8 ore fa:Branduardi a Corigliano-Rossano per l'unica tappa in Calabria
6 ore fa:Rapani e Liris (FdI) presentano una "tassa fissa" per rivitalizzare il settore ambulante
6 ore fa:Ecco il cartellone degli eventi estivi a Morano
4 ore fa:Treno shuttle Sibari-Crotone, c'è anche Papasso che rilancia: «Potenziare anche Sibari-Taranto»
4 ore fa:Temporale a Corigliano-Rossano: tanti disagi ma no evento straordinario
7 ore fa:Nicola Lagioia è un nuovo giurato del Premio Sila '49
5 ore fa:Cosenza-Sibari, la galleria incompiuta di Cozzo Castello e il mistero in Provincia
7 ore fa:La Calabria nella Giunta Esecutiva nazionale di FederCasa: Riconfermata Grazia Maria Carmela Iannini
5 ore fa:Bomba d'acqua a Schiavonea, Straface: «Allagata per assenza di manutenzione e prevenzione»
8 ore fa:Promozione turistica e mobilità sostenibile in Sila

«Sul Tribunale si pensi al bene comune, non al potere. Si smetta di polemizzare»

2 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO - «Lo scenario e il dibattito di questi giorni sono surreali. Dopo l'assurda soppressione del Tribunale di Rossano, concretizzata oramai 10 anni fa, sarebbe opportuno concentrare tutte le energie del territorio, quindi tutte le istituzioni in sinergia, per rimarginare questa profonda ferita ed incalzare un provvedimento del Parlamento che sconfessi quella sciagurata revisione della geografia giudiziaria votata nel 2013 da PdL, Pd, UdC, Fli ed altri. Invece continuiamo a leggere il continuo e sterile tentativo di polemizzare con l'Amministrazione Comunale e su un argomento sostanzialmente incredibile, cioè la disponibilità di un immobile: nemmeno il più disinformato degli osservatori potrebbe mai pensare che questo possa rappresentare un problema».

È quanto si legge in una nota stampa dei movimenti Corigliano-Rossano Pulita, CoriglianoRossano Futura, Uniti Per Stasi Sindaco e Europa Verde – Verdi Corigliano-Rossano.

«Al contrario – continuano - c'è da produrre atti parlamentari che rendano concreta la volontà politica del Governo e del Parlamento di rivedere la geografia giudiziaria e che al momento sono fermi al palo. Si lavori uniti su questo, che è la vera questione. Per altro nelle bozze di disegni di legge di cui ancora si deve discutere presso le commissioni competenti in parlamento non vi è alcun accenno alla questione degli immobili, tenendo conto del fatto che la Regione Calabria ha già dato disponibilità a farsi carico delle spese per la manutenzione. Non possiamo non notare come il Sindaco, nella propria iniziativa dello scorso febbraio, abbia invitato come relatori tutti i parlamentari, dimostrando grande rispetto e forte volontà di attivare sinergie istituzionali, mentre una parte della delegazione parlamentare continua a promuovere inutili iniziative unilaterali e polemiche».

«Il problema – aggiungono - forse è non voler riconoscere al Sindaco di aver già recuperato, insieme all'ex carcere, al faro, al patrimonio boschivo e tanto altro, anche lo stabile del Tribunale e di aver già individuato una possibile destinazione ed un finanziamento come fatto per quasi tutti gli edifici comunali? O peggio? Questo è uno dei grandi meriti di questa amministrazione, che sta sbloccando vicende bloccate per anni, individuando soluzioni, intercettando finanziamenti, tentando di ravvivare i centri storici. Bisognerebbe quindi avere l'onestà di fare semplicemente un plauso all'esecutivo per questo, ed apprezzare ancor di più la chiarezza di una affermazione ripetuta più volte: il tribunale ha la priorità assoluta su ogni altro progetto».

«Condividiamo il continuo richiamo del Sindaco all'unità ed alla coesione, ed apprezziamo lo spirito costruttivo con il quale continua a dichiarare pubblicamente il sostengo dell'intera Amministrazione, che facciamo anche nostro, alla delegazione parlamentare per il raggiungimento di un obiettivo comune. Al posto delle conferenze unilaterali, serve un tavolo istituzionale con Comune, Consiglieri Regionali e Parlamentari, nel quale condividere percorsi e strategie, un tavolo a cui spesso il sindaco si è richiamato ma che sembra non interessare a chi, invece, ha responsabilità dirette ed ha il dovere di costruire un fronte comune. Invitiamo quindi tutte le forze politiche ed istituzionali a smetterla di polemizzare e lavorare, fianco a fianco insieme al Primo Cittadino, per il riconoscimento di un diritto inderogabile della nostra comunità, ovvero l'istituzione del Tribunale di Corigliano-Rossano. Questa è l'unica cosa che interessa alla comunità».

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.