9 ore fa:Laghi incontra i ragazzi di San Lorenzo del Vallo per parlare di Ambiente
7 ore fa:Corigliano-Rossano, la genesi della fusione e quel diffuso senso di smarrimento
8 ore fa:L'Albania e la Calabria sono sempre più vicine: il Presidente della Repubblica Begaj incontra l'Arberia
7 ore fa:Quei centri storici di Corigliano-Rossano che rischiano di diventare un pericoloso ghetto
9 ore fa:Trebisacce punta su “Turismo delle Radici” e aderisce a due progetti per raggiungere l’obiettivo
8 ore fa:L’oro verde di Calabria premiato al concorso nazionale Ercole Olivario
9 ore fa:Debito sanitario calabrese, Bevacqua (PD): «Non si può perdere altro tempo»
5 ore fa: Il Rende Teatro Festival raccoglie un successo dopo l’altro, monta l’attesa per “Due di cui uno…”
6 ore fa:Mobilità ferroviaria, Straface: «Valutare la sostenibilità delle corse nell'Alto Jonio cosentino»
8 ore fa:Cariati, stanziati 190 mila euro per la gestione dei servizi di assistenza ad ultra 65enni

A Co-Ro è “l’ora della coesione”: dibattito pubblico sull’istituzione del Tribunale della Sibaritide

1 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO - Il 12 settembre 2020 si riuniva, in seduta aperta, il consiglio comunale di Corigliano-Rossano, con la partecipazione dei sindaci e dei parlamentari del territorio, per discutere di un solo punto all'ordine del giorno: l'istituzione del Tribunale della Sibaritide. Da allora sono state molte le iniziative intraprese sul tema, mai trascurato, del presidio di Giustizia, come la istituzione di un apposito gruppo politico-amministrativo che si occupasse del tema.

All'indomani della legge approvata dal Consiglio regionale della Calabria che propone l'istituzione del Tribunale ionico a costo zero per lo Stato, e con l'entrata in carica del nuovo Governo nazionale, l'amministrazione comunale, propone un dibattito pubblico con i parlamentari eletti nel collegio di Corigliano-Rossano, con un titolo molto esplicito rispetto agli obiettivi di questa iniziativa: "L'ora della coesione".

Il dibattito si terrà il 4 febbraio nella Sala Rossa di Palazzo San Bernardino e vedrà al tavolo dei relatori i quattro parlamentari eletti nel collegio territoriale, ovvero il senatore Ernesto Rapani, l'onorevole Vittoria Baldino, l'onorevole Domenico Furgiuele e l'onorevole Elisa Scutellà. A fare i saluti istituzionali, in continuità con il percorso già intrapreso nell'Assise Civica, sarà il presidente del Consiglio, Marinella Grillo. Relazioneranno, anche in rappresentanza della categoria degli avvocati, Maurizio Minnicelli, già presidente del Comitato in Difesa del Tribunale di Rossano, e Nicola Candiano, presidente della Fondazione degli Avvocati Foro di Rossano. Concluderà il sindaco Flavio Stasi.

È ormai acclarato come la riforma delle circoscrizioni giudiziarie, non soltanto ha privato un territorio del suo secolare presidio di giustizia, danneggiando decine di comunità, ma soprattutto non ha raggiungo nessuno degli obiettivi che il legislatore si era prefissato, e merita dunque un lavoro sinergico, su tutti i livelli istituzionali, affinché possa essere rivista. «Sono convinta che se ognuno farà la propria parte - ha dichiarato il presidente del Consiglio Marinella Grillo - e la volontà politica a tutti livelli sarà convergente, unanime, l'esigenza di giustizia del nostro territorio potrà essere colmata».

«Se ieri la soppressione del tribunale di Rossano ha rappresentato una follia istituzionale - commenta il sindaco Flavio Stasi - oggi l'assenza di un presidio di Giustizia nella nuova città di Corigliano-Rossano è insostenibile sotto ogni punto di vista ed a tutti i livelli. Credo che lo Stato debba riconoscere alla città ed al territorio ionico il diritto sacrosanto generale ai servizi ed ai presidi istituzionali, a partire da quello maldestramente sottratto del Tribunale. L'idea è quella di lavorare insieme, con tutti i livelli istituzionali, per raggiungere questo obiettivo comune».

Veronica Gradilone
Autore: Veronica Gradilone

25 anni. Laureata in scienze della comunicazione. Laureanda magistrale in comunicazione e tecnologie dell’informazione. Mi piace raccontare le storie, non mi piace raccontare la mia