3 ore fa:Un annullo filatelico dedicato alla Madonna della Nova di Rocca Imperiale
4 ore fa:Due rappresentanze della Calabria del nord-est nella Guida Pane e Panettieri d’Italia 2025
1 ora fa:Processo Athena, prosciolto l'imprenditore cassanese Mario Varca
2 ore fa:Il comune di Civita a LillestrØm in Norvegia per un seminario sulla criminalità giovanile
7 ore fa:Cassano Jonio, la Scuola di Danza "Belle Epoque" primeggia all'International Excellent Competition
1 ora fa:I consiglieri di maggioranza di Longobucco rispondono alle accuse sul «falso bilancio»
7 ore fa:Debutta Pollino Cocktail Camp, il primo raduno sulla botanical mixology
2 ore fa:Guglielmo Caputo (FdI): «Sarà un opposizione costruttiva ma senza sconti su nulla»
30 minuti fa:Si conclude con successo il progetto "Gocce nel Deserto Kids" in collaborazione con la Chiesa Valdese
3 ore fa:Stasi sui palchi di Vibo Valentia parla da leader di una nuova politica calabrese

L'Italia amputati vince la Nations League, tra i preparatori anche l'ex Rossanese Ramunno

1 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO - Francesco Ramunno, ex portiere della Rossanese e bandiera dei rossoblu, torna ad essere protagonista con la nazionale italiana amputati. “Blindo”, così battezzato nei suoi anni sulle rive dello Jonio, attualmente ricopre il ruolo dei preparatori dei portieri della nazionale azzurra allenata dal commissario tecnico Vergnagni.

L’Italia, ad Annecy in Francia, ha trionfato nella EAFF Nations League Division B, guadagnando quindi il passaggio alla Division A. Un successo maturato dopo i trionfi contro Francia per 2-0, contro l’Irlanda per 2-1 e contro la Germania per 3-0. Fondamentale è stata la tenuta difensiva e l’abilità dei portieri, questi ultimi allenati proprio dal grande ed indimenticabile Ciccio Ramunno.

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.