4 ore fa:«La Calabria diventi “No Tax Area”»
4 ore fa:Anche a Crosia piantato l'Albero del Ricordo in memoria delle vittime del Covid-19
1 ora fa:Edilcassa Calabria, Beraldi (Claai) è il nuovo presidente
2 ore fa:Fusione Co-Ro, Stasi commenta la sentenza del Tar: «Chi si scaglia contro la città unica è miope»
3 ore fa:Longobucco, è morto Walter Cesare Sapia: il commosso ricordo della Cisl
2 ore fa:La Calabria punta sui Distretti del cibo, circa 20 le candidature
2 ore fa:Frecciargento Sibari-Bolzano: riattivato il booking. Possibile continuare a viaggiare
3 ore fa:L’ex Tribunale di Rossano pronto a ritornare in vita. C’è un’idea per il riutilizzo
3 ore fa:Emergenza epidemiologica, i tre hub vaccinali di Corigliano-Rossano resteranno aperti
4 ore fa:Invalido, con il reddito di cittadinanza e col vizietto di rubare nei supermercati: arrestato un rossanese

Co-Ro, Stasi risponde alla Straface sulla questione rifiuti: «Si impegni davvero e non vanti meriti non suoi»

1 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO - «Ho letto con interesse le dichiarazioni del consigliere regionale Straface sulla questione rifiuti, rimanendone stupito. Piuttosto di vantare interventi fantomatici che non ci sono minimamente stati, dal momento che il conferimento straordinario presso altri ambiti è stato richiesto nella mattinata di ieri dal Comune dopo aver ricevuto telefonicamente la disponibilità da parte del responsabile tecnico dell'Ato di Reggio Calabria,  invitiamo chi oggi ricopre l'incarico di Consigliere Regionale della Calabria ad intervenire realmente, piuttosto, sulle norme di propria competenza che sono concausa dello sfacelo che abbiamo purtroppo sotto gli occhi ogni due mesi».

È quanto dichiara in un comunicato stampa il sindaco di Corigliano-Rossano, Flavio Stasi.

«La legge gattopardesca che istituisce gli ATO, infatti, emanata durante la presidenza Scopelliti, ha creato delle scatole vuole, addirittura senza personalità giuridica, che – esattamente come previsto – non si sono dimostrate in grado di sopperire all'enorme deficit impiantistico ereditato dall'Ufficio del Commissario, e non a caso l'ambito che ne sta pagando il prezzo maggiore è proprio l'ATO di Cosenza, ovvero quello che manifestava maggiori lacune in termini di presenza di impianti. Non è un caso che l'Ambito più grande della Regione, infatti, sia stato commissariato già per due ambiti, ovvero anche per la individuazione dei siti dove collocare gli impianti, senza però riuscire a superare l'impasse che dura da decenni».

«Non si tratta, per altro, di considerazioni inedite: sono le stesse che ho espresso in audizione proprio presso la Commissione Consiliare Ambiente che discuteva questa legge nel 2014. Il conferimento presso altri ambiti, purtroppo, è una misura sofferta a cui come Sibaritide, viste anche le difficoltà generali dell'intero ambito provinciale, ricorriamo già per la seconda volta, resa possibile grazie alla collaborazione ed alla disponibilità reciproca manifestata tra città ed ambiti diversi, ma risulta evidente come il sistema richiesta interventi strutturali da parte della Giunta Regionale» conclude il sindaco.

Non si è fatta attendere la replica dell’onorevole Pasqualina Straface a queste dichiarazioni a firma del sindaco Flavio Stasi: «Un evidente scatto di gelosia, frutto della sua ormai nota incapacità d’intessere rapporti istituzionali civili e proficui e di affrontare le problematiche del territorio dando vita ad una sterile “caccia alle streghe” e ad individuare “nemici” lungo il suo cammino. È davvero indecorosa e inopportuna, dal punto di vista anzitutto istituzionale, la nota stampa a firma del sindaco di Corigliano-Rossano, il quale farebbe bene ad iniziare a dedicarsi ad assolvere il suo ruolo di primo cittadino piuttosto che “soffrire” per la presenza della scrivente. Mi dispiace per lui, ma deve rassegnarsi a quello che è stato, è e sarà sempre il mio attivismo politico, forte del mandato conferitomi dai cittadini e dal mio modo d’intendere il ruolo istituzionale ricoperto, sempre e unicamente rivolto dalla parte della gente e del territorio».

Veronica Gradilone
Autore: Veronica Gradilone

24 anni. Laureata in scienze della comunicazione. Laureanda magistrale in comunicazione e tecnologie delle informazioni. Mi piace raccontare le storie, non mi piace raccontare la mia