12 ore fa:Era stato stato accusato di violenza, assolto un agente di polizia
10 ore fa:Imposte e Documento unico di Programmazione, torna a riunirsi il Consiglio comunale
6 ore fa:Conte arriva a Corigliano-Rossano e con Stasi è amore a prima vista: «È una garanzia»
15 ore fa:Cosa si dice nella Calabria del nord-est: una settimana di notizie
7 ore fa:Fu la Panaghia la prima chiesa di Rossano? C'è un indizio storico
11 ore fa:La Lega Navale incontra l'Esecutivo: in vista nuovi progetti per Corigliano-Rossano
5 ore fa:La Straface inaugura nuova punto politico a Rossano e parla di turismo: «Ci ispireremo a Tropea»
14 ore fa:Viaggio tra i Feudi della Sila Greca - Calopezzati, dai Caputo alla scomparsa di Covella Ruffo
13 ore fa:VOLLEY FEMMINILE - Sconfitta interna "indolore" per la Caffe San Vincenzo: quarto posto blindato
7 ore fa:Il purgatorio è finito: la Rossanese è l’Eccellenza

Tributi consortili, per Leonetti «non serve fornire un’interpretazione fuorviante e populista»

2 minuti di lettura

CALABRIA – Il presidente Anbi Rocco Leonetti, ritorna sulla questione relativa alla legge regionale sui tributi consortili.

«Il Burc n°48 del 24 febbraio u.s. – si legge nella nota -, ha pubblicato il testo di legge approvato dal Consiglio Regionale nella seduta del 20 febbraio u.s. con cui con un primo articolo  si  apportano  modifiche all'art. 23, della legge regionale  23 luglio 2003 n°11, dedicato ai tributi consortili; le modifiche consistono  nell'aggiungere alla parola beneficio gli aggettivi: diretto, specifico e commisurato tratti da copiosa giurisprudenza della  Cassazione, con un secondo articolo si chiarisce che i tributi  riguardanti gli immobili  extra agricoli devono derivare da un beneficio diretto e specifico. Il testo licenziato – afferma Rocco Leonetti Presidente di Anbi Calabria - per il rilievo che si è voluto dare sugli organi di stampa merita alcune considerazioni».

«Le modifiche introdotte - chiarisce - non incidono sui tributi consortili emessi a partire dal 2018, poiché questi  intervengono a valle della  modifica dell'art. 23 introdotta da Consiglio regionale nel maggio 2017 che riporta  il testo dell'intesa Stato-Regioni nonchè a valle della approvazione   dei piani di classifica, intendendo: - per specifico il beneficio di conservazione, inteso anche come beneficio idraulico, e il beneficio irriguo; - per diretto se l'immobile ricade nel perimetro di contribuenza dell'opera pubblica di bonifica rappresentata dagli impianti irrigui o da opere ed interventi idraulici di cui il consorzio cura la gestione e la manutenzione; - per commisurato al beneficio ricevuto si intende l'applicazione degli indici dei piani di classifica relativi a quell'immobile che in parole semplici hanno la stessa funzione  delle quote millesimali di un condominio».

«Dunque nella sostanza  - assicura Leonetti - non viene introdotta alcuna innovazione sui tributi emessi dai consorzi di bonifica a partire dal 2018, ma, invece, vi è da osservare che le modifiche apportate hanno una loro grande validità, da qui l'approvazione unanime del Consiglio Regionale, poiché  garantiscono  meglio,  nel rapporto ente-consorziato  la certezza del diritto, operando,  sia  a  tutela dei consorzi di bonifica  che  dei consorziati, cercando di mettere fine a contenziosi a volte pretestuosi e dando così anche un indirizzo univoco alle Commissioni tributarie chiamate a pronunciarsi sui contenziosi».

«Sono dunque – e conclude - , singolari, incomprensibili  e fuorvianti, forse volutamente, tanto da apparire cinicamente populisti articoli di stampa contenenti dichiarazioni  ove si afferma  che la norma sottrae al tributo consortile  tutti gli immobili che ricadono nelle aree urbane  e già soggetti al pagamento dei tributi comunali, per due ordini di motivi: primo  perché il testo di legge licenziato dice altro, secondo perché una norma siffatta è incostituzionale».

 

Rita Rizzuti
Autore: Rita Rizzuti

Nata nel 1994, laureata in Scienze Filosofiche, ho studiato Editoria e Marketing Digitale. Amo leggere e tutto ciò che riguarda la parola e il linguaggio. Le profonde questioni umane mi affascinano e mi tormentano. Difendo sempre le mie idee.