9 ore fa:Al via l'Estate a Sofferetti, tra fede e musica
10 ore fa:Corigliano-Rossano: «Apri siamo i Carabinieri» e poi lo accoltellano
Ieri:La Vignetta dell'Eco
Ieri:Verso le aziende agricole digitali anche nella Sila Greca
14 ore fa:Auto contro motociclisti: due feriti nel violento scontro di Cassano Jonio
11 ore fa:Il cassanese Luigi Pascale vince il premio America Giovani
7 ore fa:Corona Maestro d’Olio 2024: i fratelli Renzo tornano a casa con l’ambito riconoscimento 
13 ore fa:Aggressione al vicino di casa e dinanzi agli agenti, assolto perché il fatto non sussiste
12 ore fa:Cosa si dice nella Calabria del nord-est: una settimana di notizie
8 ore fa:Chiusura nefrologia, Stasi: «Ennesimo disastro targato Graziano-Occhiuto»

Laghi di Sibari, riapertura Canale degli Stombi: vertice in Comune

3 minuti di lettura

CASSANO JONIO - Per “Comunicazioni e determinazioni circa la situazione del Canale degli Stombi”, su iniziativa del sindaco di Cassano Jonio, Gianni Papasso, si è tenuto presso il palazzo di Città un incontro con i rappresentanti dell’associazione "Laghi di Sibari", della lega navale italiana, dell’associazione VelaSi, del comitato Velisti Indignati, di Casa Bianca Group e della Nautica Motor Sport.

Presenti al tavolo di concertazione, anche il presidente del Consorzio di Bonifica integrale dei bacini dello Jonio cosentino, Marzio Blaiotta, l’assessore comunale al turismo, Gianluca Falbo, il presidente del consiglio comunale, Lino Notaristefano, il responsabile dell’area tecnica dell’ente locale, Luigi Serra Cassano, il responsabile del patrimonio, Mauro Stellato, Leonardo Iannicelli, rappresentante del comune in seno al comitato direttivo dell’associazione Laghi di Sibari e il presidente del collegio dei Revisori dei Conti di AssoLaghi, Fortuna Rizzuti.

La riunione è stata caratterizzata da un report circostanziato del primo cittadino, che con dovizia di particolari rapportati ad atti consumati nel tempo in merito all’annosa vicenda del Canale Stombi, ha rappresentato un quadro chiaro della vicenda Stombi e all’utilizzo del pontone dragante, il mezzo acquistato con fondi regionali, per poter assicurare la navigabilità del canale, arteria marina da e per il centro nautico dei Laghi di Sibari.

Nel suo dire, il sindaco ha affermato che a breve avverrà il passaggio formale di consegna del natante, di fatto già a disposizione, dal Comune ad AssoLaghi. Nei giorni scorsi, ha riferito, è avvenuto presso la capitaneria di porto di Corigliano, anche il passaggio dello status di “armatore” del natante, tra lo stesso sindaco Papasso e il presidente di AssoLaghi, Guaragna.

Dopo avere superato non pochi ostacoli burocratici per la definizione presso le autorità competenti della regolarizzazione del pontone dragante, adesso sono stati richiesti altri adempimenti per ottenere le relative autorizzazioni che consentiranno di addivenire alla definitiva conclusione dell’iter per l’entrata in funzione del mezzo.

L’intendimento del primo cittadino, è quello di procedere in maniera condivisa con i vari attori coinvolti, per giungere alla definitiva soluzione delle questioni in atto.Pur comprendendo le giuste proteste degli utenti della rinomata località turistica, dovute chiusura del canale che impedisce il traffico dei natanti, il sindaco ha richiamato tutti al senso di responsabilità e al rispetto delle norme in materia che impongono tutta una serie di procedure e atti da espletare che, l’amministrazione comunale ha messo in atto.

«Soprattutto dopo le note vicende anche giudiziarie che hanno riguardato lo Stombi - ha rimarcato Papasso - nella maniera più assoluta non possiamo permetterci il lusso di sbagliare, di essere superficiali». Nel suo lungo argomentare sulla questione, il sindaco ha ricordato, tra l’altro, la convenzione approvata dalla commissione straordinaria che regolamentava il rapporto tra il Comune e l’Associazione Laghi di Sibari, «per operare insieme nel canale, rilanciato a sua volta dall’amministrazione in carica con un piano operativo».

«Nel frattempo - ha aggiunto - è sorto il problema riguardante la concessione ottenuta dalla Commissione relativa alla movimentazione di sedimenti presenti all’interno del canale, che richiedeva un’altra autorizzazione, così come è avvenuto, da parte della Regione Calabria. Il decreto in questione, oltre a stabilite delle restrizioni, ha richiesto il coinvolgimento dell’ArpaCal, che avrà il compito di approvare il progetto redatto dall’amministrazione comunale per la movimentazione di altri 21 mila metri cubi di sedimenti, nonché il piano di caratterizzazione delle sabbie».

Queste ulteriori procedure burocratiche sopravvenute, una volta concluse, consentiranno di passare alla fase operativa con l’impiego dei mezzi per liberare il canale e renderlo navigabile. Il sindaco Papasso, ha colto l’occasione per ribadire l’impegno proprio e dell’amministrazione comunale per il rilancio del complesso turistico di eccellenza dei Laghi di Sibari, fiore all’occhiello del territorio.

Altra informazione che il primo cittadino ha inteso condividere con i presenti, è il progetto per giungere a una definitiva soluzione del problema, che riguarda l’allungamento dei moli, il loro rafforzamento e la revisione dell’imboccatura del Canale Stombi, per il quale si sta lavorando insieme all’assessore regionale Gianluca Gallo, che prevede un finanziamento di circa 10 milioni di euro. Dopo avere ascoltato alcuni dei rappresentanti intervenuti, che hanno dato atto dell’interesse dell’ente locale verso la località turistica in questione, il sindaco Papasso, ha concluso ribadendo l’impegno diuturno dell’amministrazione locale, che nella fattispecie, non può, né deve essere considerata controparte, nell’azione di rilancio dei Laghi, attraverso la prioritaria osservanza di percorsi di legalità.

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.