorio nazionale, ha fatto registrare, infatti, oltre 10.000 posti di lavoro vacanti, per ruoli tecnici, solo nei settori energia, telecomunicazioni, costruzioni e digitale.

Tradotto – ha aggiunto l'assessore Pietropaolo – mancano all'appello soprattutto tecnici della posa della fibra ottica, tra i quali i giuntisti di fibra che potremmo definire gli operai del presente e del futuro prossimo. Un evidente, notevole e grave gap di formazione e di competenze disponibili sul mercato che – ha proseguito – se, da un lato, pone all'attenzione delle istituzioni pubbliche il rilancio urgente delle professioni tecniche in un Paese che ha registrato negli ultimi decenni una progressiva perdita di ruolo delle scuole professionali, dall'altra, impone la ricerca di soluzioni contingenti per evitare che il processo digitale in atto subisca ritardi o arresti. Ed è in questa precisa ottica – ha annunciato – che come Regione Calabria stiamo verificando la fattibilità di sperimentare un centro di formazione e di competenza da ubicare in uno dei centri storici del nostro entroterra per realizzare attività di formazione e ospitare laboratori di competenza di grandi aziende. L'obiettivo è quello di favorire uno scambio virtuoso di progetti innovativi che possano essere d'aiuto concreto all'impresa e – ha concluso Pietropaolo – all'accelerazione dell'infrastrutturazione digitale della regione. 

 

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.